Nuove ricette

101 migliori pizze in America per il 2018

101 migliori pizze in America per il 2018



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

"Hai provato il resto, ora prova il meglio."

SJ TY L./Yelp

La drogheria Micucci è stata aperta nel 1951 da Leo e Iris Micucci e da allora è a conduzione familiare. È più un paninoteca che incontra un negozio di gastronomia e un negozio di prodotti secchi che una pizzeria. Ma il motivo della visita è nel retro, su per le scale a sinistra dove vengono cotte e riposte le “piastre” di pizza siciliana interpretata all'americana.

La parola lastre, non rende giustizia a queste fette: un ibrido curioso, non sono nemmeno lontanamente pesanti come la maggior parte delle descrizioni trasmette. Mezza più grandi del siciliano convenzionale e altrettanto spesse, anche se più umide e più pastose, le lastre di Micucci potrebbero non essere autentiche italiane, ma sembrano un'iterazione idealizzata della focaccia che hai sempre cercato, ma mai sperimentato.

Ciascuno è lungo circa 6 pollici. C'è un cornicione irregolare (l'anello di crosta lungo il bordo della pizza), non molto diverso dal resto della fetta, tranne che più asciutto per non essere coperto dal pennello di salsa dolce e uno strato incompleto di mozzarella sul resto . "Cuscino" e "arioso" sono stati usati per descrivere queste pizze. Immagina una focaccia soffice e leggera - alta un pollice in alcuni punti ma non più sottile di un terzo di pollice da nessuna parte - che è pastosa e più umida della maggior parte con strati di bolle. C'è una manciata di erbe italiane con rivoli di formaggio e correnti sotterranee di salsa attorno a sezioni gonfie rialzate di pasta e formaggio croccante, specialmente i bordi.

Non è pizza in nessun altro senso tradizionale regionale americano, né si può dire che sia proprio italiana. Ma c'è qualcosa di estremamente giusto e soddisfacente in questo. Considera il piacere caldo e arioso dell'impasto appena sfornato senza troppa crosta di cui parlare, il sapore piccante della salsa dolce e il sapore salato del formaggio appena fuso, e hai l'idea di una fetta fresca di Micucci.

Questa è la classifica del 2018. Per la classifica della pizza più recente, fare clic qui.

Ogni anno, The Daily Meal intraprende una ricerca donchisciottesca per classificare le migliori pizze d'America. Questo segna la nostra settima classifica annuale e ogni anno le pizze migliorano sempre di più.

È un momento fantastico per la pizza in questo paese. Il classico stile napoletano è ormai diffuso, mentre la pizza al taglio romana è sbarcata e sta rapidamente proliferando. C'è più fascino che mai per la pizza e i commensali cercano sempre più l'America possedere stili regionali. Alcuni ora affermano che Chicago non è solo un cliché di fondo, ma piuttosto la più grande città della pizza d'America; Buffalo ha visto una maggiore attenzione per il proprio stile poco apprezzato; si sono diffuse le torte da bar e lo stile New Haven; Detroit continua a farsi strada nei menu della pizza a livello nazionale; e alcune articolazioni determinate ed energiche stanno persino alimentando una rinascita nella cultura della fetta di New York City.

Tutto ciò ha contribuito a rendere ancora più difficile che mai classificare le migliori pizze del paese, ma ancora una volta abbiamo accettato la sfida (leggi la nostra metodologia completa e incontra i nostri relatori qui) e abbiamo raccolto le 101 migliori pizze in America.

# 101 Sicilian Slab, Micucci Grocery (Portland, Maine)

SJ TY L./Yelp

La drogheria Micucci è stata aperta nel 1951 da Leo e Iris Micucci e da allora è a conduzione familiare. Considera il piacere caldo e arioso dell'impasto appena sfornato senza troppa crosta di cui parlare, il sapore piccante della salsa dolce e il sapore salato del formaggio appena fuso, e hai l'idea di una fetta fresca di Micucci.

#100 Pepperoni, La Nova (Buffalo, New York)

La Nova è una leggenda di Buffalo e festeggia più di 50 anni di attività. Certo, ha preso il suo nome facendo di tutto, dalla sponsorizzazione di squadre sportive professionistiche locali al regalare migliaia di magliette, ma la pizza è anche spettacolare. Ci sono almeno 21 condimenti tra cui scegliere e 19 torte speciali, tra cui torte quadrate, pizze dalla crosta sottile e "The Big Joe" da 30 pollici, ma attenersi alla loro classica torta rotonda, che (in tipico stile Buffalo) è caricato con più salsa e formaggio di quanto si possa pensare necessario, nonché un'ampia quantità di peperoni, che si arricciano in piccole "coppe" e si carbonizzano leggermente durante la cottura (da qui il termine distintamente "cup and char" della pizza di bufala). Considera di livellare la tua crosta gratuitamente con semi di sesamo, cipolla, aglio, spezie Cajun o Parmigiano-Reggiano. E ordina anche le ali da barbecue: La Nova è famosa anche per aver inventato questo stile nel 716.

#99 Patate e cipolle al forno a legna, Pizzeria Inferno (Darnestown, Maryland)

Sebbene sia passato inosservato per alcuni anni, il segreto di Inferno è in gran parte scoperto. Nel 2017, il Washington Post ha nominato Inferno la migliore Margherita nella zona di Washington, e nel 2018 Washingtonian l'ha inclusa nella sua lista dei 100 migliori ristoranti. Lo chef Tony Conte ha affinato le sue abilità come chef esecutivo dell'Oval Room di D.C. e sous chef esecutivo del Jean-Georges di New York prima di trasferirsi nei sobborghi di D.C. per aprire la sua visione di un'autentica pizzeria napoletana. Il fulcro del ristorante informale è un forno a legna piastrellato su misura, che sforna un elenco di torte che cambia stagionalmente in base a ciò che è fresco e locale. Se vuoi abbracciare la linea di fondo, mantieni il classico D.O.C. Margherita, semplicemente condita con salsa di pomodoro San Marzano, fior di latte, olio d'oliva e basilico, ma assicurati di ordinare almeno un'altra torta: la pizza con patate arrosto alla brace, cipolle arrosto e mozzarella affumicata. L'Inferno è chiuso il lunedì e il martedì, e resta aperto nelle altre sere solo fino a esaurimento della pasta in cucina.

#98 Formaggio normale, Pizza Wagon (Brooklyn, New York)

Se prendi sul serio la pizza di New York City, prima o poi hai letto qualcosa scritto da Adam Kuban, fondatore dell'ormai defunto blog di pizza Slice. È come la versione pizza di Manhattan di Chester Copperpot di "The Goonies", solo lui ne è uscito vivo. Kuban potrebbe essere il blogger di torte OG ora, ma c'è stato un tempo in cui Slicemeister era un padawan della pizza: masticava croste, tagliava fette e imparava cosa fatto Le fette sopra la media di New York City. Pizza Wagon ha contribuito a stabilire questo standard, qualcosa che sta facendo a pochi isolati dal Verrazano-Narrows Bridge (che lo precede solo di due anni!).

Questo è un menu semplice: torte grandi, piccole, quadrate, bianche o "speciali" e condimenti standard. E il siciliano ottiene oggetti di scena, ma se stai facendo un viaggio a Bay Ridge o deviando dalla Gowanus Expressway per raggiungerlo, stai afferrando una fetta semplice - non troppo grassa, croccante ma ancora pieghevole, più sottile del solito, e quella il classico arancione brillante che si ottiene quando avviene l'alchimia di salsa e formaggio.

#97 Margherita, Pizza Rock (Las Vegas, Nevada)

Foursquare

Questo avamposto di Las Vegas, una delle 14 pizzerie di proprietà del re della pizza californiana Tony Gemignani, non lesina sulla preparazione della pizza. Ci sono almeno quattro forni (un forno a legna Cirigliano Forni a 900 gradi F, un forno a mattoni a gas Rotoflex, un forno a mattoni a gas Marsal e un forno a mattoni elettrico italiano Cuppone) che il pizzaiolo usa per inviare la sua torta d'autore stili (Napoletana, classico italiano, classico americano, siciliano e romano), di cui ci sono molte iterazioni impressionanti in ogni categoria. Il tuo obiettivo? Prova a segnare una delle uniche 73 torte Margherita fatte ogni giorno usando la pluripremiata ricetta di Tony.

#96 Spangler, Zoli's NY Pizza (Addison, Texas)

Zoli's era originariamente uno slice joint in stile newyorkese aperto da Jay Jerrier di Cane Rosso nel 2013, ma secondo Jerrier, ha chiuso dopo uno scontro con "sviluppati immobiliari". Qualunque cosa sia successa, a quanto pare è andata per il meglio, perché Zoli's (dal nome di un cane), ha riaperto sotto la guida del veterano della pizza di 30 anni Lee Hunzinger con un bar completo, dolci, un menu ampliato (incluso un omaggio al sottovalutato Upstate Riggies di pollo delicatezza newyorkese e una versione unica di SpaghettiO's) e uno spirito di sperimentazione e impegno per la qualità che non trovi ovunque.

Ci sono 12 torte con nomi giocosi che possono essere in parte uno scherzo, in parte un omaggio e in parte una costola bonaria (formaggio freddo su Pizza Loves Emily!). Ci sono le torte della nonna il mercoledì, e poi c'è il Meatzilla Monday, un'enorme pizza doppia farcita con soppressata, polpette affettate, peperoni, salsiccia italiana e (ovviamente) formaggio, che viene poi inanellata con nodi d'aglio che compongono la crosta. È tutto condito (dopo la cottura) con salsa, formaggio e peperoni (secondo Eater, ogni fetta pesa due chili!). Se tutto ciò sembra troppo da gestire, inizia con lo Spangler: mozzarella, salsa, basilico e olio extra vergine di oliva.

#95 Bacon and Clam, Joe Squared (Baltimora, Maryland)

Guy Fieri e Food Network Magazine hanno trasformato Joe Squared in un viaggio obbligato per i fan di Flavortown, ma è anche un punto di riferimento per i trekker di torte che sperano di raggiungere le migliori pizze in ogni stato. Nessuno in Maryland, si può obiettare, serve una pizza migliore. Il proprietario Joe Edwardsen ha presentato alla gente del posto le sue torte quadrate, con pasta madre, quasi sottilissime nel 2006, uno stile che contrasta con le connotazioni tipiche suggerite da questa forma. Non sono la pizza in teglia, la pizza della nonna o le torte in stile Detroit, ma le pizze dalla crosta sottile, appena quadrate e cotte in un forno a carbone a 800° per un minuto. Perché quadrato? Joe ha spiegato che gli piace la pizza con i bordi e che le scatole per pizza sono quadrate, il che sembra sia logico che difficile da discutere.

#94 Crea la tua pizza artigianale di Luke (Charleston, Carolina del Sud)

Per i nerd della pizza che si sono recati a Philly's Fishtown per visitare l'ormai scomparsa Pizzeria Beddia, che nel 2015 Bon Appétit ha definito la "Migliore pizza d'America", potrebbe esserci qualcosa di familiare in Luke's Craft Pizza. È un negozio di 450 piedi quadrati che è aperto per quattro sere a settimana (chiudono dal lunedì al mercoledì), possono volerci da cinque minuti a un'ora e mezza per una torta, ci sono regole sulle torte ( niente mezze farciture), si fanno solo 50 pizze a sera, non c'è servizio al tavolo (si può mangiare al loro due top o sul bancone fuori però) e chiudono quando l'impasto finisce.

La cosa più importante, le torte sono Buona. E loro Guarda Buona. Questo probabilmente ha qualcosa a che fare con questo essere una pizzeria a conduzione familiare gestita da Luke Davis e sua moglie, Brittany, e il tempo in cui Luke ha lavorato nei rinomati pizzerie della Carolina del Sud EVO, Monza e Coastal Crust. Qui, i condimenti sono la tua avventura. Scegli una base per la tua torta da 14 pollici (pomodoro schiacciato, ricotta cremosa, olio d'oliva e aglio) quindi scegli tra 12 condimenti che vanno dalla salsiccia di finocchio della casa, allo speck, ai cremini e al salame di Casalingo alle olive di Castelvetrano. Oppure opta per lo speciale stagionale che si sforzano di fare ogni settimana: controlla Instagram e Facebook per una foto e una descrizione della pizza per scoprire cosa c'è in lavorazione.

#93 Nduja, Pizza artigianale di Jay (Buffalo, New York)

Jay Langfelder divenne noto nel 716 per via delle torte che tirava fuori dal suo O.G. Camion di cibo Wood Fire, che guidava con un forno all'interno che pesava una tonnellata. Jay ha detto che "O.G." stava per "un obiettivo", rendendo il migliore pizza napoletana americana moderna ma il camion significava limitazioni. Quando il suo negozio di mattoni e malta è stato aperto alla fine del 2017, aveva la configurazione necessaria per soddisfare le sue alte aspettative e lasciare il nome OG per diventare Jay's Artisan Pizza.

Ci sono nove torte da 12 pollici fatte con mozzarella italiana importata e cotte in un forno a legna a 900 gradi. C'è l'immancabile pizza marinara e Margherita. Il quattro formaggio e Amanda (fontal, gorgonzola, fiocchi di cile e miele di cile fatto in casa) sono i preferiti del camion. Ma la Nduja, con aglio, basilico, mozz fresco, fontina, cipolla rossa, 'nduja del Berkshire e miele di peperoncino calabrese… oh, sì. Queste non sono pizze napoletane rigorose - Jay usa ingredienti come i pomodori della California invece dei San Marzanos - ma se stai cercando di scambiare la tazza e il salmerino di Buffalo con l'avvistamento del leopardo, non troverai nulla di più legittimo. Assicurati di controllare il suo Instagram per le sue (di solito) torte in stile Detroit una volta alla settimana.

#92 Pretty in Pepperoni, Timber Pizza Company (Washington, D.C.)

La capitale della nazione, a lungo una landa desolata della pizza caratterizzata da fette jumbo esagerate, si è avviata alla rilevanza della torta negli ultimi anni. Considera Timber Pizza Company un esempio recente di come. Nonostante non sapessero nulla della pizza quando hanno iniziato, in qualche modo, i soci in affari (e precedentemente scoraggiati addetti alle vendite aziendali) Chris Brady e Andrew Dana si sono affermati come una delle pizzerie preminenti della città. È la storia di due uomini che pensavano che imparare la pizza sarebbe stata la barriera più bassa all'ingresso nel mondo culinario, che poi hanno continuato a provare ed sbagliare fino al successo, prima portando un forno per pizza in locali a partire dal 2014, poi andando mattoni e malta nel 2016.

Queste sono pizze dall'aspetto artigianale con il tipo di cornicioni grigi, cinerei e croccanti che non si vedono sulle sempre popolari pizze napoletane che ancora stanno attraversando l'America. Cerca pizze rosse, bianche e verdi da Timber. La loro torta più famosa potrebbe forse essere la Green Monster, condita con pesto, mozzarella fresca, feta, zucchine e cavolo riccio. Ma non puoi sbagliare con l'essenziale, ed è difficile essere più belli di Pretty in Pepperoni, la loro versione di un classico, con salsa di pomodoro, una miscela di provolone e mozz, mozzarella fresca, peperoni e basilico.

#91 Formaggio, Pizza Margherita (Queens, New York)

Se non fosse per i suoi globi lampeggianti, molto probabilmente ti mancherebbe la tenda verde di Margherita Pizza. Dopotutto, questo locale stretto e luminoso, aperto nel 1966 in Giamaica, nel Queens, dal siciliano Stefano DiBenedetto e dall'amico d'infanzia Frank Gioeliand, non è molto da vedere. Ed è l'incubo del grasso della pizza di un assorbente per tovaglioli: c'è il doppio del formaggio rispetto alla crosta e all'olio che gocciolano sul polso dopo solo due morsi. Ma se sei pronto a scrollarti di dosso la ricerca del rapporto perfetto e indulgere nella prelibatezza di una fetta sciatta di New York, ti ​​sarà difficile trovare di meglio. Cammina fino al lungo bancone (senza sgabelli), chiedi una fetta e ti viene consegnata una scheggia di formaggio del paradiso della pizza. Vengono caldi, veloci e quasi sempre con un tiro di formaggio per meno di $ 3.

#90 Pepperoni, pizza a quadrifoglio (Macomb, Michigan)

A volte è meglio lasciare che un luogo parli da solo. Così è con l'istituzione del Michigan Cloverleaf Pizza, il cui sito web osserva: "Nel 1946 la pizza non veniva servita in molti posti a Detroit, ma presto molti diedero il loro primo morso a quella che ora è notoriamente conosciuta come la pizza in stile Detroit quando il fondatore di Cloverleaf Gus Guerra e sua moglie Anna (Passalacqua) hanno introdotto per la prima volta la ricetta di sua madre - la torta quadrata dalla crosta spessa condita prima con uno strato di formaggio seguito da uno strato di salsa di pomodoro - al loro primo bar Buddy's Rendezvous.Gus Guerra ha venduto Buddy's nel 1953 insieme a la sua ricetta per la pizza e ha acquistato il Cloverleaf Bar a East Detroit, ora conosciuta come la città di Eastpointe. Cloverleaf è cresciuto da un piccolo bar di quartiere che Gus ha descritto come simile a "una piccola fattoria bianca" nell'istituzione dell'Eastside che è oggi".

#89 Siciliana, Dino's Tomato Pie (Seattle, Washington)

Non è impossibile, ma fare la lista dei 101 migliori con due diverse pizzerie nello stesso anno richiede alcune salse in più. Quindi dallo a Brandon Pettit, esperto di pizza di Delancey, per aver ottenuto un'altra voce con Dino's Tomato Pie. I forni in muratura personalizzati di Pettit bruciano sette varianti di torte in stile siciliano e tonde da 18 pollici. Ma il siciliano è la strada da percorrere. È arioso e alto un pollice con un sottocarro croccante e lati croccanti con formaggio annerito. Tutto quel sapore salato contrasta piacevolmente con una doppia salsa generosa e dolce.

#88 Entero, Il Forno (San Antonio, Texas)

Michael Sohocki aveva già raggiunto un livello di fama a San Antonio con la sua Gwendolyn e Kimura prima di decidere di costruire il suo forno per pizza in mattoni e aprire Il Forno nel 2016. È già stata salutata come la migliore pizzeria della città, con vantaggi aggiuntivi come un in -programma di salumi della casa e mozzarella che producono con latte locale. Il modo migliore per provare ciò che è stato realizzato qui è ordinare l'Entero, una crosta frizzante e leggermente carbonizzata condita con salsa di pomodoro, mozzarella fresca e peperoni, coppa e salsiccia fatti in casa. (Se ti piacciono le cose piccanti, aggiungi un po' del loro olio infuso di pepe cinese fatto in casa!)

#87 Carbonara, Pizzeria Bebu (Chicago, Illinois)

La cosa del piatto profondo di Chicago è davvero solo uno stratagemma? L'ultimo scherzo sui newyorkesi in visita significava privarli di buone torte sottili? "Continua a distrarli con le cose alte e possiamo tenerli sfortunati come Jordan ha fatto con i Knicks", puoi quasi sentirli sussurrare. OK, forse è un po' troppo JFK-magic-bullet-theory per la pizza, ma il gioco a crosta sottile di Chicago è forte. Insieme al loro chef Jeff Lutzow, il team di marito e moglie Zach e Rachel Smith hanno reso la Pizzeria Bebu uno dei più recenti e interessanti bastioni dello stile di Chicago.

Bebu non canalizza la crosta sottile in stile taverna del Midwest. Le loro torte da 14 pollici sono più scure, croccanti e croccanti con un'ampia gamma di condimenti e un aspetto più napoletano che incontra New York. Tra i loro 14 classici, infatti, troverete un "Ode to Rubirosa" (salsa vodka, pesto di noccioline, mozzarella fresca), un omaggio al classico moderno della pizzeria newyorkese di Nolita, e il White Squall (aglio, vongole veraci, pancetta, prezzemolo, limone e salsa piccante Crystal).

Ma basta parlare di New York e delle sfumature di New Haven. Se ti senti avventuroso, opta per una delle 11 torte sotto l'intestazione "Shhhhhh..." nel menu di Bebu. Le torte spaziano dal semplice formaggio alle combinazioni di condimenti come patate e rosmarino o chimichurri e salsa di vodka. Oppure prendi una carbonara, una torta bianca con cipolla caramellata, pancetta casereccia, uova, scalogno e pepe nero.

#86 Hot Supreme, Margot's (Brooklyn, New York)

Per anni, Adam Kuban ha scritto sul blog di pizza Slice e Serious Eats. Da allora, ha perfezionato la sua pizza, lanciando un pop-up di torta da bar Margot's (chiamato per sua figlia) all'interno di un'altra lodata pizzeria a Brooklyn, Emily (anche in questa lista).

Cos'è la torta al bar? Con le sue stesse parole, Kuban descrive le migliori pizzerie da bar come "luoghi di ritrovo amati che riuniscono generazioni e classi sociali" servendo pizza dalla crosta molto sottile, decisamente croccante, ben fatta ma non al punto da essere bruciata, e " abbastanza grande da poter essere condiviso ma abbastanza piccolo da poterne ospitare uno tu stesso.” Nel suo modo tipicamente umile, Kuban probabilmente ringrazierà il panel di quest'anno e noterà la lunga strada da percorrere per aprire il suo posto. Vero. Ma la pizza da bar è in ritardo per un profilo nazionale più alto e Kuban è l'uomo giusto per alzarlo.

Come mai? Perché puoi dire che sta diventando un maestro in questo. Kuban modifica le sue torte e il suo menu con una certa frequenza (ce n'è uno chiamato "Collaboroni", con un mash-up dei condimenti "Colony" del ristorante ospite di Margot: peperoni, jalapeños sottaceto, miele post-forno), quindi potrebbe volerci un poco più tempo per nominare definitivamente una firma. Ci muoviamo verso l'Hot Supreme. C'è una crosta sottile e rigida, una miscela segreta di formaggio, uno strato sottile di salsa, Romano, salsiccia, jalapeños sottaceto e cipolle rosse tritate. Uomo, oh uomo!

Queste sono gemme di pizza ben fatte abbastanza sottili da riempirti e abbastanza buone da farti desiderare di più quasi immediatamente. Ma buona fortuna per entrare. Margot's è un pop-up a pagamento che si esaurisce con settimane di anticipo. La cosa migliore è iscriverti all'elenco e-mail, attendere un annuncio ed essere pronto a lanciarti nel momento in cui i biglietti saranno in vendita.

#85 La lastra a mano, lastra (Portland, Maine)

Come ti dirà qualsiasi Portlander, Micucci era solo Micucci a causa di Stephen Lanzalotta. Con quella logica, dopo il litigio tra lui e i suoi proprietari, Slab, il suo posto nel vecchio edificio del mercato pubblico di Portland, è il posto a Portland per la pizza. Ad ogni modo, "lastra" è una parola curiosa per descrivere queste fette morbide. Ogni rettangolo spesso un pollice è una focaccia soffice e umida condita con formaggio appena fuso distribuito in un modo che ricorda le placche tettoniche. Se stai cercando di fare un confronto tra questo stile e il siciliano, sono più umidi, più pastosi e più grandi di circa la metà. Sono così ariosi che è difficile credere che una "lastra a mano" pesi un chilo intero (una "mezza lastra" pesa 4 libbre e una "lastra intera" pesa 8 libbre).

Se questa è la tua prima volta, opta per la torta in stile siciliano originale di Steve: "impasto vecchio stile mescolato fresco a mano" e condito con salsa di pomodoro, mozzarella, provolone, origano e olio d'oliva (puoi aggiungere peperoni per $ 2 per fetta - fallo). Altrimenti, ti consigliamo di provare lo "Sfinch", un omaggio alla fetta di venditore ambulante impanata di Palermo, la sfinciune. E se atterri lì di domenica, l'Hangover Wedge, con salsiccia, peperoni, pancetta, cipolla arrosto, crumble di patate, salsa di peperoni arrosto e "formaggi".

#84 Pepperoni Pie, Pizza Bocce Club (Buffalo, New York)

Andando forte dal 1946, il Bocce Club è stato fondato da Dino Pacciotti poco dopo il suo ritorno dalla seconda guerra mondiale ed è oggi gestito dal figlio Jim. La ricetta della pizza non è cambiata molto: l'impasto viene preparato da zero e steso a mano ogni giorno, la salsa è fresca e il formaggio è 100% mozzarella di latte intero. Ma il locale è al passo con i tempi: è stata la prima pizzeria di Buffalo ad offrire il cibo da asporto in cartone ondulato (1955), e la prima ad offrire torte semicotte da finire di cuocere a casa (le spedisce in tutta la nazione). Per quanto riguarda la pizza, è irreprensibile e stabilisce lo standard per le torte di Buffalo rispetto al quale vengono giudicate tutte le altre. Ti suggeriamo di rimanere con la Pizza Bocce Originale con solo salsa e formaggio, condita con peperoni di alta qualità che si arricciano nella familiare "tazza e salmerino".

#83 Cheese Pie, Lorenzo's and Sons (Philadelphia, Pennsylvania)

Foursquare

I nativi di Filadelfia hanno un rapporto di amore/odio con la trappola per turisti che è South Street. Le bevande sono troppo care e i negozi kitsch, ma è qui che hanno trascorso gli anni dell'adolescenza vedendo band, visitando negozi di novità e ottenendo una fetta da Lorenzo's.

Una pizzeria senza fronzoli e per tutti i gusti, Lorenzo and Sons non esiterebbe a buttarti sul marciapiede se chiedessi qualcosa di diverso da una pizza al formaggio. Non c'è nessun posto dove sedersi. Non puoi usare il bagno. E molto probabilmente, hai aspettato 30 minuti prima ancora di ordinare. Ma quando vendi fette delle dimensioni della faccia di un cliente per tre dollari l'una che sono sempre perfette, hai margine di manovra per essere burbero.

Nel 2012, l'amata pizzeria è bruciata da quello che secondo i vigili del fuoco era un problema con il cablaggio nel soffitto sopra il forno e il condotto di scarico della griglia al primo piano, ma da allora è stata ricostruita e sta ancora vendendo quelle fette deliziose a buon mercato (con il peggior servizio orgoglioso).

#82 Siciliana, Bruno's (Clifton, New Jersey)

Ignora il melodramma familiare di cui si è parlato nel corso degli anni, oppure no, e colpisci entrambi Bruno's, quello di Clifton e quello di Lyndhurst. Non possiamo sopportare l'ennesima controversia familiare interna alla pizza, quindi noteremo solo che Bruno è vecchia scuola. È un locale di quartiere senza fronzoli che ha aperto nel 1972 e che fa di un siciliano un mostro, sia nell'aspetto che nella reputazione. Queste sono fette enormi e impertinenti che si alzano notevolmente al centro, quasi come se incarnassero l'ampio centro dell'onnipresente pizzaiolo ammiccante.

#81 A Mano Pie, A Mano Pizza (Ridgewood, New Jersey)

Shh. Non dirlo a nessuno, ma c'è un po' di Napoli a Ridgewood, nel New Jersey. Lo spot ha un forno a legna costruito a mano in loco "da artigiani napoletani, utilizzando pietre e terra vulcanica importata da Napoli", forni che possono essere mantenuti a 1.000 gradi. Il pizzaiolo fondatore di A Mano Roberto Caporuscio è andato avanti da tempo (anche il suo locale di Manhattan Kesté è tornato al 101 di quest'anno) ma le fondamenta che ha gettato per il ristorante nel 2007 erano forti (A Mano afferma di essere uno dei soli tre ristoranti in America certificati sia dalla VPN (Verace Pizza Napoletana) che dall'APN (Associazione Pizzaiuoli Napoletani) Sosta per l'omonima A Mano Pie (mozzarella di bufala, pomodorini, prosciutto di Parma, rucola, Gran Cru, basilico e olio d'oliva).

#80 Blue Skies, Coalhouse Pizza (Stamford, Connecticut)

La mafia della pizza di New Haven e l'amore per le torte da bar per Colony occupano molto spazio durante le conversazioni sulla migliore pizza del Connecticut, ma da circa un decennio, Coalhouse Pizza a Stamford ha generato il proprio calore, emanato da 12 pollici e torte da 16 pollici che cuociono nel suo forno a carbone. Con 30 torte standard fatte con farina Caputo "00" e mozzarella fresca, e quasi 70 diversi condimenti tra cui scegliere per creare il proprio go-to, Coalhouse potrebbe sembrare errare verso quel dilemma del menu del commensale: cercare di essere troppo per troppi senza fare una cosa giusta. Ma le torte qui sono Buona — scuri e sottili, croccanti nei punti giusti. Tuttavia, non c'è nulla di male nell'attenersi alle basi. E per questo, guarda in alto nel menu e scegli Blue Skies: salsa di pomodoro, mozzarella, parmigiano stagionato e basilico.

#79 Cheese, L'industrie Pizzeria (Brooklyn, New York)

Una scena fiorentina e rinvigorente della fetta di Brooklyn? Sì, dal 2015, il fiorentino Massimo Laveglia stende tondi da 14 e 18 pollici a South Williamsburg presso L'industrie Pizzeria. E ha costruito una combustione lenta, mandando in fibrillazione i cuori con le foto di pizze su Instagram che sembrano Di Fara-esque - la bruciatura, il basilico, quella caratteristica salsa all'arancia e screziata - usando un forno elettrico per l'avvio. Ma queste fette sono uniche nel loro genere: un cornicione a nido d'ape con bolle abbastanza grandi da permettere alle api della pizza di scavare all'interno, quella polverosa statua romana di marmo sul bordo e una chiazza di formaggio e salsa che sembra quasi dipinta in superficie. Non c'è da stupirsi che L'Industrie sia stata definita "una delle pizzerie più eccitanti" per approdare sulla scena da un po' di tempo.

#78 Torta della nonna, La Piazza (Merrick, New York)

"La chi?" Gli abitanti di Manhattan potrebbero chiedere, confusi su qualcosa che gli abitanti di Strong Island già conoscono bene. No. Guarda a est la catena di ristoranti italo-americani del quartiere con tre sedi (Plainview, Melville e Merrick). Osserva Newsday: "Se c'è un ristorante che definisce la cena in famiglia su Long Island, è la destinazione di quartiere per i preferiti italo-americani, tra cui pizza, pasta, panini e, qui, una categoria dedicata esclusivamente alla "Parmigiana". La Piazza sa cosa sta facendo - e lo fa bene." È vero. È diventato di moda menu italo-americani di alto livello, ma c'è qualcosa da dire per l'originale genuino quando è fatto bene, e quando si tratta della torta della nonna di La Piazza , questo è il caso. Gli snob della pizza possono sogghignare, ma probabilmente lo faranno senza aver visitato la maggior parte dei curatori del grande stile di pizza non annunciato di Long Island. Sì Umberto è il maestro, ma La Piazza merita un applauso per la loro versione di nonna torta - una crosta corta cotta in padella croccante e croccante molto condita con un rapporto quasi uguale di mozzarella sminuzzata.

#77 Milano, Metro Pizza (Las Vegas, Nevada)

L'influenza di Gennaro Lombardi è tale che il suo negozio di Spring Street ha prodotto quasi direttamente quella che è generalmente accettata come una delle migliori pizze, se nonil la migliore pizza — a Las Vegas. I nonni dei fondatori John Arena e Sam Facchini si stabilirono a 50 metri da Lombardi e "fin da quei primi giorni, la pizza è stata al centro della [loro] vita familiare" - i primi lavori dei loro genitori erano alimentare il carbone nei forni da forno dove le pizze siciliane sono stati realizzati per le famiglie immigrate del quartiere.

Metro Pizza (nata nel 1980 come Original New York Pizza e ribattezzata nel 1986 quando si è espansa) produce torte artigianali con impasto fresco ogni giorno e ingredienti di qualità superiore da oltre 30 anni. Tra le torte speciali, la Milano (mozzarella, ricotta, pecorino romano e aglio) è una torta bianca degna di nota. Naturalmente, vorrai dare un cenno ad almeno una delle sei "East Side Pizzas" che prendono il nome dalle strade di Manhattan come Mulberry, Mott e Bleecker.

#76 Pepperoni Pie, Delancey (Seattle, Washington)

Coloro che criticano la scena della pizza nel nord-ovest del Pacifico devono sostenere. Mettiamolo nel contesto: Washington divenne il 42° stato nel 1889, 16 anni prima che Gennaro Lombardi aprisse la prima pizzeria d'America... a New York City. Washington e l'Oregon (sebbene l'Oregon abbia 30 anni sul suo vicino) meritano un po' di tregua per non avere una tradizione secolare. Non che i loro abitanti amanti della pizza abbiano bisogno di handicap sdolcinati, almeno non più. Prendi in considerazione Delancey di Seattle, che Brandon Pettit, un ex studente di musica di New York, ha aperto con sua moglie nel 2009.

L'idea di Delancey (dal nome della fermata della metropolitana preferita di Pettit a Manhattan), è nata dal suo desiderio per le pizze con cui è cresciuto a New York e nel New Jersey. Come ha osservato il New York Times, "l'impasto ha un sapore intenso, leggermente simile al lievito naturale, dal processo di fermentazione di due giorni di Mr. Pettit e le combinazioni di condimento offerte sono semplici ma utilizzano gli ingredienti stagionali più freschi disponibili".

Ci sono 9 torte nel menu, tra cui la "Brooklyn" (ispirata alla torta di formaggio di Di Fara) e la torta bianca (con ricotta fatta in casa, aglio a scaglie e grana padano), ma Delancey ha notato e relatori votato per la torta di peperoni come quella che dovresti cercare. E nel caso in cui ancora non otteniate l'affermazione della pizza Pacific Northwest, potreste tenere a mente che non solo una delle loro pizzerie è la migliore del paese, ma ha legami con uno dei food blogger più letti del mondo. Chi è la moglie di Pettit? Solo Molly Wizenberg di Orangette. Quindi lì.

#75 Margherita, Pizza Hacker (San Francisco, California)

San Francisco potrebbe aver perso Una Pizza Napoletana, ma non fa male per le pizze di livello successivo. Jeff Krupman, nato a Columbus, Ohio, si è fatto un nome per anni, prima hackerando una griglia Weber e facendo funzionare un forno per pizza mobile lungo i confini della vendita ambulante legale prima di trasferirsi in un punto di mattoni e malta all'aperto della missione Dal martedì alla domenica sera. Le pizze da 12 pollici di Krupman presentano centri belli, dall'aspetto quasi zuppa e bolle di carbone, e non sono proprio napoletane (anche se ha definito una visita del 2001 all'Antica Pizzeria da Michele di Napoli un "vero fulmine"). No, ci può essere una finitura della crosta quasi lucidata a olio e tondi ad arte fuori dal cerchio.

Otto torte completano il menu, tre classici: una Margherita, una Margherita "Top-Shelf" e la marinara) - tre "Preferiti", che contengono ingredienti come salsiccia italiana calda fatta in casa, chorizo ​​e uova di fattoria con succo di limone - e due torte "Ohio", una con peperoni e peperoni e l'altra con sopressata, salsiccia della casa, funghi, mozzarella fresca, origano e grana padano. Inizia con una Margherita di base (o di prima qualità), e non Midwest nativo di Krupman.

#74 Margherita, Del Popolo (San Francisco, California)

Quello che è iniziato come un food truck di grande successo è ora una tappa obbligata di Nob Hill con un cenno Bib Gourmand da Michelin. Nato da un'idea di Jonathan Darsky, ex pizzaiolo dell'acclamato Flour + Water di San Francisco (se ne andò nel 2010), il ristorante propone otto pizze, tutte realizzate con sapiente precisione. La torta bianca con mozzarella, ricotta, basilico e aglio è una specialità, ma la margherita di bufala, fatta con pomodoro schiacciato, basilico e mozzarella di bufala, è un capolavoro.

#73 Changes Daily, Arizmendi Bakery (San Francisco, California)

Prende il nome dall'organizzatore del lavoro e sacerdote basco José María Arizmendiarrieta, questa diramazione del famoso Cheese Board Collective di Berkeley (n. 47) non ha i decenni (è stato aperto nel 2000), ma questa cooperativa di proprietà dei lavoratori non perde un colpo , sfornando pizze sottili, biologiche, a lievitazione naturale, con mozzarella di latte intero e verdure biologiche di stagione. Il problema è che c'è un solo tipo di pizza servita ogni giorno per 364 giorni all'anno. (L'eccezione è il Super Bowl Sunday, quando Arizmendi Bakery infrange la regola di avere due pizze "affrontate" per la loro Arizmendi Pizza Bowl annuale.) Le pizze (sempre vegetariane) sono pianificate un mese o due in anticipo - puoi vedere cosa c'è in offerta consultando il loro calendario — e vengono servite a partire dalle ore 11:00, disponibili calde o leggermente sfornate, a fette o intere.

#72 EBF, Pizza di Zaffiro (Milwaukee, Wisconsin)

Se c'è qualcosa di scientifico nella scoperta di una delle migliori pizze d'America, potrebbe benissimo implicare un'equazione come questa: italo-americani più Milwaukee e formaggio equivalgono alla pizza annunciata da Zaffiro dal 1954. La prima generazione di Liborio "Bobby" Zaffiro italo-americano ha aperto Rock-a-Bye Tap, dove ha iniziato a servire pizza sottile con l'aiuto di suo fratello John prima che aprissero Zaffiro's nel 1956 per farlo a tempo pieno.

Tutto ha funzionato magnificamente per i fratelli di sangue siciliano fino al pensionamento di John nel 1988. Bobby morì l'anno dopo, a quel punto sua moglie e i suoi due figli subentrarono. Zaffiro's è rimasto in famiglia ed è ora guidato dal figlio di Bobby, Michael Zaffiro.

Tuttavia, la tradizione di una torta di Milwaukee a crosta sottile condita con circa tre o quattro volte più formaggio della crosta vive in questa icona del Wisconsin dove, tra le 13 torte del menu (due nuove, una veggie supreme e una "carne lover's" sono stati aggiunti di recente), troverai due voci di menu incentrate sulla "E" con una differenza tra loro: la E ha tutto (almeno per quanto riguarda i condimenti) e l'EBF ("Tutto tranne il pesce") ha tutto ma le deliziose (eppure divise) acciughe. Se non sei un devoto delle acciughe, opta per quest'ultimo e apprezza uno dei regali di pizza di Milwaukee alla nazione.

#71 Barbecue coreano, Pizzeria Lola (Minneapolis, Minnesota)

"Un'immigrata coreana, ispirata dal puro amore per il cibo, la gioia e la deliziosa cucina di sua madre, lascia il suo lavoro quotidiano, apre una pizzeria artigianale e la chiama come il suo cane", osserva il sito web della Pizzeria Lola. "C'è qualcosa di più americano di questo?" Probabilmente no.

L'ex attrice teatrale Ann Kim si è diplomata alla International School of Pizza di Tony Gemignani nel gennaio 2010 e in meno di un anno ha aperto la Pizzeria Lola, dove serve pizze in stile napoletano che prendono il nome dal suo Weimaraner. Sono torte cotte a legna cotte in un forno rivestito di rame sotto l'illuminazione di una lattina di pomodoro, fotografate avidamente da food blogger e Instagrammer affamati.

Ci sono 14 torte, la maggior parte delle quali presentano combinazioni che conosci, insieme a condimenti meno comuni come peperoni Peppadew e guanciale, e condimenti aggiuntivi che non vedi ovunque, come i boquerones (acciughe bianche, che probabilmente faranno convertire dei puristi della pizza antiacciuga) e aglio confit. Due torte di particolare interesse esaltano i sapori coreani: la Lady ZaZa (salsa rossa italiana, kimchi fatto in casa, salsiccia coreana, serranos, scalogno, sesamo e glassa di soia e peperoncino) è deliziosa, e consigliamo vivamente la torta barbecue coreana con erba -costolette di manzo di fattoria, mozzarella, scalogno, rucola, sesamo e vinaigrette di soia e peperoncino

#70 Salsiccia, Vito & Nick's (Chicago, Illinois)

In una città nota per le torte salate, questo ristorante a conduzione familiare serve pizze sottili ai residenti di Chicago dal 1946, quando le aggiunsero al menu della taverna della famiglia.Vito & Nick's non crede nella consegna, il loro co-fondatore è arrivato al punto di dire che lo faranno mai fallo - "Se vogliono una pizza davvero ottima, verranno a cercarla". È una filosofia che sembra funzionare per loro - come dimostra la nota sul loro sito web ("Se non sai di noi, lo saprai"), i proprietari sono abbastanza fiduciosi nella loro popolarità. La crosta sottile, la gustosa salsiccia e la generosa copertura di formaggio e salsa probabilmente ti lasceranno d'accordo.

#69 Ciccio, Monza (Charleston, Carolina del Sud)

La cittadina di Monza ospita uno storico circuito italiano dove ogni anno dal 1922 i proprietari delle auto più belle, dall'Alfa Romeo alla Ferrari, percorrono le curve del tracciato di 6,25 miglia. Il ristorante chiamato Monza a Charleston, South Carolina, si nutre della storia dell'omonima città per offrire torte artigianali.

Monza utilizza farina di grano italiana importata, lievito napoletano e acqua filtrata e a pH bilanciato per sviluppare la loro versione della pizza più tradizionale possibile. Le torte sono cotte nel forno a legna a una temperatura soffocante di 1.000 gradi F, consentendo una crosta sottile e croccante, e sono condite con mozzarella con ingredienti freschi e solitamente regionali. Il nostro consiglio è il Ciccio, con mozzarella, ricotta, pecorino Romano, Parmigiano-Reggiano e aglio.

#68 Trifecta di maiale, EVO (Charleston, Carolina del Sud)

EVO, acronimo di "forno extra vergine", offre pizza napoletana fresca, cotta a legna, realizzata con ingredienti di stagione e locali. I prodotti degli agricoltori locali vengono utilizzati per sviluppare queste torte. Il menu si è ampliato oltre le cinque pizze originali per includere Margherita, pesto di pistacchio, pancetta e cavolini di Bruxelles, speck e zucca, patate e mais, funghi e melanzane, salsiccia e peperoni, e la Pork Trifecta (con marinara, salsiccia fatta in casa, pepperoni, bacon, mozzarella and Parmigiano-Reggiano) and a four cheese calzone (provolone, Asiago, mozzarella, and ricotta). Le 25 scelte di condimento extra e i cinque tipi di formaggio consentono inoltre ai clienti di costruire un banchetto imponente.

#67 Original Plain Pie, Original Square Pizza di Santucci (Philadelphia, Pennsylvania)

Alicia Santucci, nipote dei fondatori Joe e Philomena Santucci, porta avanti la tradizione della pizza iniziata dai suoi nonni nel 1959: una pizza quadrata, in teglia, più spessa delle torte newyorkesi, ma più sottile di una fetta siciliana. Invece di sciogliere il formaggio sopra, i posti di Santucci hanno affettato la mozzarella di latte intero al 100% direttamente sul pane e poi hanno messo sopra la sua salsa erbacea caratteristica. Le loro tre torte tipiche (The Works, Veggie Works e Margherita) sono disponibili in tre dimensioni (9 pollici, 12 pollici e 17 pollici), ma possono essere condite con tutti gli extra convenzionali insieme a peperoni alla banana, pollo grigliato, bistecca, polpette e prosciutto.

#66 Purè di patate e pancetta, Bru Room at Bar (New Haven, Connecticut)

Bru Room è molto più giovane dei suoi cugini di New Haven: ha iniziato a lanciare pizze nel forno a legna nel 1996 quando è stato aggiunto al Bar. Ma puoi sostenere che le sue torte sono altrettanto buone se non migliori di Modern. Fanno le torte rosse, bianche e rosse "con mozz", come le altre, e una torta di vongole che è molto rispettabile. La cosa da avere è la pizza con purè di patate con pancetta (senza salsa), che una volta poteva sembrare ridicola ma da allora è diventata un'icona locale. È ricoperta di besciamella densa, il purè di patate è ben condito e abbastanza cremoso per essere appena sfornato in forno, e c'è tanto aglio. Tutto ciò si traduce in un elemento da spuntare fuori dalla tua lista.

#65 Vodka, King Umberto's (Elmont, New York)

Ormai la maggior parte degli amanti della pizza sa cos'è una torta della nonna, o almeno l'ha sentita. Ma solo perché ora è ben noto non significa che tutti sappiano come farlo fare una torta della nonna. Coloro che desiderano stabilire una linea di base devono ancora visitare Long Island e provarlo nel suo luogo di nascita, il re Umberto. Hai loro per ringraziare per questa torta leggera, sottile, croccante e gommosa con salsa di pomodoro schiacciata leggera e una manciata di mozzarella, che ogni pizzaiolo orgoglioso di Long Island conosce è meglio di molte pizze che troverai a Manhattan.

#64 Plain Pie, Roseland Apizza (Derby, Connecticut)

Roseland Apizza è la migliore pizzeria di cui non hai mai sentito parlare? Per lo meno, è una delle pizzerie più sottovalutate del Connecticut - e questo in uno stato conosciuto per torte famose.

Immagina la buona volontà generata da una pizzeria che ti inizia con un cestino del pane! (Su questo tocco ha insistito la defunta matriarca di Roseland, Lina Lucarelli.) Ora ascolta le parole "pizza ai gamberetti" e capisci che questo salottino di quartiere vende torte dal 1935. Gli intransigenti della pizza di New Haven possono sentirsi a casa a Roseland - l'arredamento è una sensazione di bancone in formica e cabina affollata che riecheggia quella del più pellegrinaggio Sally's di Wooster Street. In effetti, Frank Pepe ha aperto solo otto anni prima di Roseland e Sally's ha aperto solo tre anni dopo.

Se è la prima volta, inizia con una semplice torta di pomodoro (senza formaggio). Avrai voglia di Roseland Special (salsiccia e funghi), la torta di vongole appena sgusciata (bianca) e una delle pizze speciali di gamberetti (che si dice includano due chili di gamberetti - non è uno scherzo). Se tu veramente hai voglia di sguazzare, c'è la "torta più d'élite" di Roseland, la Ponsinella, che viene caricata con aragoste, gamberi e capesante ed è nota per costare $ 65 al prezzo di mercato.

#63 Modifiche orarie, Bonci (Chicago, Illinois)

Spostati sul napoletano: è arrivata l'invasione della pizza romana. A Roma la pizza al taglio (letteralmente pizza al taglio) è una cosa da tempo. Questa pizza lunga e pastosa viene tagliata con le forbici e venduta a fette rettangolari a peso e riscaldata. Lo stile ha fatto qualche breccia di tanto in tanto, ma non ha mai risuonato veramente come ha iniziato negli ultimi anni, in parte a causa del fatto che, nelle mani sbagliate, può spesso finire destinato a essere un reheat fetta. Ma ce n'è un po' Buona la pizza al taglio comincia a spuntare, e ciò potrebbe essere in gran parte dovuto a Gabriele Bonci (pronunciato “Bahn-chi”), il cui famoso Pizzarium a Roma, con il suo approccio artigianale e la cura dei condimenti di qualità, ha persino rinvigorito il rispetto per lo stile in la Città Eterna.

Bonci ha scelto il Fulton Market di Chicago per il suo primo spot negli Stati Uniti, l'omonimo Bonci, ma non ha un piano per una particolare fetta in mano. Come osserva il sito Web, la "carta di pizza del ristorante cambia a volte ogni ora a seconda di quali prodotti e condimenti stagionali sono disponibili". Se creassero un menu standard e lo pubblicassero, afferma il ristorante, "probabilmente sarebbe scaduto in circa tre ore". Chiunque si rallenti un po' per questo dovrebbe trarre conforto dal fatto che questo significa fresco pizza, pizza con una crosta leggera a palloncino che viene contrastata da bordi ultra croccanti e ricoperta da una miriade di condimenti fantasiosi e freschi sia belli che deliziosi.

#62 Cheese Pie, Vito's Pizza (Los Angeles, California)

Un sobrio e modesto negozio di affettati situato in un centro commerciale di West Hollywood serve alcune delle migliori pizze in stile newyorkese di tutta la California, e il negozio di vecchia data ha avuto un tale successo che ha generato altre sedi a Santa Monica e Centro di Los Angeles. Vito's è stata fondata da Vito di Donato, originario del New Jersey, che (come narra la leggenda) ha portato con sé del lievito madre in tutto il paese per assicurarsi che un po' della costa orientale si facesse strada in ogni torta. Come tutti i negozi di affettati di New York, Vito's offre panini caldi come polpette e parmi di pollo, calzoni, ziti al forno e una varietà di stili di torta, ma se è la tua prima visita, sii un purista e ordina una fetta semplice: con la sua leggermente croccante e crosta gommosa, salsa brillante e leggermente dolce e persino rivestimento di mozzarella tagliuzzata, si sentirebbe come a casa nel Jersey.

#61 Il preferito di Sonny, Jon & Vinny's (Los Angeles, California)

Tutto ciò che Jon Shook e Vinny Dotolo toccano si trasforma in oro, compresi i loro ristoranti Animal, Son of a Gun, Trois Mec e Petit Trois. E da Jon & Vinny's hanno rivolto la loro attenzione alla cucina italiana creativa e alle torte irresistibilmente deliziose e uniche che si trovano al confine tra New York e lo stile napoletano. Queste pizze sono leggere e croccanti, con una consistenza leggermente spugnosa e un cornicione bolloso, e le farciture sono sempre applicate con un occhio all'equilibrio e alla proporzione. La torta più popolare? Il preferito di Sonny, che è condito con pomodoro, mozzarella, cipolla, Grana Padano e una generosa quantità di pancetta affumicata di Nueske per buona misura. Perché non sono più le persone a condire le loro pizze con la pancetta?

#60 White Pizza, The Original Tacconelli's Pizzeria (Philadelphia, Pennsylvania)

"Si prega di tenere presente che siamo un'operazione da un solo uomo, un forno", osserva il sito Web di Original Tacconelli. "Il tempo di attesa può variare." Infatti.

Questa è la pizzeria célèbre di Filadelfia, quindi aspettati. Soprattutto se non hai prenotato l'impasto, nel qual caso puoi aspettare fino a domani. (La Tacconelli avvisa che l'orario migliore per chiamare è tra mercoledì e domenica dopo le 10). Potrebbe non essere sempre stato così complicato ottenere una torta - supponiamo che i tempi fossero più semplici nel 1946, quando il locale aprì - ma la maggior parte di coloro che la assaggiano dicono che ne vale la pena.

Ci sono quattro torte: al pomodoro (senza formaggio), normale (un po' di formaggio e salsa), bianca (sale, pepe, formaggio e aglio) e la Margerita (sic) (basilico fresco e mozz). Queste sono croste larghe, generosamente condite e condite, e non uniformi. Puoi personalizzare con spinaci, pomodori, funghi, peperoni, salsiccia, peperoni dolci, acciughe, cipolle, prosciutto, basilico e formaggio extra - ricorda solo che c'è un massimo di tre condimenti per torta e che il proprietario a volte preferisce due limite massimo (niente come regole arbitrarie).

La mossa di Tacconelli potrebbe essere la "Signature", che spesso non è elencata: pizza bianca con spinaci e pezzi di pomodoro e aglio. Considera questo il tipo di posto dove portare gli amici in modo da poter ordinare più torte.

#59 Tonno, Pizzeria Vetri (Filadelfia, Pennsylvania)

Puoi rintracciare il pedigree della Pizzeria Vetri fino all'Osteria, il ristorante italiano informale dello chef Marc Vetri che ha seguito il suo menu degustazione à la carte da 30 posti Vetri. La pasta fatta in casa dell'Osteria e i piatti alla griglia a legna hanno rapidamente ottenuto riconoscimenti locali e nazionali, tra cui una nomination al James Beard Award come Best New Restaurant nel 2008 e un premio 2010 per lo chef Jeff Michaud (Best Chef Mid-Atlantic).

Ma la pizza! Le torte sottili di Osteria hanno avuto un successo proprio, arrivando nella lista di GQ delle 25 migliori pizze d'America. Uovo al forno con bitto e cotechino, zucchine con stracciatella e limone, polpo e mozzarella affumicata — parlano di una rivelazione. Fu così che nel 2013 la famiglia Vetri fece agli amanti dell'Osteria un nuovo regalo: Pizzeria Vetri. Marc Vetri è andato avanti, vendendo il suo gruppo di ristoranti agli Urban Outfitters di Filadelfia, ma i complimenti restano. Assicuratevi di spuntare il tonno con tonno siciliano e raffiche di peperoncino piccante.

Nota: l'autore è il direttore digitale per un'azienda di pubbliche relazioni che rappresenta la pizzeria, ma non ha mai lavorato sull'account o svolto lavori per suo conto.

#58 Speciale, Zuppardi (West Haven, Connecticut)

Frank Pepe, Sally's Apizza, Modern Apizza e Bar and the Bru Room completano i quattro grandi nomi di pizza di New Haven, ma ci sono pizzerie fantastiche e meno conosciute (a livello nazionale), una dall'altra parte della I-95 a West Haven che esiste da quasi altrettanto tempo: Zuppardi's, aperto dal 1934. (Potrebbero effettivamente essere davanti agli altri in termini di ingresso nel 21° secolo, almeno in un modo: hanno lanciato un food truck un paio di anni fa). Le origini? Il panificio di Domenico e Angelina Zuppardi, passato a Tony e Frances Zuppardi, negli anni '40 fu trasformato in pizzeria da Tony (che era un fornaio della Marina) quando Domenico si ammalò.

Zuppardi ha una sua interpretazione del rinomato stile sottile del Connecticut (lo chiamano "una torta alla napoletana") e una filosofia tramandata al comproprietario Lori Zuppardi (leggi l'intervista completa) da suo padre che recita così: " L'ultimo boccone deve essere buono come il primo quando la gente mangia la nostra pizza". È sottile come, ma meno croccante, delle altre torte di New Haven, con una crosta di New York City più leggera e ariosa di quelle che troverai a Gotham. La differenza sta nel bordo, che è carbonizzato in alcuni punti e più spesso tutt'intorno.

La firma è la Speciale: mozzarella, funghi, salsiccia e marinara. Ma ci sono altre due torte degne di nota: il prezzo di mercato, la torta di vongole appena sgusciata (c'è una torta di vongole più economica e più veloce, ma perché vorresti quella?) e una torta di scarole e fagioli bianchi bagnati e succosi con aglio e morsi di scarola croccante e bagnata e fagiolo morbido intervallati. Tutti i buoni italiani sanno che la zuppa di scarola e fagioli è un ottimo salvatore dell'inverno. Qui lo troverai su una torta. Prego!

#57 Plain Pie, Pizzeria di Ernie (New Haven, Connecticut)

Tom P. via Yelp

La migliore pizza del Connecticut! Andare. Discutere. “Peppe! di Sally! Moderno! Bru! Zuppardi!”

Ti fermeremo lì. Non che queste non siano pizzerie fantastiche, ma i ritorni contro i noti locali di New Haven sono sufficienti per avviare un dibattito sul formaggio fuso contro la salsa scottata in bocca di cui non vuoi davvero far parte. Ci sono così tanti posti fantastici che non hanno ricevuto attenzione nazionale. E tra questi c'è la Ernie's Pizzeria a New Haven, a quasi 4 miglia esatte da Frank Pepe.

In questi giorni, Ernie's (chiamato per il suo fondatore) è gestito da suo figlio, Pat DeRiso, che ha giurato che non avrebbe mai divulgato la ricetta della crosta di suo padre. È una ricetta che è stata impastata a New Haven per quasi 45 anni. Salsiccia e funghi e pancetta e aglio sono alcune note combo, ma quando abbiamo chiamato Ernie's, hanno detto di provare la torta semplice (mozzarella). Chi siamo noi per discutere?

#56 Cheese Pie, Galleria Umberto (Boston, Massachusetts)

La Galleria Umberto potrebbe benissimo essere uno dei migliori locali economici d'America, un ritorno al passato per soli contanti nel North End di Boston che iniziò come panetteria nel 1965 e assunse la sua forma attuale nel 1974. Nei 40 anni da allora, è diventato un'istituzione. Infatti, all'inizio di quest'anno, la James Beard Foundation lo ha onorato con un premio America's Classics, che riconosce i ristoranti regionali (spesso a conduzione familiare) con "cibo di qualità, carattere locale e fascino duraturo".

Aspettatevi una fila fuori dalla porta per queste fette siciliane spesse, esagerate, di formaggio, impertinenti e completamente esagerate. Esatto, la siciliana è l'unica opzione per la pizza (le altre opzioni sono panini, panzarotti, arancini, calzoni). Anche se apre alle 11:00, chiude alle 14:30. (o ogni volta che l'impasto è finito), quindi non tardare.

#55 Zoli, Cane Rosso (Dallas, Texas)

Buona pizza a Dallas? Stai scherzando? No. Il proprietario di Cane Rosso Jay Jerrier sta servendo del cibo certificato Vera Pizza Napoletana, ed è così popolare che ora ci sono cinque sedi a Dallas e nei dintorni, due a Houston e una ad Austin. Cane Rosso significa letteralmente "cane rosso" in italiano, un cenno alla dedizione di Jerrier al migliore amico dell'uomo. Nel 2014 ha anche formato un gruppo di salvataggio per cani, Cane Rosso Rescue. Per Jay, si tratta solo di fare la cosa giusta. Come dichiara il suo menu - evidenziando solo quattro ingredienti: sale marino, acqua, lievito e farina importata a doppio zero - un'ottima pizza può anche essere basata sulla semplicità.

Ti consigliamo di ordinare gli Zoli (dal nome del primo cane del salvataggio) con salsiccia, soppressata calda, pomodori San Marzano schiacciati a mano, mozzarella fatta in casa e basilico, e ti piacerà sicuramente. Pensa solo al tuo portafoglio. Cane Rosso servirà formaggio vegano, ma tracciano il limite nel condire la tua pizza con il condimento ranch. Una volta tenevano una bottiglia dietro una teca di vetro con un prezzo di $ 1.000 che Jay alla fine ha venduto al servizio di consegna di cibo Caviar come parte di una raccolta fondi organizzata dal ristorante a beneficio della Humane Society del sud-est del Texas.

#54 Margherita, Farina + Acqua (San Francisco, California)

Sebbene questo ristorante di San Francisco affermi di essere specializzato in pasta fatta in casa, la loro pizza è formidabile. Cotta nel forno a legna, la pizza sottile di Flour + Water fonde la tradizione del Vecchio Mondo con la raffinatezza moderna, secondo lo chef e comproprietario Thomas McNaughton.

C'è un menu pizza limitato che in genere presenta solo quattro torte. Ma i condimenti variano a seconda della stagione, rendendo le esperienze culinarie uniche. Consideriamo questi due esempi recenti: il bianco verde con pesto alla genovese, ricotta, zucca, padron sott'aceto e pinoli tostati; e il maiale, con pomodori San Marzano, pancetta, stracciatella, cipolla silurata e peperoncino calabrese. Ma il libro di testo di Farina + Acqua Margherita è fantastico. Pomodori cimelio, basilico, fior di latte e olio extra vergine di oliva... se solo la semplicità implicita nel nome del ristorante potesse essere duplicata nei ristoranti di tutta l'America.

#53 Margherita, Pizza Artigianale di Ken (Portland, Oregon)

Ken Forkish e lo chef Alan Maniscalco hanno co-fondato Ken's Artisan Pizza nel 2006 dopo il successo di Monday Night Pizza al Ken's Artisan Bakery. Da allora a Portland c'è stato un amore cultuale per questo. Ci sono gigantesche travi in ​​abete Douglas, finestre scorrevoli in vetro e una cucina aperta con un forno a legna Le Panyol, che gli ospiti possono ammirare mentre scavano ai tavoli realizzati con legno recuperato dalle montagne russe Jantzen Beach Big Dipper ora smantellate. una volta che entrano, cioè (tende ad essere un'attesa).

Le crostate sottili, cotte in circa due minuti e ispirate alle visite dei cofondatori in Europa, sono note per la loro salsa piccante, rosso-arancio, con note di calore e sapidità, e uno stile che, come il nome del ristorante afferma, è più artigianale che napoletano.

#52 Formaggio e salsa di pomodoro, pizza di Loui (Detroit, Michigan)

Loui's ha iniziato a servire le piazze nel 1977, quando lo chef di lunga data di Buddy, Louis Tourtois, si è messo in proprio.E non sembra che sia cambiato molto da allora. Ci sono tovaglie a scacchi, tavoli di plastica e formica, e bottiglie di Chianti vuote e impagliate appese dappertutto. Il locale Hazel Park di terza generazione, a conduzione familiare, serve torte in quarti in stile "red top" di Detroit che si dice contengano ciascuna una libbra di formaggio. Ci sono circa otto torte carbonizzate nel menu, per lo più variazioni su torte di peperoni con funghi, cipolle, peperoni verdi e prosciutto. La firma del ristorante è la classica salsa di formaggio e pomodoro, ma due piatti preferiti sono la torta hawaiana e la possibilità di ottenere carne extra: carne macinata, prosciutto, pancetta e peperoni.

#51 Margherita, Pizza al forno a carbone di Salvatore (Port Washington, New York)

Long Island ha il suo pedigree di torta da bar e pizza della nonna, ma la maggior parte delle persone non si rivolge ad essa per la tradizione a carbone. Salvatore's a Port Washington, sulla North Shore, non solo ha la tecnica in meno, ma ha anche legami con i reali della pizza di New York. Sebbene sia stato aperto solo nel 1996, si dice che i suoi fondatori, Fred e Marco Lacagnina, vantino legami genealogici sia con Patsy Lancieri (di il Patsy a East Harlem) e Patsy Grimaldi (Brooklyn Heights' originale Grimaldi). Da allora la proprietà è passata di mano, ma non hanno perso il loro tocco, cuocendo semplici torte piccole, grandi e personali con mozzarella fatta in casa, pomodori schiacciati e basilico, o mozzarella, aglio, formaggio grattugiato e basilico (con l'opzione di scegli tra quasi 20 condimenti, tra cui di tutto, dai jalapeños e polpette di carne al prosciutto e pollo alla griglia).

#50 Rudy's Special, Pizano's (Chicago, Illinois)

Insieme a Katz, "Malnati" è un altro nome sinonimo della storia della pizza di Chicago. Rudy Malnati Sr. ha aperto il suo primo ristorante, Pizzeria Uno, nel 1943. Uno e suo figlio Lou hanno avuto un successo leggendario. Ma l'altro suo figlio, Rudy, è stato altrettanto parte di qualsiasi conversazione sulle ottime pizze di Chicago da quando ha aperto Pizano's nel 1991. Ora ci sono sei sedi di Pizano, tutte note per servire pizze sottili e profonde ugualmente buone. Puoi scegliere tra la loro "pizza per piatti profondi, gourmet, famosa in tutto il mondo" burrosa e friabile (non dimenticare di consentire mezz'ora per cuocerla), o le torte sottili da 12 pollici o 14 pollici .

#49 Senape, torte di pomodoro di papà (Robbinsville, New Jersey)

Lombardi potrebbe essere responsabile della "prima pizza d'America", ma come Nick Azzaro, proprietario di Papa's Tomato Pies, non esita a dire, Papa's - fondata nel 1912 - è la più antica d'America di proprietà continuativa, pizzeria a conduzione familiare. Con più di 100 anni alle spalle, non c'è da meravigliarsi se papà ha fatto di nuovo questa lista delle migliori torte d'America. E la famiglia dietro questa operazione è la chiave: la ricetta è stata tramandata di generazione in generazione ed è sopravvissuta a un trasferimento nel 2013 da Trenton a Robbinsville.

La famiglia Azzaro cucina torte su ordinazione personalizzabili in vari modi. Puoi scegliere di tutto, dall'aglio ai funghi, dai peperoni alle polpette, o aggiungere le acciughe per un tocco salato. Ma è la tradizione che rende speciale il papà, quindi ordina la loro tipica torta di pomodoro. Ma poiché hai fatto il viaggio, hai portato degli amici e hai fame, ordina un originale piccante di papà: la torta di senape.

Sì, sembra pazzesco, ma non dubitare per un secondo che funzioni. Dimentica l'affermazione del New York Times secondo cui la torta di senape ai peperoni ha un sapore un po' troppo simile a un hot dog. Anche i palati della carta possono essere un po', ehm, "raffinati". Ha il sapore meno di un hot dog, o di una qualsiasi delle creazioni ibride esagerate che le aziende di fast food si stanno lanciando, che come una creazione inaspettata e sfumata che non dovrebbe funzionare, ma lo fa: una pizza brillante che bramerai e non troverai da nessun'altra parte.

#48 Salsiccia dolce al finocchio, torta seria (Seattle, Washington)

Ti aspetteresti niente di meno che la grandezza della pizza dallo chef stellato di Seattle e vincitore del James Beard Award Tom Douglas, e nei suoi due punti Serious Pie a Seattle è esattamente quello che ottieni. Queste sono pizze sottili e oblunghe lunghe circa un piede e intrise di un'anima seria (ci sono anche enorme cornicioni).

Considera la dichiarazione della missione della pizza che ti saluta quando visiti il ​​loro sito Web: "Serious Pie: una pizzeria con l'anima di un panettiere, serve torte con crosta vesciche, struttura leggera ma con struttura e morso appena sufficienti. La nostra attenzione per ogni pizza a 600°F. il forno a legna di melo rivestito in pietra conserva il carattere dei salumi fatti in casa e dei formaggi artigianali di tutto il mondo.”

Il menu presenta sette torte con condimenti come patate Yukon Gold, uova da allevamento all'aperto, prosciutto affumicato, formaggio al tartufo e pancetta fatta in casa, ma ti consigliamo di provare la salsiccia dolce di finocchio, il peperone arrosto e la torta di provolone .

#47 Changes Daily, The Cheese Board (Berkeley, California)

The Cheese Board ottiene gli amanti della pizza a Berkeley in fila fuori e seduti sull'erba a metà tra il traffico. Deve essere una buona pizza, giusto? Scommetti. E anche l'idea alla base di Cheese Board è interessante. Cheese Board ha aperto come un piccolo negozio di formaggi nel 1967 e quattro anni dopo i due proprietari lo hanno venduto ai dipendenti, creando un'azienda al 100% di proprietà dei lavoratori di cui il proprietario è rimasto una parte.

Il programma per la pizza di Cheese Board è iniziato nel 1985. Durante i turni, i dipendenti "hanno iniziato a fare le pizze per se stessi tagliando pezzi di pasta extra per baguette a lievitazione naturale, afferrando i formaggi preferiti dal bancone e gettando le verdure dal mercato accanto", secondo alla società. Dopo l'orario normale del venerdì, hanno iniziato a servire una pizza vegetariana, mettendo ingredienti freschi e formaggi insoliti su una sottile crosta di pasta madre.

Qual è la torta da prendere? Qualunque cosa stiano servendo.

#46 Salsiccia, Pizzeria Delfina (San Francisco, California)

Il Mission District di San Francisco è cambiato negli ultimi dieci anni, ma i visionari di Mission e i proprietari di Pizzeria Delfina Craig e Anne Stoll non hanno perso un passo, anche se si sono espansi a cinque ristoranti. Il menu è ispirato ai ricordi di Craig delle torte in stile newyorkese della sua giovinezza e della pizza delle migliori pizzerie di Napoli. Il menu prevede nove pizze sottili “di ispirazione napoletana”. Sarete incuriositi da opzioni come la Panna (salsa di pomodoro, panna, basilico e Parmigiano-Reggiano) e attenzione! Una torta di vongole veraci con pomodoro, origano e peperoncino. Ma la prima mossa dovrebbe essere la Salsiccia: salsiccia di finocchi fatta in casa, pomodoro, peperone, cipolla e mozzarella.

#45 The Detroiter, Via 313 (Austin, Texas)

Via 313 è specializzato nella pizza in stile Detroit che i suoi proprietari, i fratelli Zane e Brandon Hunt, adoravano mangiare da Cloverleaf, Loui's, Niki's e Buddy's (dove ha avuto origine lo stile) quando erano bambini. Hanno aperto il loro trailer di pizza personalizzato su East 6th e Waller (di fronte al Violet Crown Social Club) nel 2011 e non si sono guardati indietro. Per chi non lo sapesse, considera lo stile di Detroit come una fetta siciliana - semi-spessa ma con una crosta leggera e ariosa (simile alla focaccia) formata dalla cottura in teglie industriali di acciaio che consentono anche di cuocere il formaggio tutto intorno. C'è un delizioso bordo caramellato e due grandi strisce di salsa di pomodoro rosso schiacciato che aggiungono un tocco saporito. Via 313 offre otto torte sottili in stile bar e 13 diverse pizze in stile Detroit con tutti i condimenti classici che ti immagini, ma suggeriscono di iniziare con The Detroiter: mozzarella, cheddar bianco, salsa di pomodoro e una doppia porzione di peperoni .

#44 Forbes Waggensense, Pizza Brain (Philadelphia, Pennsylvaina)

Quando hai voglia di un'ottima pizza a Philadelphia, non andare oltre questo edificio in mattoni del XIX secolo a Kensington. Troverai una pizza sottile cotta nel forno a gas a due piani presso il Kickstarter, un locale per soli contanti fondato nel 2012 da Ryan Anderson, Joseph Hunter, Brian Dwyer e Michael Carter. Mentre aspetti che l'equipaggio cucini la tua torta, crogiolati nell'atmosfera unica di Pizza Brain, sfoglia il loro museo dei cimeli della pizza (con quella che il Guinness World Records ha definito la più grande collezione al mondo di cimeli della pizza) o rovista nel loro libro di tatuaggi sulla pizza per ridere. "Jane" di Pizza Brain è la loro versione di una Margherita - una trentina di formaggio di mozzarella, provolone stagionato e grana padano mescolato con basilico - ed è un buon punto di partenza. Il salato e soddisfacente Forbes Waggensense è un vero schianto, però: mozzarella, fontina, grana padano, basilico, peperoni affumicati e salsa di pomodoro.

#43 Kesté, Kesté Pizza & Vino (New York, New York)

"Ecco. Il numero 1 di New York", osserva il sito web di Kesté. Ed infatti è questo il significato del nome del ristorante in dialetto napoletano: "Ci siamo". Otto anni dopo l'apertura nel 2009, è difficile sostenere che Kesté non appartenga alla conversazione. Questo è il posto dove porti gli italiani - meglio ancora, i napoletani - o chiunque abbia sperimentato la cultura della pizza italiana, quando chiedono dimostrazioni del QI della pizza napoletana di New York.

Il proprietario Roberto Caporuscio (che gestisce il ristorante con sua figlia, Georgia) è nato e cresciuto in un caseificio a Pontinia, in Italia, a un'ora da Napoli. È il presidente dell'Associazione dei Pizzaiuoli Napoletani (APN) negli Stati Uniti, l'organo di governo italiano che insegna l'arte centenaria della pizza napoletana e ne certifica il rispetto delle procedure autentiche.

Kesté (che da allora ha aperto una seconda sede in centro) ha quella tipica crosta gommosa, il centro morbido e leggermente zuppa, l'equilibrio di ingredienti di qualità. Chiudi gli occhi e sei trasportato nei vicoli di Napoli. Anche se potresti non volerlo condividere con i tuoi amici italiani dalla mentalità tradizionale, l'omonima torta con salsa di pomodoro, mozzarella di bufala, prosciutto di Parma, rucola e olio d'oliva gran cru prende con orgoglio il nome del ristorante e non lo delude .

#42 Margherita, Juliana's Pizza (Brooklyn, New York)

Può essere davvero stancante spiegare la cosa Grimaldi-Juliana, quindi la migliore tattica che chiunque può davvero prendere quando si tratta di questa saga della pizza radicata è semplicemente andare in entrambi i posti, preferibilmente uno dopo l'altro lo stesso giorno, quando c'è un sacco di tempo per spiegare la genealogia della pizza di New York dietro i due punti intrecciati e assaporare tu stesso la storia. Di seguito la versione abbreviata in una frase: Dopo aver appreso dallo zio Pasquale (Patsy) Lancieri, che a sua volta aveva appreso da Gennaro Lombardi, Patsy Grimaldi aprì nel 1990 un locale chiamato Patsy's a Dumbo, di cui cambiò il nome in Grimaldi's prima di venderlo a un cliente che ha perso l'affitto dello spazio originale, che ha poi riaperto come Juliana's (dal nome di sua madre, Maria "Juliana" Lancieri Grimaldi), servendo la stessa pizza con cui ha aperto il locale. Sigh... ignoranza, beatitudine e tutto il resto. In questi giorni, le file potrebbero essere più lunghe da Grimaldi (classificato più in alto nella lista di quest'anno), ma ironia della sorte, coloro che cercano l'autentica esperienza di Grimaldi dovrebbero davvero colpire Juliana's, dove la crosta ha guadagnato la reputazione di essere più croccante e arioso con sapore più complesso.

#41 Thin Crust, Star Tavern Pizzeria (Orange, New Jersey)

La torta del bar. Negli annali della pizza, è forse uno degli stili più sottovalutati. I diffamati sostenitori della filosofia del cumulo dietro il piatto profondo si deformano quando lo stile caratteristico di Chicago viene infangato, ma non sembra esserci un'identificazione geografica simile collegata a questo approccio più sfumato, riservato e minimalista . È un peccato, tranne che rende i bastioni delle torte da bar come Colony, Eddie's e Star Tavern a Orange, nel New Jersey, ancora più facili da apprezzare e, egoisticamente, da mangiare senza combattere la folla.

Di proprietà e gestito dalla famiglia Vayianos dal 1980, "The Star" è gestito dall'ex avvocato Gary Vayianos, la cui cucina risulta super sottile, croccante, condita con la salsa, con una salsa -rapporto di formaggio che fornisce tutto ciò di cui hai bisogno e non più di quanto l'integrità strutturale possa gestire.

#40 Mozzarella, salsiccia e aglio, Santarpio's (Boston, Massachusetts)

Greg W. via Yelp

Il preferito locale ha già visto la sua giusta dose di fama dopo aver superato varie liste di pizza best-of-Boston nel corso degli anni. Santarpio's, aperto nel 1903, mantiene le sue radici tradizionali quando si tratta delle famigerate fette leggermente gommose e soddisfacenti. Il menu è composto da una varietà di opzioni ma include un elenco di combinazioni preferite dai clienti, come una torta che abbina salsiccia con aglio, carne macinata e cipolle e persino "The Works": funghi, cipolle, peperoni, aglio, salsiccia, peperoni, formaggio extra e acciughe. Novizio? Ordina la torta più famosa di Santarpio - mozzarella, salsiccia e aglio - per stabilire una linea di base.

#39 Cheese, New Park Pizza (Howard Beach, Queens, New York)

Se parli di pizza con qualcuno del Queens, non potrai farne a meno senza parlare della robusta New Park Pizza del 1956, nel forno a legna. La chiave per Perfetto La fetta di New Park potrebbe essere nel sapere come ordinare. Segui il consiglio di Adam Kuban, fondatore dell'ormai defunto blog Slice (ora diventato pizzaiolo per il suo pop-up di pizza Margot's), e chiedilo "ben fatto".

Verrà inserito nella loro seconda serie di forni, dove il fondo si avvicinerà alla bruciatura. “Non lo è, però”, osserva Kuban, “[it] aggiunge solo un po' più di sapore. Il formaggio risulterà marrone e croccante in alcuni punti. La fetta avrà un serio potenziale di bruciatura della pizza, ma non ti importerà. Mangerai quella fetta e ne ordinerai subito un'altra”.

#38 Spinaci Fetta, Sofia Pizza Shoppe (New York, New York)

Midtown Manhattan ha meno locali di qualità di quanto si possa pensare, e questo ha ispirato Tom Degrezia e Matthew Porter ad aprire la loro pizzeria sulla First Avenue, Sofia Pizza Shoppe. (Il nonno di Degrezia aprì la rinomata pizzeria J&V di Brooklyn nel 1955.)

Una semplice fetta di Classica fresca dal loro forno a gas Marsal & Sons è più impertinente che di formaggio, la sua crosta è completamente marrone e la combinazione di questi tre ingredienti non è più spessa di una matita n. Si piega bruscamente con poche crepe e lascia un'impronta di grasso pari a quella delle dita e del pollice sul piatto.

Oltre alla base di formaggio semplice, offrono 10 condimenti: olive di Gaeta italiane, melanzane arrostite, peperoni ciliegia, funghi, cipolle affettate, peperoni arrostiti, aglio, acciughe, peperoni, salsiccia dolce di finocchio di Faicco e polpette di manzo nutrite con erba. La fetta di salsa di spinaci è un capolavoro, meticolosamente arrotolata in modo da modellarne un po' in ogni boccone, e la nonna di pomodoro cimelio stagionale ha il sapore di una giornata estiva. Ovviamente il Santo Graal è la Doughdici, una pizza dalla crosta soffice e solo su appuntamento che Degrezia lascia lievitare per 12 ore dopo tre giorni di fermentazione. È quasi pizza-as-soufflé, ed è un punto di svolta.

#37 Tomato Pie, Tomato Pies di De Lorenzo (Robbinsville, New Jersey)

De Lorenzo's serve una seria tradizione con la loro pizza - 71 anni. È stato lanciato a Trenton nel 1947 dall'immigrato meridionale italiano Alexander "Chick" De Lorenzo; oggi, la tradizione di De Lorenzo è sostenuta dal nipote Sam Amico nella nuova sede di Robbinsville, aperta nel 2007 (l'originale è stata chiusa nel 2012 quando gli steward Gary ed Eileen Amico si sono ritirati).

De Lorenzo's fa una torta di vongole, anche se con salsa di pomodoro (puristi della pizza New Haven, attenzione!), ma i clienti possono aggiungere a torte di pomodoro piccole o grandi selezionando da una gamma di condimenti tra cui acciughe, carciofi, basilico, spinaci, olive nere, broccoli, aglio, peperoncino, funghi, cipolle, salsiccia, peperoni arrostiti, peperoni dolci e peperoni. Elenchiamo queste polpette (così come il condimento delle polpette fatte in casa) da fare questo palla curva ancora più efficace: questa pizzeria settantenne serve a tonno anche la torta di pomodoro.

#36 Margherita, Al Forno (Providence, Rhode Island)

A South Main Street, nel cuore di Providence, Rhode Island, Al Forno offre la quintessenza della cucina italiana per coloro che non possono permettersi il volo attraverso l'oceano. Gli chef marito e moglie George Germon e Johanne Killeen hanno ricevuto l'Insegna del Ristorante Italiano dal governo italiano, un raro onore per gli americani, attribuibile alla loro passione informata per la pasta insieme alla loro invenzione della pizza alla griglia.

George è morto qualche anno fa, ma lo chef David Reynoso porta avanti la tradizione di Al Forno. È uno stile che gli chef famosi hanno notato in TV da un po' di tempo ormai, ed è persino onorato dal team dietro Emily di New York, che servirà pizza alla griglia nella loro nuova pizzeria. Il ristorante cuoce sei torte in forni a legna e su griglie su fuoco di carbone di legna. La loro pizza alla griglia più notevole? La Margherita [sic]. Viene servito con erbe fresche, pomodoro, due formaggi e olio extravergine di oliva.

#35 Sausage, Louie and Ernie's (The Bronx, New York)

Senti i racconti della gente sui viaggi fuori dal borgo a Di Fara a Brooklyn, ma il Bronx merita il suo peana della pizza, e Louie and Ernie's è all'altezza del compito di rendere questo quartiere la destinazione della pizza che merita di essere riconosciuto.

Considera che nel 2010, Adam Kuban ha scritto sul blog di pizza Slice che la torta di salsiccia e cipolla da Louie and Ernie's è "la pizza per infestare i tuoi sogni". Lui aveva ragione. È che non vedo l'ora che si raffreddi, brucia il tetto della tua bocca, ne vale la pena. La salsiccia (fatta con ricette vecchie di 80 anni) proviene dall'S&D Pork Store a quattro isolati lungo Crosby Avenue, e viene applicata in pezzi generosi, succosi e appuntiti di finocchio tenuti a malapena in posizione da abbondanti quantità di formaggio fuso.

L'unica cosa che impedisce a questo luogo di diventare una destinazione nazionale è la sua posizione nel profondo Bronx. Non importa. Grazie a Cosimo e Johnny Tiso, che hanno comprato il posto da Ernie Ottuso nel 1987 (e che vendono magliette dei ristoranti a 5 dollari l'una, quand'è stata l'ultima volta che l'hai visto?), Louie & Ernie's continua a sfornare torte fantastiche per i gente del posto che sa di avere una buona cosa.

#34 Original Pie, Scarr's (New York, New York)

Tutto vecchio è nuovo di nuovo.Quando il pizzaiolo e co-proprietario Scarr Pimentel ha aperto il suo negozio dall'aspetto retrò nel Lower East Side a pochi isolati dal Manhattan Bridge, l'area era ancora abbastanza terra di nessuno tranne che per alcuni puntini qua e là che avresti potuto avere stato perdonato per averlo scambiato per una pizzaiolo della vecchia scuola degli anni '70. Scarr's non vive nel passato, ma Pimentel ha fama di pizzaiolo ed esperienza lavorando in tre dei luoghi più famosi e famosi della città, tra cui Joe's, Lombardi's e Artichoke. Pimentel non sopporta gli sciocchi o la loro cattiva pizza alla leggera, e devi ammirare il suo approccio. Raddoppia la qualità, macinando quotidianamente la propria farina nel seminterrato e dichiarando con orgoglio di utilizzare "zero prodotti in scatola". Il risultato è una bella fetta di formaggio semplice, sfumata e che è un incoraggiante esempio di ritorno ai giorni di gloria della fetta della città, per mano non di un italiano di Brooklyn ma piuttosto di un dominicano-americano di Harlem.

#33 Vodka, Rubirosa Ristorante (New York, New York)

Cinque anni fa, il brusio tra gli intenditori di pizza di New York City era intorno a South Brooklyn Pizza, Motorino, Roberta's e Paulie Gee's. In questi giorni, gli ultimi tre compongono il vecchio guardia dei nuovi arrivati ​​alla pizza che hanno fissato lo standard, e South Brooklyn Pizza è (per la maggior parte) andato a quella grande scatola di cartone nel cielo. Da allora, la nuova aggiunta a quella "vecchia guardia dei nuovi arrivati ​​​​della pizza" è Rubirosa a Nolita, un locale aperto dall'ex cuoco dell'Esca Angelo "A.J." Pappalardo, che ha imparato a fare una crosta sottilissima e un cornicione a malapena lì all'età di 12 anni presso il fedele sostenitore di Staten Island di suo padre Giuseppe, Joe & Pat's. A.J. è mancato qualche anno fa e lo chef Albert Di Meglio è partito per aprire il suo ristorante a Williamsburg, Brooklyn (dove, sì, c'è la pizza nel menu), ma è ancora difficile trovare un tavolo al Rubirosa.

La fetta di Rubirosa è il tipo che ispira la meraviglia della sezione trasversale e i cambiamenti di paradigma della pizza che cambiano le regole del gioco. Coloro che considerano le croste medie della fetta di dollaro della città la linea di base di New York finalmente capiscono la sfumatura della pizza. Questo è uno dei pochi posti in cui puoi entrare e chiedere una torta alla stracciatella (abbastanza impressionante), e ci sono nove standard nel menu che vorrai alternare, tra cui il classico, supremo e "tie-dye". " (vodka, pomodoro, pesto, mozzarella fresca), ma la torta che il ristorante ha individuato, e che i relatori hanno votato a gran voce, era la torta alla vodka con mozzarella fresca.

#32 Siciliana, Pizza al forno a legna di Santillo (Elizabeth, New Jersey)

Che dire di Al Santillo? Santillo potrebbe essere il curatore della tradizione della pizza meno conosciuto in America, il custode di tre generazioni di pizzaioli e una delle pizzerie più singolari d'America. L'uomo ha la salsa di pomodoro che gli scorre nelle vene. Il nonno di Al Santillo, che da tempo preparava in casa la focaccia per la sua famiglia, decise di provarla come attività commerciale nel 1950. “Voleva tenere aperto il locale la sera e guadagnare un po' di più, così iniziò a fare la pizza” ha notato suo nipote Al. “Nel 1957 ha comprato il forno in muratura che uso adesso”. È un forno che Al dice si chiama ad arco basso, uno in cui ogni mattone è stato tagliato a mano e che, insiste, "permette infinite possibilità di temperatura e carattere".

Pizza infinity è difficile da concepire, ma Santillo's è qualcosa che devi solo provare di persona. Puoi fare da asporto solo dal soggiorno di Al: ospita l'enorme forno simile a una cattedrale che richiede una buccia lunga 20 piedi per recuperare le pizze. E preparati a ordinare entro l'anno: Al conserva ogni stile di pizza che può per i posteri. Si va dalla Genuina Tomato Pie (senza formaggio) del 1940 alla Pizza San Marzano “Tomatoes Over the Cheese” del 2011. Ma ci sono altre opzioni intriganti come la pizza lasagna, il pane italiano in padella sottile, alla romana e anche una torta del nonno fuori menu. Inizia con una pizza extra sottile in stile 1957 (tonda da 14 pollici) o la famosa pizza siciliana, oppure chiedi a questo eccentrico maestro della pizza di farti la sua creazione spontanea.

#31 Il classico, Emily (Brooklyn, New York)

Non sei un fan delle trame dei film romantici? Tieni presente che questo finisce con te che mangi la pizza. Di cosa stiamo parlando? Una delle storie d'amore sulla pizza più carine di sempre. Primo appuntamento per ragazze e ragazzi: all'icona della pizza alla griglia Al Forno a Providence. Primo pasto insieme di un ragazzo e una ragazza: la pizza. La ragazza guarda attraverso la torta e sa che sposerà il ragazzo. Il ragazzo va a una scuola di cucina, è invitato ad aprire una pizzeria di Brooklyn, trova una vocazione per la pizza, collabora in un ristorante pizzeria di successo, quindi parte con la ragazza per lanciare la propria pizzeria di successo a conduzione familiare, finanziata da Kickstarter, all'interno della quale è anche nutrito über- Il pop-up di torte da bar del pizza blogger Adam Kuban, Margot's. Tutti vivono felici la pizza dopo e succede tutto a Brooklyn! Vedere? Quasi troppo bello per essere vero.

Bene, salsa di pomodoro dura, perché Emily (con la sua posizione originale a Clinton Hill, Brooklyn, e una più recente nel West Village) e i suoi comproprietari Emily e Matt Hyland producono alcune delle migliori torte di New York City. Se non lo sei stato, fai un salto per assaggiare il "Classic" (salsa fatta con purea di pomodori Jersey, mozzarella e basilico). Servono anche uno dei migliori hamburger del paese e, con Emmy Squared nella lista di quest'anno, possiedono due delle migliori pizzerie d'America.

#30 Torta della nonna, Pizzeria e ristorante Umberto (New Hyde Park, New York)

Se Staten Island è il quartiere della pizza meno annunciato di Gotham, Long Island è stata a lungo poco celebrata come la pizzeria di New York che è. Se c'è un re della pizza di Long Island, allora incorona Umberto's Pizzeria (non King Umberto's a Elmont - un'altra storia). Puoi ringraziare il fondatore italiano Umberto Corteo (di Monte di Procida vicino a Napoli) e suo fratello Joe, che hanno aperto l'Original Umberto's di New Hyde Park nel 1965.

Il loro umile locale si è trasformato in un "maestoso ristorante architettonico toscano a due piani con un caffè a servizio completo". Indipendentemente da ciò, le pizze di qualità superiore di Umberto. In particolare, la nonna: una torta a crosta sottile quadrata, 12 fette, 16 per 16 pollici condita con mozzarella e marinara di pomodorini. Non hai provato questa soddisfazione sottile e croccante? Comincia qui. È generalmente considerato il creatore della fetta della nonna.

Come mai? Come si è diffuso lo stile? Secondo "Pizza: A Slice of Heaven" di Ed Levine (che ogni amante della pizza definisce il più importante volume di pizza scritto), i fratelli hanno iniziato a preparare la pizza che "Mama ha fatto" per se stessi e gli amici, ma non hanno menu -Inseriscilo. Hanno aperto la pizzeria satellite King Umberto con un altro fratello Corteo, Carlo, che dopo il suo pensionamento è stato venduto ai dipendenti di Umberto Rosario e Sal Fuschetto (che, va notato, non fanno menzione dell'originale Umberto sul loro sito). Levine riferisce che hanno assunto due pizzaioli Rosario e Sal, che avevano iniziato al originale Umberto, ha visto le potenzialità della torta della nonna e l'ha inserita nel menu.

Quindi forse devi ringraziarli per questa torta leggera, sottile, croccante e gommosa con salsa di pomodoro schiacciata leggera e una manciata di mozzarella che ogni long islandese orgoglioso della pizza conosce è meglio di siciliano, meglio di piatto fondo, diamine, meglio di tante pizze che troverai a Manhattan.

Prendi un angolo.

#29 Il Saint Louie, Romeo veloce (Brooklyn, New York)

Speedy Romeo si è costantemente costruito una reputazione sin dall'apertura in un ex negozio di ricambi auto a Clinton Hill nel 2012. Nato da un'idea degli amici Todd Feldman (direttore del casting) e Justin Bazdarich (ex chef di Jean-Georges), Speedy Romeo è stato prende il nome dal cavallo da corsa di Meadowlands della famiglia di Todd e ha corso come un purosangue culinario fin dall'inizio (la loro posizione nel Lower East Side di Manhattan è stata aperta due anni fa e da allora è stata sempre piena).

Esistono 10 varietà di crostate sottili cotte nel forno a legna; il menu presenta divertenti nomi di torta con allettanti combinazioni di ingredienti da abbinare. Prendi in considerazione The Dangerfield (polpette di carne di maiale e di vitello, ricotta, besciamella e patatine all'aglio), The White Album (aglio arrosto, ricotta, pecorino, besciamella e Provel) e lo speck, l'ananas, il Provel e la torta di scalogno alla griglia che prende il nome dall'americano il chitarrista surf rock Dick Dale.

A proposito di Provel, la combinazione bianca e lavorata di cheddar, svizzero e provolone così amata a St. Louis fa diverse apparizioni, non meno importanti che in un omaggio a The Lou, "The Saint Louie", dove è accompagnato da salsiccia italiana, peperoni e peperoncini sott'aceto. Cremoso pazzo con morsi di tregua carnosa dal formaggio e un sano grado di calore, The Saint Louie non è un baraccone; piuttosto, è la ragione per visitare questa versione newyorkese di un classico di St. Louis che più residenti della città hanno bisogno di scoprire.

#28 Margherita, Tony's Pizza Napoletana (San Francisco, California)

Stephanie Joyce D./Yelp

È qualcosa da considerare un esperto di pizza napoletana – e con troppi premi da contare (otto volte campione del mondo pizzaiolo, primo campione del mondo pizzaiolo, primo posto pizza romana ai campionati mondiali di pizzaioli), Tony Gemignani è quello . È un altro da offrire con orgoglio, ed essere lodato per essere un maestro di, Tutti stili di pizza. Ma questa è la storia di Tony's Pizza Napoletana. Sì, la torta d'autore è la napoletana pluripremiata di Tony: pasta impastata a mano fatta con farina San Felice e lievitata in cassette di legno napoletano, poi condita con pomodori San Marzano, sale marino, mozzarella, fior di latte, basilico fresco ed extra- olio vergine d'oliva. Tieni presente che ogni giorno vengono preparate solo 73 di queste pizze campione, quindi arriva presto. Ma il menu offre anche versioni acclamate dalla critica della pizza negli stili di California, St. Louis (sì!), Italia, Sicilia (fantastico!), New York, Roma, classico americano e persino Detroit (dolce!). Potresti accusare Gemignani di mettersi in mostra. Poi di nuovo, c'è del vero nell'espressione: "Non è vantarsi se è vero".

#27 Roni Supreme, Emmy Squared (Brooklyn, New York)

Poteva bastare a Matt ed Emily Hyland aprire una pizzeria neo-napoletana con un raffinato cornicione più sottile, per servire uno dei migliori nuovi hamburger della città, e (ospitando il pop-up dell'ex pizza blogger Slice Adam Kuban il sabato) per fare da incubatrice per una delle storie di pizza più emozionanti di recente memoria. Aprire una seconda pizzeria, una incentrata su torte in stile Detroit (cotta in padella, croste spesse, salsa sopra il formaggio), in una metropoli nota per l'orgoglio della pizza e lo scetticismo, se non il disprezzo per gli stili di pizza del Midwest, avrebbe dovuto tentare il destino . Ma hanno raddoppiato e vinto. Le pizze sono spesse ma soffici con croste croccanti bordate di formaggio che persino la comproprietaria Emily Hyland ha definito la sua parte preferita delle torte. È stato un tale successo che sono state aperte altre due sedi, a Manhattan e Nashville.

Ci sono sette torte rosse e sei bianche, una versione giocosa dello stile hawaiano e un'altra che include condimenti ranch fatti in casa. Ma la torta da non perdere è la Suprema di Roni: salsa, mozzarella, tanto peperoncino e peperoncino calabrese. I peperoni si arricciano in modo che siano croccanti e salati contro la parte superiore del formaggio e le pozze di salsa dolce e piccante gocciolate sopra.

#26 Hot Oil Bar Pie, Colony Grill (Stamford, Connecticut)

Questa sottile istituzione di torte da bar a Stamford, nel Connecticut, è nota per il suo atteggiamento senza fronzoli, per la sua politica senza opzioni speciali e per non fare eccezioni (che il sito web di Colony chiama ammirevolmente "classico fascino americano"). Ci sono segnali, tuttavia, che questa reputazione potrebbe essere in fase di disgelo. Considera la speciale pizza di manzo in scatola e cavolo per il giorno di San Patrizio, che ha senso se consideri "Colony" era il soprannome del quartiere irlandese di Stamford dove Colony Grill è stato fondato dai proprietari irlandesi nel 1935. Ma ora ci sono quattro sedi ( quelli di Fairfield, Milford e Norwalk), e hanno aggiunto ai menu insalate e pizze per la colazione. Vai a capire.

Quello che vorrai fare è ordinare la torta di barrette di olio caldo con salsiccia (olio aromatizzato al peperoncino) e una torta "stinger" (sono sottili, quindi te ne serviranno due). Quell'olio caldo caratteristico è un dovere - se non lo fai, non preoccuparti di andare. C'è quasi la stessa quantità di gustosa salsa e formaggio come c'è crosta croccante di cracker.

C'è qualcosa di speciale nelle uguali quantità di ingredienti che probabilmente non avresti avuto prima, il modo in cui la superficie butterata assomiglia a un sogno folle in cui il formaggio copre la superficie della luna (fuso come ricordi dalla fetta ricoperta di olio d'arancia al tuo pizzeria preferita dall'infanzia), e come il pungiglione dell'olio ti riporta al sorso di birra che vorrai mentre assapori ogni boccone.

#25 Apizza Amore, Apizza Scholls (Portland, Oregon)

Apizza Scholls serve alcune delle migliori pizze a Portland e, secondo alcuni, a nord di San Francisco. Ci sono però delle regole per chi vuole assemblare la propria torta: solo tre ingredienti e non più di due carni per torta.

Quindi scegli con saggezza da un elenco di condimenti che, oltre ai classici come acciughe, cipolle rosse, aglio, peperoni, salsiccia fatta in casa e basilico, include capicollo di Olympia Provisions, pancetta canadese stagionata in casa, salame di cotto, rucola e pepperoncini . (Sì, puoi anche condire le torte con jalapeños, funghi, peperoni, ricotta, olive verdi e nere e, sospiro, olio al tartufo.) Ricorda solo: la pancetta "non è offerta per costruire i tuoi condimenti".

Se non sei in grado di costruire la tua torta, ci sono 14 classici tra cui scegliere con nomi come "Pig & Pineapple", "Tartufo2 The Electric Boogaloo" e "Sausage & Mama". Tra questi, troverai la firma Apizza Amore: Margherita con capicollo (spalla di maiale stagionata) che ha un tocco piccante compensato dalla mozzarella un po' dolce e dalla salsa equilibrata. Questo è amore!

#24 Piatto profondo, Pequod's (Chicago, Illinois)

Il creatore di Pequod (il compianto Burt Katz) è passato da questa impresa dopo pochi anni per prendersi una pausa prima di aprire una nuova pizzeria nel 1989: Burt's Place (recentemente rinnovato sotto una nuova proprietà) a Morton Grove, appena a nord di Chicago. Ma gli anni sono stati gentili con la sua eredità. Il piatto profondo di Pequod, noto per la sua "crosta caramellata", guadagna punti per la sua crosta di formaggio gommosa, croccante e quasi bruciata che forma il bordo esterno di questa casseruola di formaggio, aggiungendo un gradito grado di consistenza che probabilmente non sarebbe necessario se fosse non erano spessi quasi un pollice. Ma è necessario. E bellissimo. Ed esso fa aggiungi quella trama. E puoi ringraziare il fatto che hanno steso un sottile strato di formaggio lungo la parte esterna della crosta dove si scurisce contro il lato della padella.

#23 Squash Blossom, Pizzeria Mozza (Los Angeles, California)

La rinomata panettiera e chef Nancy Silverton gestisce l'Osteria Mozza, un hot spot di Los Angeles dove la famosa clientela impallidisce in confronto alla cucina innovativa e creativa. La pizzeria, annessa al ristorante principale, offre una varietà di specialità italiane, dagli antipasti alla bruschetta, ma le pizze napoletane rubano la scena.

La loro lista di 22 torte varia da $ 17 per una semplice torta di acciughe, pomodoro e peperoncini Fresno, a $ 25 per una torta più unica con fiori di zucca, pomodoro e burrata - una pizza deliziosa e semplice che trasporta attraverso la qualità e la sfumatura di suoi ingredienti.

#22 Nonna, L&B Spumoni Gardens (Brooklyn, New York)

Iniziata nel 1938 da Ludovico Barbati, un immigrato di Torella dei Lombardi (un'ora a est di Napoli), la tradizione del L&B Spumoni inizia con Barbati che impara a fare la pizza in un garage, poi la vende su un carro e un cavallo fino a stabilirsi al posto attuale sulla 86th Street a Brooklyn. L&B Spumoni Gardens è ora alla sua quarta generazione e serve ancora le sue tipiche torte quadrate in stile siciliano dalla crosta sottile con un leggero rivestimento di mozzarella sotto uno strato di salsa di pomodoro e una spolverata di pecorino. Non andartene senza avere degli spumoni per dessert. Alcuni dicono che sia anche meglio della pizza.

#21 Regina, Paulie Gee (Brooklyn, New York)

Con un amore per la pizza, poca formazione formale, nessun diploma di scuola superiore e una carriera che lo ha caratterizzato come "masquerad[ing] da fanatico del computer", Paulie Giannone si è lanciato verso l'ignoto, a Greenpoint, Brooklyn. Si è avventurato lì prima di "Girls" e prima dei condomini, in un momento in cui un appartamento con due camere da letto e due bagni a 10 minuti a piedi dalla metropolitana a Manhattan sul filo del passaparola polacco, senza locazione è andato ancora per meno di $ 2.000. Questo appassionato di pizza fai da te nel cortile ha messo tutto in gioco e si è guadagnato ogni parola gentile che ha ricevuto.

Paulie Gee's è un paradiso per gli amanti della pizza, uno spazio pulito e rustico che ricorda un fienile ma sforna una torta per rivaleggiare con quella di ogni ricordo di Napoli che hai avuto (o sognato di avere). Se conti le combinazioni aggiuntive suggerite, le opzioni vegane e le "pizze segrete", ci sono praticamente troppe pizze da contare (50? 60?), tutte con nomi intelligenti e ottime combinazioni di condimenti - Ricotta Be Kiddin' Me , Feel Like Bacon Love ("non c'è pancetta su questa pizza!"), e Orange You Paulie Gee? — ma la Regina (nel menu segreto) era la firma: mozzarella, pomodori, pecorino romano, olio d'oliva e basilico fresco. Questa pizzeria è così popolare che ha generato ulteriori località fino a Miami, e il nuovo Slice Shop della vecchia scuola di Giannone è già considerato una delle migliori nuove pizzerie della città.

#20 Cavolini di Bruxelles, Motorino (New York, New York)

Alcuni spazi sono maledetti. Altri? Benedetto. Quando Anthony Mangieri ha chiuso Una Pizza Napoletana al 349 East 12th Street, ha lasciato New York City e si è diretto a ovest, Mathieu Palombino ha rilevato l'affitto e ha ribattezzato lo spazio Motorino, e la scena della pizza nell'East Village non ha perso un colpo.Anche i nativi di Hong Kong, Singapore, Malesia e Manila e i Brooklyniti possono ora attestare il successo di Motorino, dal momento che Palombino ha aperto (e trasferito e riaperto) i suoi avamposti asiatici e Williamsburg nel 2013 (c'è anche una terza opzione a New York nell'Upper West Lato).

Motorino propone 15 torte salate, di cui una alle vongole veraci; un altro con stracciatella, basilico crudo e olive di Gaeta; e uno con funghi cremini, fior di latte, salsiccia dolce e aglio. Ma contrariamente a ogni ultima fibra del ricordo d'infanzia che ti sta a cuore, la mossa è la torta di cavolini di Bruxelles (in cui quella verdura spesso diffamata è affiancata da fior di latte, aglio, pecorino, pancetta affumicata e olio d'oliva) - a meno che non sia tardi primavera, quando vorrai ordinare la speciale torta rampicante stagionale.

#19 Margherita, Roberta's (Brooklyn, New York)

Con tutto lo sviluppo e la gentrificazione lungo la linea L a Brooklyn che è successo da quando Roberta's ha aperto nel gennaio 2008, il grande dibattito tra i ristoranti Brooklyn e Manhattan sembra strano, ed è quasi difficile ricordare che c'era una volta un tempo in cui si arrivava a questa ottima pizza giunto era considerato un trekking.

OK, quindi Bushwick potrebbe non essere nella rotazione media dei newyorkesi, ma a questo punto, anche se non fa parte della vecchia guardia della pizza della città, Roberta's è senza dubbio un membro delle icone della pizza di New York, uno che ha ispirato altre grandi pizzerie , tra cui un altro in questa lista, Paulie Gee's.

Gli appellativi delle pizze di Carlo Mirarchi hanno spaziato dall'eco del gergo scolastico e dai riferimenti letterari ai giochi di parole intelligenti. Non importa se scegli la Margherita (pomodoro, mozzarella e basilico), lo Speckenwolf (mozzarella, speck, funghi crimini, cipolla, origano e pepe nero) o l'Hawt Gabagool (mozzarella, taleggio, coppa della casa, aglio, basilico , giardiniera e limone), ti garantiamo un cornicione gommoso e un'esemplare torta neo-napoletana.

#18 Margherita, Pizzeria Bianco, (Phoenix, Arizona)

"Non c'è nessun mistero per la mia pizza", ha detto Chris Bianco, nativo del Bronx, al New York Times. "Origano siciliano, farina biologica, pomodori San Marzano, acqua depurata, mozzarella che ho imparato a fare da Mike's Deli nel Bronx, sale marino, torta di lievito fresco e un po' dell'impasto di ieri. Alla fine pizza ottima, come ogni altra cosa, è tutta una questione di equilibrio. È così semplice.''

Prova a dirlo alle legioni di pellegrini della pizza che hanno visitato la storica pizzeria di Phoenix che ha aperto più di 20 anni fa. Il ristorante serve non solo pizze sottili ma anche fantastici antipasti (che prevedono verdure arrostite nel forno a legna), insalate perfette e pane di campagna fatto in casa. L'attesa, un tempo nota come una delle peggiori per alcuni dei migliori piatti del paese, è stata migliorata dalla Pizzeria Bianco che inizia a servire il pranzo, così come l'apertura della Trattoria Bianco (la pizza principe del ristorante italiano dell'Arizona nel storico centro commerciale Town & Country, a circa 10 minuti dall'originale) e un avamposto a Tucson.

Anche se Bianco non fa più tutte le torte che il ristorante scopre (un attacco di "polmone del panettiere" lo ha quasi ucciso), la Pizzeria Bianco è ormai un classico americano. Questo è un altro caso in cui qualsiasi torta sarà probabilmente migliore della maggior parte che hai mangiato nella tua vita (quella rosa con cipolle rosse e pistacchi!), ma la firma Margherita ricalibrerà per sempre la tua base di pizza: salsa di pomodoro, mozzarella fresca e basilico .

#17 Margherita, Una Pizza Napoletana (New York, New York)

Quando Anthony Mangieri, pizzaiolo per Una Pizza Napoletana dell'East Village, ha chiuso il negozio nel 2009 "per fare un cambiamento", si è trasferito a ovest e ha aperto un posto in cui poteva "usare più spesso la sua canoa e la mountain bike", è stato l'ultimo insulto . Certo, aveva già fatto questo genere di cose una volta, lasciandosi alle spalle la sua incarnazione di Una Pizza a Point Pleasant, nel New Jersey, in favore di Manhattan. Ma ancora.

Beh, è ​​stato divertente finché è durato, ma dopo quasi 10 anni a ovest, Mangieri ha chiuso il negozio lo scorso dicembre ed è tornato a New York, riaprendo nel Lower East Side a maggio. La scena della pizza a New York è cresciuta a passi da gigante dall'ultima volta che Una Pizza ha abbellito le sue coste, ma è opinione comune che le pizze di Mangieri siano buone come lo sono sempre state, specialmente la Margherita, con il suo cornicione gonfio, brillante e acido salsa e mozzarella cremosa di alta qualità.

#16 Pepperoni, Lucali (Brooklyn, New York)

Includere un pizzico di Dom DeMarco di Di Fara e un pizzico dei murales di Gino's di Long Beach, allungare un po' più largamente la classica crosta di Coney Island Totonno, aggiungere alcuni intangibili e sei vicino all'esperienza della pizza Mark Iacono è diventato famoso nella sua pizzeria Lucali di Carroll Gardens dalla sua apertura nel 2006. C'è quel classico stile newyorkese e sussurri giustificati sull'esecuzione della vecchia scuola elogiati nelle istituzioni leggendarie e amate di New York. Mangiando la pizza negli ambienti caldi e soffusamente illuminati di Lucali, ti chiedi come Iacono sembri aver magicamente ereditato la primogenitura della pizza di Gennaro Lombardi. Iacono, sopravvissuto a un accoltellamento nel 2011 che lo ha lasciato senza sentimenti in circa il 50 percento del suo corpo, non ha rallentato, attirando folle e fan nello spot originale di Brooklyn, e sta ricevendo riconoscimenti simili nella sua sede di Miami.

#15 Motor City, Buddy's Pizza (Detroit, Michigan)

Lo stile pizza quadrato caratteristico di Detroit è come una fetta siciliana sotto steroidi. C'è un'azione croccante, spessa e profonda della crosta del piatto, spesso formata dal processo di doppia cottura in padelle quadrate che sono state spennellate con olio o burro, e un mestolo abbondante di salsa diffusa sulla superficie del formaggio. Presumibilmente tutto è iniziato al Buddy's Rendezvous nel 1946, una taverna di quartiere che era stata gestita per un decennio dal proprietario August "Gus" Guerra. Dal 1953, Buddy's ha avuto diversi proprietari. Gus ha venduto Buddy's a Jimmy Bonacorse e Jimmy Valenti e ha aperto Cloverleaf. Essi lo vendette a Billy e Shirlee Jacobs nel 1970 (il loro figlio Robert Jacobs lo dirige ora).

Amministrazioni diverse negli ultimi 72 anni, stessi risultati - un appassionato seguito di torte di formaggio e gommose - con la differenza che ora ci sono 12 sedi e il resto del paese sta recuperando terreno. Potresti pensare che lo stile di Detroit sia limitato alla sua regione d'origine, ma considera che alcuni anni fa, Alan Richman di GQ ha individuato Buddy's come una delle 25 migliori pizze d'America; che il re della pizza in California Tony Gemignani serve la sua versione in molti dei suoi ristoranti; e lo stile ha iniziato a prendere piede in Texas ea New York con Emmy Squared. Prova la tipica torta Detroit Zoo della Motor City Pizza Collection: miscela di formaggio Motor City, pomodori arrostiti, basilico fresco, pinoli e salsa di pomodoro e basilico.

#14 Vodka, Joe & Pat's Pizzeria (Staten Island, New York)

La casa della pizza sottile e croccante di Staten Island è a conduzione familiare sin dalla sua apertura nel 1960. Joe & Pat's ha una salsa dolce e una pizza così sottile che puoi mangiare sette fette senza sentirti pieno. Ha quell'ariosità che genera aggettivi più leggeri dell'aria, ma ha ancora un'ottima crosta e un fondo abbastanza pesante che le fette non diventano flosce.

Le persone di Joe & Pat notano che la loro torta di vodka (salsa vodka, mozzarella e basilico) è una delle preferite dai clienti, ma fanno torte di verdure, pesto e pollo di bufala killer (accettalo già), e sono felici di accogliere con tutto, dalla farcitura di torte con ingredienti italo-americani amati, ma non necessariamente onnipresenti come scungilli, vongole, gamberi, cuori di carciofo e calamari fritti per fare la tua pizza da 14 pollici, 15 pollici, siciliana, della nonna, senza glutine, a grandezza naturale, o addirittura a forma di cuore (no, non è ingannevole quando un posto è così sincero: “Parliamo inglese e italiano”).

E se ti piace quello che assaggi da Joe & Pat, beh, vorrai dare un'occhiata al ristorante gemello Ciro's, aperto nel 1997 dal fratello Ciro Papparlardo, e Rubirosa su Mulberry Street a Manhattan.

#13 Bomba italiana, Apizza moderna (New Haven, Connecticut)

Fondato nel 1934 come State Street Pizza, Modern è noto per il suo forno in mattoni a carbone che produce ancora la pizza nello stesso stile dalla crosta sottile. Probabilmente lo sentirai descritto come il posto in cui "la gente del posto va invece di Pepe e Sally's". Forse. L'atmosfera è fantastica - pannelli di legno, server amichevoli, una sensazione pulita - ma non suona la terza corda perché non è su Wooster. Le torte di Modern sono leggermente pesanti con una debole integrità strutturale. Data l'attenzione al condimento, la bomba italiana è la torta da provare: è condita con pancetta, salsiccia, peperoni, aglio, funghi, cipolla e pepe.

#12 Tomato Pie, Apizza di Sally (New Haven, Connecticut)

Sally's Apizza è la famiglia reale di New Haven, che opera dalla stessa posizione in cui è stata aperta alla fine degli anni '30 a New Haven's Wooster Square. In verità, se non fosse per la vicina Frank Pepe Pizzeria Napoletana, probabilmente si parlerebbe di Sally's con simile riverenza. La loro pizza è tradizionalmente crosta sottile, condita con salsa di pomodoro, aglio e "mozz". Certo, le torte di Sally sono abbastanza simili a quelle che troverai in fondo alla strada da Frank Pepe, perché l'uomo che ha aperto Sally's (Salvatore Consiglio) era il nipote di Pepe.

Sal è morto nel 1989 e sua moglie Flo lo ha seguito nel 2012. I loro figli, Bob, Ruth e Rick, hanno portato avanti la tradizione fino all'anno scorso, quando hanno venduto a un gruppo chiamato Lineage Hospitality. Si dice che siano in lavorazione nuove location, ma per il momento non ci sono stati cambiamenti evidenti.

Quando visiti, tieni presente che mentre lo staff di Sally è noto per ammettere che la torta di vongole di Pepe è migliore, la torta di pomodoro qui (salsa di pomodoro, senza formaggio) ha il ritmo originale.

#11 Cheese, Patsy's (New York, New York)

Alcuni direbbero che questo è l'unico posto esistente dove puoi ottenere una vera e propria fetta di forno a carbone nell'universo, dato che il suo fondatore Pasquale "Patsy" Lancieri avrebbe aperto Patsy's dopo aver lavorato con il padrino della pizza di New York City, Gennaro Lombardi .

Vero o no, questo originale del 1933 di East Harlem può rivendicare l'eredità della pizza più solo sognata, ed è stato riferito che era uno dei preferiti di Sinatra e DiMaggio. Tuttavia, l'originale è uno dei classici della pizza più sottovalutati e sottostimati della città. È una cosa curiosa data la storia e la qualità, anche se ci sono alcuni avvertimenti. La pizza di Patsy è così sottile e relativamente corto, che puoi sminuzzare sei fette al bancone. Questo è quello che vorrai fare, comunque: c'è qualcosa in questa pizza che la rende miracolosa appena sfornata, ma esponenzialmente insignificante se la lasci aspettare.

La mossa è ordinare il formaggio semplice, mangiare e ripetere - e non riscaldare.

#10 Pepperoni, Lombardi (New York, New York)

Chiunque sia interessato a risalire alle origini della storia d'amore americana con la pizza troverà la strada per Lombardi. Gennaro Lombardi aprì una drogheria nel Lower East Side di Manhattan nel 1897, e nel 1905 iniziò a vendere torte di pomodoro avvolte in carta e legate con uno spago a lavoratori di origine italiana che le portavano al lavoro (perché la maggior parte non poteva permettersi una torta, è stato venduto a pezzi). La pizzeria è stata gestita dalla famiglia Lombardi - prima dal figlio di Gennaro, John, poi da suo nipote, Jerry - fino alla chiusura nel 1984, ed è stata riaperta 10 anni dopo a un isolato dalla posizione originale da Jerry Lombardi e John Brescio, un amico d'infanzia .

In questi giorni, il Lombardi è quasi sempre pieno. C'è una crosta sottile, un cornicione senza troppe bollicine e un'accurata stratificazione di salsa piccante e non eccessivamente dolce o salata.

Non ci sono strati di mozzarella tagliuzzata ma la roba fresca, stesa. Anche se non sei un fan di questo tipo di formaggio sulla tua torta, probabilmente ti piacerà. È la migliore pizza di New York? No. Comunque, Lombardi è una pietra di paragone. E guardando il panorama della pizza di New York, la devozione per una pizza di un tempo in cui non significava carbonizzazione abile e forni artificiosi con piastrelle dorate è confortante, anche se questo significa solo la pizza del 1994.

#9 Pepperoni, Grimaldi (Brooklyn, New York)

Essere in grado di fare la ginnastica mentale intrinseca alla comprensione della storia dietro una delle pizzerie più famose di New York City - ehm, Brooklyn - non è necessario per farti gustare una fetta della sua famosa pizza, ma abbiamo pochi minuti mentre aspetti in fila.

Gennaro Lombardi ha aperto quella che è generalmente considerata la prima pizzeria d'America (Lombardi's, No. 10). Presumibilmente ha allenato Pasquale "Patsy" Lancieri, che ha aperto il primo Patsy's a East Harlem (n. 11). Suo nipote Patsy Grimaldi ha aperto un posto, chiamato anche Patsy's, a Dumbo a Brooklyn nel 1990 (si dice che abbia imparato il mestiere anche da Jerry Pero, figlio di Anthony Totonno Pero, che ha fondato Totonno's - un'altra storia), ma ha dovuto cambiare il nome a Grimaldi dopo che suo zio è morto e sua zia ha venduto il nome di Patsy.

Tre anni dopo, Patsy ha venduto il Grimaldi's al 19 di Old Fulton Street a Frank Ciolli, i cui due figli hanno ampliato il marchio Grimaldi a quasi 50 ristoranti in tutto il paese. Ma Ciolli ha perso il contratto di locazione per lo spazio originale e ha dovuto trasferirsi in un edificio più grande dell'ex banca accanto a 1 Front Street. Quello è quando Patsy è piombato fuori dalla pensione nello spazio originale di Grimaldi per aprire di Juliana (n. 42).

Si riduce a questo: Patsy Grimaldi, il cui lignaggio della pizza risale ai membri della famiglia formati da Gennaro Lombardi, sta preparando torte in un ristorante chiamato Juliana's nell'originale Grimaldi's, e Grimaldi's è proprio accanto.

Detto questo, sei quasi in prima linea. (Ricorda: nessuna carta di credito, nessuna prenotazione, nessuna fetta e nessuna consegna!). Quindi siediti e ordina qualcosa di semplice: una Margherita fatta in un forno a carbone che si riscalda fino a circa 1.200 gradi F e richiede circa 100 libbre di carbone al giorno. È croccante, fumoso, piccante, di formaggio e delizioso e, quando hai finito, puoi andare da Juliana's accanto.

#8 Primavera piccante, Prince St. Pizza (New York, New York)

Prince Street Pizza ha iniziato a servire "SoHo Squares" nel 2012 e da allora è diventata una delle migliori pizzerie della città. Il proprietario Frank Morano, che usa le ricette siciliane della sua famiglia, ha installato un nuovo forno a gas Marsal & Sons rivestito di mattoni nella metà dello spazio che era un negozio di affettati da asporto di Ray per cuocere sette torte napoletane e cinque stili di fette quadrate.

Avrai voglia di iniziare con la loro semplice mozzarella e salsa quadrata, ma non andartene senza provare la primavera piccante. È condito con salsa fra diavalo dolce e piccante, mozzarella fresca e soppressata piccante che si trasforma in cerchi croccanti che cullano luccicanti pozze d'olio. Questa è una fetta unta sulla faccia, del tipo la cui salsa finisce sulla camicia bianca del banchiere d'investimenti in piedi accanto a te. Assicuratevi di avere una fetta fresca e chiedete un angolo (e l'eventuale salamino piccante che cade in padella). "Nessun altro quadrato può essere paragonato."

#7 Cheese, Joe's (New York, New York)

Dal 1975, Joe's Pizza ha servito fette fresche, calde e di formaggio a turisti e residenti, rendendolo un punto di riferimento davvero iconico di New York City. È sinonimo di New York City come la Statua della Libertà o l'Empire State Building. Ognuno ha una fetta preferita, ma se la città ne avesse solo una, sarebbe questa. Ha fatto ogni possibile lista dei migliori (molti dei quali attaccati alle pareti e alle finestre), e per una buona ragione. La chiave del successo di Joe è la loro pizza tradizionale in stile newyorkese con crosta sottile, salsa eccezionale e il giusto rapporto tra formaggio, salsa e crosta (solo un po' meno dei primi due).

Ci sono voluti circa 38 anni prima che Joe's cercasse di capitalizzare il suo successo nel West Village, aprendo una posizione nell'East Village sulla 14th Street alcuni anni fa che si rivela un prodotto di qualità simile, anche se con una domanda leggermente inferiore (considera questo fianco a fianco). confronto laterale). Ciò è stato seguito abbastanza rapidamente dalla loro prima sede a Brooklyn (a Williamsburg), nonché da una vicino a Times Square.

#6 Margherita, Totonno (Brooklyn, New York)

A detta di tutti, Totonno's non dovrebbe esistere. Si pensi che fu aperto a Coney Island nel 1924 (da Antonio "Totonno" Pero, allievo di Lombardi). Considera l'incendio dell'area di stoccaggio del carbone che l'ha devastata nel 2009. Aggiungi a questo insulto la distruzione e i successivi costi di ricostruzione (il Daily News ha riportato $ 150.000 in riparazioni) sostenuti nel 2012 durante l'uragano Sandy, quando quattro piedi d'acqua hanno distrutto tutto all'interno della famiglia- istituto di proprietà.

Sarai d'accordo che Brooklyn (e il paese) dovrebbe contare le sue stelle fortunate Totonno's è in giro. Eppure Totonno's non mantiene vivo solo il nome di una pizza leggendaria o la nostalgia per tempi più semplici (e forse torte più autentiche e coerenti).

No. I proprietari Antoinette Balzano, Frank Balzano e Louise "Cookie" Ciminieri non si limitano a collegare la festa della pizza della nostra era moderna ai giorni del suo inizio. I bordi bollenti al carbone, la mozzarella macchiata allacciata su quella bella salsa rossa ... ah, dimentica tutte le parole con gli occhi pieni di lacrime, questo è Nettuno Avenue!

Questa è Brooklyn! Questo è di Totonno. e questo è come si fa la pizza.

#5 Torta rotonda classica, Di Fara (Brooklyn, New York)

Domenico DeMarco è una celebrità locale, avendo posseduto e gestito Di Fara dal 1964. Dom cucina pizza in stile newyorkese e siciliano dal martedì al sabato (da mezzogiorno alle 20:00 e la domenica dalle 13:00 alle 20:00) per i newyorkesi affamati e turisti disposti ad aspettare in lunghe file e sfidare il tutto contro tutti che è l'esperienza del bancone Di Fara. Sì, è meglio prendere una torta intera che sborsare per la fetta di $ 5. Sì, è un viaggio, e certo, Dom attraversa periodi in cui la parte inferiore della pizza può tendere a essere troppo cotta, ma quando è dentro, Di Fara può essere un caso molto forte per essere la migliore pizza d'America.

Se vuoi capire perché prima di visitare, guarda il fantastico video su Di Fara chiamato "La cosa migliore che abbia mai fatto". Non si può sbagliare con la classica torta di formaggio tonda o quadrata (condita con peperoncino marinato nell'olio, che si può aggiungere al bancone con una gomitata), ma la firma del menu è la torta classica Di Fara: mozzarella, Parmigiano-Reggiano, salsa di pomodoro datterino, basilico, salsiccia, peperoni, funghi, cipolle e, naturalmente, un filo d'olio d'oliva di Dom. Una seconda sede, a Williamsburg, è stata aperta all'inizio di quest'anno e l'ottantunenne Dom passa sempre meno tempo a preparare pizze in questi giorni (i suoi figli subentrano), ma un viaggio nell'originale è ancora un pellegrinaggio che vale davvero la pena fare .

#4 The Boom Pie, John's di Bleecker Street (New York, New York)

Sì, John's of Bleecker è nella rotazione turistica, ma c'è un motivo se è diventato un'istituzione di New York City. La pizza viene cotta in un forno a legna in mattoni come si fa dal 1929. Scegli tra i condimenti disponibili (polpette affettate, peperoni, salsiccia macinata, pomodori a fette, pomodori arrostiti, basilico, ricotta, funghi, cipolle, peperoni, acciughe, olive nere e aglio) e puoi incidere il tuo nome sui muri come le frotte davanti a te.

Che cosa non posso fate? Ordina una fetta. Solo torte. E in questo caso vai con una Margherita o quella che ai ragazzi di John's piace chiamare la "Boom Pie" (secondo un manager, si dicono "Boom!" proprio prima di servirla): forno- pomodori arrostiti, aglio e basilico. E se non puoi farcela di persona, il team ha finalmente perfezionato qualcosa che gli sfuggiva da anni: la consegna.

#3 Chicago Classic, Pizzeria di Lou Malnati (Chicago, Illinois)

La prima pizzeria di Lou Malnati ha aperto nel 1971 con grande successo, ed è ora un'istituzione di Chicago - e nazionale. Lou è morto di cancro solo sette anni dopo, ma la sua famiglia ha mantenuto vivo il suo sogno, espandendo la sua catena a 53 sedi di Chicagoland secondo l'ultimo conteggio.

L'esperienza del piatto profondo di Lou Malnati è disponibile in quattro dimensioni: individuale da 6 pollici (per una persona), piccola da 9 pollici (per due persone), media da 12 pollici (per tre persone) e grande da 14 pollici (per quattro persone). Quindi molto probabilmente ne ordinerai solo uno o due se hai intenzione di finirli, anche con alcuni amici (a meno che tu non abbia intenzione di mangiare qualcos'altro quel giorno).

In realtà fanno una torta sottile, ma non stai visitando per la crosta sottile, quindi assicurati che una di quelle scelte sia il Malnati Chicago Classic: una casseruola (ricorda, il piatto profondo non è tecnicamente pizza) fatta con Lou's salsiccia magra, un po' di mozzarella in più e salsa di pomodoro maturato a grappolo su crosta di burro. "È l'autentica Chicago!"

#2 Bufala, Razza Pizza Artigianale (Jersey City, New Jersey)

Razza ha aperto appena oltre il fiume Hudson da New York a Jersey City alla fine del 2012, ed è diventato famoso a livello locale per le sue pizze cotte nel forno a legna preparate dal proprietario dello chef Dan Richer, che è stato semifinalista per il James Beard Rising Star Award ed è così meticoloso nel suo mestiere che è stato soprannominato "il Jiro del pane", dopo che lo chef di sushi è apparso in "Jiro Dreams of Sushi". Ma non è stato fino a quando il critico del New York Times Pete Wells si è presentato l'anno scorso che gli amanti della pizza dall'altra parte del fiume se ne sono davvero accorti. Wells gli ha dato una recensione il più brillante possibile, arrivando persino a considerarla "la migliore pizza di New York". Richer non solo ha perfezionato la sua crosta - è croccante da un capo all'altro e il suo interno è morbido con un sapore complesso - è anche meticoloso sui suoi condimenti, che acquista localmente. La mozzarella sulla sua torta di bufala, ad esempio, proviene dal bufalo d'acqua della contea di Sussex, nel Jersey; ha dovuto aspettareanni affinché la mandria crescesse abbastanza da garantire una fornitura costante del formaggio notoriamente difficile da perfezionare. E per quanto riguarda la salsa, Richer ha detto al Times di aspettare che le ultime annate di pomodori della California, del New Jersey e dell'Italia vengano inscatolate ogni gennaio prima di assaggiarle alla cieca e classificarle tutte, quindi frullarle come un buon vino. Una volta montata, la pizza è quasi perfetta.

#1 White Clam, Frank Pepe Pizzeria Napoletana (New Haven, Connecticut)

Arthur Bovino

Frank Pepe Pizzeria Napoletana mantiene la sua corona come la migliore pizzeria d'America. Questa è una destinazione della lista di controllo, a cui dovrai fare un pellegrinaggio se vuoi discutere l'argomento della migliore pizza d'America con qualsiasi autorità. L'icona di New Haven ha aperto in Wooster Square nel 1925, offrendo la classica pizza in stile napoletano preparata da un immigrato italo-americano. Dopo essere arrivato negli Stati Uniti nel 1909 all'età di 16 anni, Frank Pepe (guardalo al lavoro in questo video) ha fatto lavoretti prima di aprire il suo ristorante originale (la location, ora chiamata "The Spot", è ora un'aggiunta al sede principale di Pepe).

Ora ci sono sette sedi nel Connecticut, una a Yonkers, New York, una nel Rhode Island e una vicino a Boston; tutti sono gestiti dai 10 pronipoti di Pepe e tutti usano ricette originali per fare la loro pizza al carbone.

Qual è la mossa? Come se non lo sapessi! Due parole: Torta di vongole ("No muzz!"). Questo è un genere di pizza del nord-est a sé stante, e Pepe's è il migliore di tutti: vongole appena sgusciate e salate, una dose intensa di aglio, olio d'oliva, origano e Parmigiano-Reggiano grattugiato su una crosta color carbone. È una combinazione che rende questa torta uno dei piatti più iconici d'America. La mossa avanzata? Torta di vongole con pancetta. Ovviamente, lo speciale estivo di Pepe, la loro "torta di pomodoro fresca" stagionale fatta con pomodori coltivati ​​localmente, vale il suo viaggio (e l'aggiunta di gamberi a una torta di pomodoro è una gemma poco pubblicizzata di una combinazione). Non importa cosa stai pensando di ordinare, aspettati di aspettare in fila se arrivi dopo le 11:30 durante il fine settimana. Ma l'attesa sarà valsa la pena, poiché questa pizza è una delle cose migliori da mangiare in ogni stato.

Altro dal pasto quotidiano:

Le 35 catene di pizza preferite in America

I 101 migliori hamburger in America

Il miglior affare all-you-can-eat in ogni stato

Le 50 migliori steakhouse d'America

Il miglior pollo fritto in ogni stato


La migliore pizza in ogni stato: le pizzerie più votate su TripAdvisor

1 di 84 6 di 84 13 di 84 41 di 84 45 di 84 48 di 84 64 di 84 67 di 84 72 di 84 79 di 84

Il vincitore in Delaware: Mr P Pizzeria a Lewes

“Ogni visita ha prodotto un'ottima pizza indipendentemente dai condimenti che abbiamo ordinato. Il loro segreto è il forno a legna che usano per cuocere la pizza. L'esterno della crosta esce croccante e croccante mentre la pizza stessa è cotta alla perfezione", ha detto un commensale di TripAdvisor. (Foto: TripAdvisor)

C'è sempre stato un dibattito su quale fosse l'origine della pizza country, ma una cosa è certa: la pizza è diventata un alimento base della dieta americana.

Utilizzando le decine di migliaia di valutazioni aggiunte ogni giorno dai commensali sul suo sito di recensioni, TripAdvisor ha nominato le pizzerie più votate in ogni stato.

L'elenco si basa sulle opinioni dei clienti di TripAdvisor. Tiene conto del rapporto e della qualità delle recensioni della pizzeria rispetto alle valutazioni complessive, insieme alla qualità e alla quantità delle recensioni ricevute nell'ultimo anno (fino a settembre 2018). I ristoranti in primo piano hanno un minimo di 4 punti su 5, 100 recensioni e 10 località o meno a settembre.

Alcune città degli Stati Uniti sono note per alcuni tipi di stili di pizza. C'è la fetta di crosta sottile di New York City, il piatto profondo di Chicago, la pizza in teglia quadrata di Detroit, la pizza con crosta croccante di New Haven e la torta di pomodoro del New Jersey con condimenti cotti sotto i pomodori.

Ma ci sono pizzerie in tutti i 50 stati, e a Washington, D.C., e ognuna dà il suo tocco personale.

Le migliori pizzerie vanno da Outrigger Pizza Company a Kihei, Hawaii ("Una bontà da leccarsi i baffi", ha detto un commensale) a Mother Bear's Pizza a Bloomington, Indiana ("La crosta non è troppo spessa, non troppo sottile, è giusta") a Tommy's Pizza a Gettysburg, in Pennsylvania ("Non lesinano sui condimenti o sul sapore.").

La pizzeria di Boston è la numero 1 di TripAdvisor (non a New York)

Delle 51 pizzerie, TripAdvisor ha anche evidenziato le pizzerie che sono tra le prime 10 del Paese nel complesso), in base alle recensioni. Sono, in ordine alfabetico:

  • Alaska, Anchorage: Moose's Tooth Pub e Pizzeria
  • Connecticut, New Haven: Apizza moderna
  • Florida, Key West: Duetto Pizza e Gelato
  • Massachusetts, Boston: Regina Pizzeria
  • New York, New York City: Bleecker Street Pizza
  • Oklahoma, Tulsa: Pizzeria Andolini
  • Tennessee, Nashville: Five Points Pizza
  • Texas, Austin: Pizza al taglio casalingo

Per guardare le foto dall'elenco completo delle migliori pizzerie in ogni stato, clicca sulla galleria fotografica sopra.


La migliore pizza in ogni stato: le pizzerie più votate su TripAdvisor

1 di 84 6 di 84 13 di 84 41 di 84 45 di 84 48 di 84 64 di 84 67 di 84 72 di 84 79 di 84

Il vincitore in Delaware: Mr P Pizzeria a Lewes

“Ogni visita ha prodotto un'ottima pizza indipendentemente dai condimenti che abbiamo ordinato. Il loro segreto è il forno a legna che usano per cuocere la pizza. L'esterno della crosta esce croccante e croccante mentre la pizza stessa è cotta alla perfezione", ha detto un commensale di TripAdvisor. (Foto: TripAdvisor)

C'è sempre stato un dibattito su quale fosse l'origine della pizza country, ma una cosa è certa: la pizza è diventata un alimento base della dieta americana.

Utilizzando le decine di migliaia di valutazioni aggiunte ogni giorno dai commensali sul suo sito di recensioni, TripAdvisor ha nominato le pizzerie più votate in ogni stato.

L'elenco si basa sulle opinioni dei clienti di TripAdvisor. Tiene conto del rapporto e della qualità delle recensioni della pizzeria rispetto alle valutazioni complessive, insieme alla qualità e alla quantità delle recensioni ricevute nell'ultimo anno (fino a settembre 2018). I ristoranti in primo piano hanno un minimo di 4 punti su 5, 100 recensioni e 10 località o meno a settembre.

Alcune città degli Stati Uniti sono note per alcuni tipi di stili di pizza. C'è la fetta di crosta sottile di New York City, il piatto profondo di Chicago, la pizza in teglia quadrata di Detroit, la pizza con crosta croccante di New Haven e la torta di pomodoro del New Jersey con condimenti cotti sotto i pomodori.

Ma ci sono pizzerie in tutti i 50 stati, e a Washington, D.C., e ognuna dà il suo tocco personale.

Le migliori pizzerie vanno da Outrigger Pizza Company a Kihei, Hawaii ("Una bontà appetitosa proprio lì", ha detto un commensale) a Mother Bear's Pizza a Bloomington, Indiana ("La crosta non è troppo spessa, non troppo sottile, è giusta") a Tommy's Pizza a Gettysburg, in Pennsylvania ("Non lesinano sui condimenti o sul sapore.").

La pizzeria di Boston è la numero 1 di TripAdvisor (non a New York)

Delle 51 pizzerie, TripAdvisor ha anche evidenziato le pizzerie che sono tra le prime 10 del Paese nel complesso), in base alle recensioni. Sono, in ordine alfabetico:

  • Alaska, Anchorage: Moose's Tooth Pub e Pizzeria
  • Connecticut, New Haven: Apizza moderna
  • Florida, Key West: Duetto Pizza e Gelato
  • Massachusetts, Boston: Regina Pizzeria
  • New York, New York City: Bleecker Street Pizza
  • Oklahoma, Tulsa: Pizzeria Andolini
  • Tennessee, Nashville: Five Points Pizza
  • Texas, Austin: Pizza al taglio casalingo

Per guardare le foto dall'elenco completo delle migliori pizzerie in ogni stato, clicca sulla galleria fotografica sopra.


La migliore pizza in ogni stato: le pizzerie più votate su TripAdvisor

1 di 84 6 di 84 13 di 84 41 di 84 45 di 84 48 di 84 64 di 84 67 di 84 72 di 84 79 di 84

Il vincitore in Delaware: Mr P Pizzeria a Lewes

“Ogni visita ha prodotto un'ottima pizza indipendentemente dai condimenti che abbiamo ordinato. Il loro segreto è il forno a legna che usano per cuocere la pizza. L'esterno della crosta esce croccante e croccante mentre la pizza stessa è cotta alla perfezione", ha detto un commensale di TripAdvisor. (Foto: TripAdvisor)

C'è sempre stato un dibattito su quale fosse l'origine della pizza country, ma una cosa è certa: la pizza è diventata un alimento base della dieta americana.

Utilizzando le decine di migliaia di valutazioni aggiunte ogni giorno dai commensali sul suo sito di recensioni, TripAdvisor ha nominato le pizzerie più votate in ogni stato.

L'elenco si basa sulle opinioni dei clienti di TripAdvisor. Tiene conto del rapporto e della qualità delle recensioni della pizzeria rispetto alle valutazioni complessive, insieme alla qualità e alla quantità delle recensioni ricevute nell'ultimo anno (fino a settembre 2018). I ristoranti in primo piano hanno un minimo di 4 punti su 5, 100 recensioni e 10 località o meno a settembre.

Alcune città degli Stati Uniti sono note per alcuni tipi di stili di pizza. C'è la fetta di crosta sottile di New York City, il piatto profondo di Chicago, la pizza in teglia quadrata di Detroit, la pizza con crosta croccante di New Haven e la torta di pomodoro del New Jersey con condimenti cotti sotto i pomodori.

Ma ci sono pizzerie in tutti i 50 stati, e a Washington, D.C., e ognuna dà il suo tocco personale.

Le migliori pizzerie vanno da Outrigger Pizza Company a Kihei, Hawaii ("Una bontà da leccarsi i baffi", ha detto un commensale) a Mother Bear's Pizza a Bloomington, Indiana ("La crosta non è troppo spessa, non troppo sottile, è giusta") a Tommy's Pizza a Gettysburg, in Pennsylvania ("Non lesinano sui condimenti o sul sapore.").

La pizzeria di Boston è la numero 1 di TripAdvisor (non a New York)

Delle 51 pizzerie, TripAdvisor ha anche evidenziato le pizzerie che sono tra le prime 10 del Paese nel complesso), in base alle recensioni. Sono, in ordine alfabetico:

  • Alaska, Anchorage: Moose's Tooth Pub e Pizzeria
  • Connecticut, New Haven: Apizza moderna
  • Florida, Key West: Duetto Pizza e Gelato
  • Massachusetts, Boston: Regina Pizzeria
  • New York, New York City: Bleecker Street Pizza
  • Oklahoma, Tulsa: Pizzeria Andolini
  • Tennessee, Nashville: Five Points Pizza
  • Texas, Austin: Pizza al taglio casalingo

Per guardare le foto dall'elenco completo delle migliori pizzerie in ogni stato, clicca sulla galleria fotografica sopra.


La migliore pizza in ogni stato: le pizzerie più votate su TripAdvisor

1 di 84 6 di 84 13 di 84 41 di 84 45 di 84 48 di 84 64 di 84 67 di 84 72 di 84 79 di 84

Il vincitore in Delaware: Mr P Pizzeria a Lewes

“Ogni visita ha prodotto un'ottima pizza indipendentemente dai condimenti che abbiamo ordinato. Il loro segreto è il forno a legna che usano per cuocere la pizza. L'esterno della crosta esce croccante e croccante mentre la pizza stessa è cotta alla perfezione", ha detto un commensale di TripAdvisor. (Foto: TripAdvisor)

C'è sempre stato un dibattito su quale fosse l'origine della pizza country, ma una cosa è certa: la pizza è diventata un alimento base della dieta americana.

Utilizzando le decine di migliaia di valutazioni aggiunte ogni giorno dai commensali sul suo sito di recensioni, TripAdvisor ha nominato le pizzerie più votate in ogni stato.

L'elenco si basa sulle opinioni dei clienti di TripAdvisor. Tiene conto del rapporto e della qualità delle recensioni della pizzeria rispetto alle valutazioni complessive, insieme alla qualità e alla quantità delle recensioni ricevute nell'ultimo anno (fino a settembre 2018). I ristoranti in primo piano hanno un minimo di 4 punti su 5, 100 recensioni e 10 località o meno a settembre.

Alcune città degli Stati Uniti sono note per alcuni tipi di stili di pizza. C'è la fetta di crosta sottile di New York City, il piatto profondo di Chicago, la pizza in teglia quadrata di Detroit, la pizza con crosta croccante di New Haven e la torta di pomodoro del New Jersey con condimenti cotti sotto i pomodori.

Ma ci sono pizzerie in tutti i 50 stati, e a Washington, D.C., e ognuna dà il suo tocco personale.

Le migliori pizzerie vanno da Outrigger Pizza Company a Kihei, Hawaii ("Una bontà da leccarsi i baffi", ha detto un commensale) a Mother Bear's Pizza a Bloomington, Indiana ("La crosta non è troppo spessa, non troppo sottile, è giusta") a Tommy's Pizza a Gettysburg, in Pennsylvania ("Non lesinano sui condimenti o sul sapore.").

La pizzeria di Boston è la numero 1 di TripAdvisor (non a New York)

Delle 51 pizzerie, TripAdvisor ha anche evidenziato le pizzerie che sono tra le prime 10 del Paese nel complesso), in base alle recensioni. Sono, in ordine alfabetico:

  • Alaska, Anchorage: Moose's Tooth Pub e Pizzeria
  • Connecticut, New Haven: Apizza moderna
  • Florida, Key West: Duetto Pizza e Gelato
  • Massachusetts, Boston: Regina Pizzeria
  • New York, New York City: Bleecker Street Pizza
  • Oklahoma, Tulsa: Pizzeria Andolini
  • Tennessee, Nashville: Five Points Pizza
  • Texas, Austin: Pizza al taglio casalingo

Per guardare le foto dall'elenco completo delle migliori pizzerie in ogni stato, clicca sulla galleria fotografica sopra.


La migliore pizza in ogni stato: le pizzerie più votate su TripAdvisor

1 di 84 6 di 84 13 di 84 41 di 84 45 di 84 48 di 84 64 di 84 67 di 84 72 di 84 79 di 84

Il vincitore in Delaware: Mr P Pizzeria a Lewes

“Ogni visita ha prodotto un'ottima pizza indipendentemente dai condimenti che abbiamo ordinato. Il loro segreto è il forno a legna che usano per cuocere la pizza. L'esterno della crosta esce croccante e croccante mentre la pizza stessa è cotta alla perfezione", ha detto un commensale di TripAdvisor. (Foto: TripAdvisor)

C'è sempre stato un dibattito su quale fosse l'origine della pizza country, ma una cosa è certa: la pizza è diventata un alimento base della dieta americana.

Utilizzando le decine di migliaia di valutazioni aggiunte ogni giorno dai commensali sul suo sito di recensioni, TripAdvisor ha nominato le pizzerie più votate in ogni stato.

L'elenco si basa sulle opinioni dei clienti di TripAdvisor. Tiene conto del rapporto e della qualità delle recensioni della pizzeria rispetto alle valutazioni complessive, insieme alla qualità e alla quantità delle recensioni ricevute nell'ultimo anno (fino a settembre 2018). I ristoranti in primo piano hanno un minimo di 4 punti su 5, 100 recensioni e 10 località o meno a settembre.

Alcune città degli Stati Uniti sono note per alcuni tipi di stili di pizza. C'è la fetta di crosta sottile di New York City, il piatto profondo di Chicago, la pizza in teglia quadrata di Detroit, la pizza con crosta croccante di New Haven e la torta di pomodoro del New Jersey con condimenti cotti sotto i pomodori.

Ma ci sono pizzerie in tutti i 50 stati, e a Washington, D.C., e ognuna dà il suo tocco personale.

Le migliori pizzerie vanno da Outrigger Pizza Company a Kihei, Hawaii ("Una bontà appetitosa proprio lì", ha detto un commensale) a Mother Bear's Pizza a Bloomington, Indiana ("La crosta non è troppo spessa, non troppo sottile, è giusta") a Tommy's Pizza a Gettysburg, in Pennsylvania ("Non lesinano sui condimenti o sul sapore.").

La pizzeria di Boston è la numero 1 di TripAdvisor (non a New York)

Delle 51 pizzerie, TripAdvisor ha anche evidenziato le pizzerie che sono tra le prime 10 del Paese nel complesso), in base alle recensioni. Sono, in ordine alfabetico:

  • Alaska, Anchorage: Moose's Tooth Pub e Pizzeria
  • Connecticut, New Haven: Apizza moderna
  • Florida, Key West: Duetto Pizza e Gelato
  • Massachusetts, Boston: Regina Pizzeria
  • New York, New York City: Bleecker Street Pizza
  • Oklahoma, Tulsa: Pizzeria Andolini
  • Tennessee, Nashville: Five Points Pizza
  • Texas, Austin: Pizza al taglio casalingo

Per guardare le foto dall'elenco completo delle migliori pizzerie in ogni stato, clicca sulla galleria fotografica sopra.


La migliore pizza in ogni stato: le pizzerie più votate su TripAdvisor

1 di 84 6 di 84 13 di 84 41 di 84 45 di 84 48 di 84 64 di 84 67 di 84 72 di 84 79 di 84

Il vincitore in Delaware: Mr P Pizzeria a Lewes

“Ogni visita ha prodotto un'ottima pizza indipendentemente dai condimenti che abbiamo ordinato. Il loro segreto è il forno a legna che usano per cuocere la pizza. L'esterno della crosta esce croccante e croccante mentre la pizza stessa è cotta alla perfezione", ha detto un commensale di TripAdvisor. (Foto: TripAdvisor)

C'è sempre stato un dibattito su quale fosse l'origine della pizza country, ma una cosa è certa: la pizza è diventata un alimento base della dieta americana.

Utilizzando le decine di migliaia di valutazioni aggiunte ogni giorno dai commensali sul suo sito di recensioni, TripAdvisor ha nominato le pizzerie più votate in ogni stato.

L'elenco si basa sulle opinioni dei clienti di TripAdvisor. Tiene conto del rapporto e della qualità delle recensioni della pizzeria rispetto alle valutazioni complessive, insieme alla qualità e alla quantità delle recensioni ricevute nell'ultimo anno (fino a settembre 2018). I ristoranti in primo piano hanno un minimo di 4 punti su 5, 100 recensioni e 10 località o meno a settembre.

Alcune città degli Stati Uniti sono note per alcuni tipi di stili di pizza. C'è la fetta di crosta sottile di New York City, il piatto profondo di Chicago, la pizza in teglia quadrata di Detroit, la pizza con crosta croccante di New Haven e la torta di pomodoro del New Jersey con condimenti cotti sotto i pomodori.

Ma ci sono pizzerie in tutti i 50 stati, e a Washington, D.C., e ognuna dà il suo tocco personale.

Le migliori pizzerie vanno da Outrigger Pizza Company a Kihei, Hawaii ("Una bontà appetitosa proprio lì", ha detto un commensale) a Mother Bear's Pizza a Bloomington, Indiana ("La crosta non è troppo spessa, non troppo sottile, è giusta") a Tommy's Pizza a Gettysburg, in Pennsylvania ("Non lesinano sui condimenti o sul sapore.").

La pizzeria di Boston è la numero 1 di TripAdvisor (non a New York)

Delle 51 pizzerie, TripAdvisor ha anche evidenziato le pizzerie che sono tra le prime 10 del Paese nel complesso), in base alle recensioni. Sono, in ordine alfabetico:

  • Alaska, Anchorage: Moose's Tooth Pub e Pizzeria
  • Connecticut, New Haven: Apizza moderna
  • Florida, Key West: Duetto Pizza e Gelato
  • Massachusetts, Boston: Regina Pizzeria
  • New York, New York City: Bleecker Street Pizza
  • Oklahoma, Tulsa: Pizzeria Andolini
  • Tennessee, Nashville: Five Points Pizza
  • Texas, Austin: Pizza al taglio casalingo

Per guardare le foto dall'elenco completo delle migliori pizzerie in ogni stato, clicca sulla galleria fotografica sopra.


La migliore pizza in ogni stato: le pizzerie più votate su TripAdvisor

1 di 84 6 di 84 13 di 84 41 di 84 45 di 84 48 di 84 64 di 84 67 di 84 72 di 84 79 di 84

Il vincitore in Delaware: Mr P Pizzeria a Lewes

“Ogni visita ha prodotto un'ottima pizza indipendentemente dai condimenti che abbiamo ordinato. Il loro segreto è il forno a legna che usano per cuocere la pizza. L'esterno della crosta esce croccante e croccante mentre la pizza stessa è cotta alla perfezione", ha detto un commensale di TripAdvisor. (Foto: TripAdvisor)

C'è sempre stato un dibattito su quale fosse l'origine della pizza country, ma una cosa è certa: la pizza è diventata un alimento base della dieta americana.

Utilizzando le decine di migliaia di valutazioni aggiunte ogni giorno dai commensali sul suo sito di recensioni, TripAdvisor ha nominato le pizzerie più votate in ogni stato.

L'elenco si basa sulle opinioni dei clienti di TripAdvisor. Tiene conto del rapporto e della qualità delle recensioni della pizzeria rispetto alle valutazioni complessive, insieme alla qualità e alla quantità delle recensioni ricevute nell'ultimo anno (fino a settembre 2018). I ristoranti in primo piano hanno un minimo di 4 punti su 5, 100 recensioni e 10 località o meno a settembre.

Alcune città degli Stati Uniti sono note per alcuni tipi di stili di pizza. C'è la fetta di crosta sottile di New York City, il piatto profondo di Chicago, la pizza in teglia quadrata di Detroit, la pizza con crosta croccante di New Haven e la torta di pomodoro del New Jersey con condimenti cotti sotto i pomodori.

Ma ci sono pizzerie in tutti i 50 stati, e a Washington, D.C., e ognuna dà il suo tocco personale.

Le migliori pizzerie vanno da Outrigger Pizza Company a Kihei, Hawaii ("Una bontà appetitosa proprio lì", ha detto un commensale) a Mother Bear's Pizza a Bloomington, Indiana ("La crosta non è troppo spessa, non troppo sottile, è giusta") a Tommy's Pizza a Gettysburg, in Pennsylvania ("Non lesinano sui condimenti o sul sapore.").

La pizzeria di Boston è la numero 1 di TripAdvisor (non a New York)

Delle 51 pizzerie, TripAdvisor ha anche evidenziato le pizzerie che sono tra le prime 10 del Paese nel complesso), in base alle recensioni. Sono, in ordine alfabetico:

  • Alaska, Anchorage: Moose's Tooth Pub e Pizzeria
  • Connecticut, New Haven: Apizza moderna
  • Florida, Key West: Duetto Pizza e Gelato
  • Massachusetts, Boston: Regina Pizzeria
  • New York, New York City: Bleecker Street Pizza
  • Oklahoma, Tulsa: Pizzeria Andolini
  • Tennessee, Nashville: Five Points Pizza
  • Texas, Austin: Pizza al taglio casalingo

Per guardare le foto dall'elenco completo delle migliori pizzerie in ogni stato, clicca sulla galleria fotografica sopra.


La migliore pizza in ogni stato: le pizzerie più votate su TripAdvisor

1 di 84 6 di 84 13 di 84 41 di 84 45 di 84 48 di 84 64 di 84 67 di 84 72 di 84 79 di 84

Il vincitore in Delaware: Mr P Pizzeria a Lewes

“Ogni visita ha prodotto un'ottima pizza indipendentemente dai condimenti che abbiamo ordinato. Il loro segreto è il forno a legna che usano per cuocere la pizza. L'esterno della crosta esce croccante e croccante mentre la pizza stessa è cotta alla perfezione", ha detto un commensale di TripAdvisor. (Foto: TripAdvisor)

C'è sempre stato un dibattito su quale fosse l'origine della pizza country, ma una cosa è certa: la pizza è diventata un alimento base della dieta americana.

Utilizzando le decine di migliaia di valutazioni aggiunte ogni giorno dai commensali sul suo sito di recensioni, TripAdvisor ha nominato le pizzerie più votate in ogni stato.

L'elenco si basa sulle opinioni dei clienti di TripAdvisor. Tiene conto del rapporto e della qualità delle recensioni della pizzeria rispetto alle valutazioni complessive, insieme alla qualità e alla quantità delle recensioni ricevute nell'ultimo anno (fino a settembre 2018). I ristoranti in primo piano hanno un minimo di 4 punti su 5, 100 recensioni e 10 località o meno a settembre.

Alcune città degli Stati Uniti sono note per alcuni tipi di stili di pizza. C'è la fetta di crosta sottile di New York City, il piatto profondo di Chicago, la pizza in teglia quadrata di Detroit, la pizza con crosta croccante di New Haven e la torta di pomodoro del New Jersey con condimenti cotti sotto i pomodori.

Ma ci sono pizzerie in tutti i 50 stati, e a Washington, D.C., e ognuna dà il suo tocco personale.

Le migliori pizzerie vanno da Outrigger Pizza Company a Kihei, Hawaii ("Una bontà appetitosa proprio lì", ha detto un commensale) a Mother Bear's Pizza a Bloomington, Indiana ("La crosta non è troppo spessa, non troppo sottile, è giusta") a Tommy's Pizza a Gettysburg, in Pennsylvania ("Non lesinano sui condimenti o sul sapore.").

La pizzeria di Boston è la numero 1 di TripAdvisor (non a New York)

Delle 51 pizzerie, TripAdvisor ha anche evidenziato le pizzerie che sono tra le prime 10 del Paese nel complesso), in base alle recensioni. Sono, in ordine alfabetico:

  • Alaska, Anchorage: Moose's Tooth Pub e Pizzeria
  • Connecticut, New Haven: Apizza moderna
  • Florida, Key West: Duetto Pizza e Gelato
  • Massachusetts, Boston: Regina Pizzeria
  • New York, New York City: Bleecker Street Pizza
  • Oklahoma, Tulsa: Pizzeria Andolini
  • Tennessee, Nashville: Five Points Pizza
  • Texas, Austin: Pizza al taglio casalingo

Per guardare le foto dall'elenco completo delle migliori pizzerie in ogni stato, clicca sulla galleria fotografica sopra.


La migliore pizza in ogni stato: le pizzerie più votate su TripAdvisor

1 di 84 6 di 84 13 di 84 41 di 84 45 di 84 48 di 84 64 di 84 67 di 84 72 di 84 79 di 84

Il vincitore in Delaware: Mr P Pizzeria a Lewes

“Ogni visita ha prodotto un'ottima pizza indipendentemente dai condimenti che abbiamo ordinato. Il loro segreto è il forno a legna che usano per cuocere la pizza. L'esterno della crosta esce croccante e croccante mentre la pizza stessa è cotta alla perfezione", ha detto un commensale di TripAdvisor. (Foto: TripAdvisor)

C'è sempre stato un dibattito su quale fosse l'origine della pizza country, ma una cosa è certa: la pizza è diventata un alimento base della dieta americana.

Utilizzando le decine di migliaia di valutazioni aggiunte ogni giorno dai commensali sul suo sito di recensioni, TripAdvisor ha nominato le pizzerie più votate in ogni stato.

L'elenco si basa sulle opinioni dei clienti di TripAdvisor. Tiene conto del rapporto e della qualità delle recensioni della pizzeria rispetto alle valutazioni complessive, insieme alla qualità e alla quantità delle recensioni ricevute nell'ultimo anno (fino a settembre 2018). I ristoranti in primo piano hanno un minimo di 4 punti su 5, 100 recensioni e 10 località o meno a settembre.

Alcune città degli Stati Uniti sono note per alcuni tipi di stili di pizza. C'è la fetta di crosta sottile di New York City, il piatto profondo di Chicago, la pizza in teglia quadrata di Detroit, la pizza con crosta croccante di New Haven e la torta di pomodoro del New Jersey con condimenti cotti sotto i pomodori.

Ma ci sono pizzerie in tutti i 50 stati, e a Washington, D.C., e ognuna dà il suo tocco personale.

Le migliori pizzerie vanno da Outrigger Pizza Company a Kihei, Hawaii ("Una bontà appetitosa proprio lì", ha detto un commensale) a Mother Bear's Pizza a Bloomington, Indiana ("La crosta non è troppo spessa, non troppo sottile, è giusta") a Tommy's Pizza a Gettysburg, in Pennsylvania ("Non lesinano sui condimenti o sul sapore.").

La pizzeria di Boston è la numero 1 di TripAdvisor (non a New York)

Delle 51 pizzerie, TripAdvisor ha anche evidenziato le pizzerie che sono tra le prime 10 del Paese nel complesso), in base alle recensioni. Sono, in ordine alfabetico:

  • Alaska, Anchorage: Moose's Tooth Pub e Pizzeria
  • Connecticut, New Haven: Apizza moderna
  • Florida, Key West: Duetto Pizza e Gelato
  • Massachusetts, Boston: Regina Pizzeria
  • New York, New York City: Bleecker Street Pizza
  • Oklahoma, Tulsa: Pizzeria Andolini
  • Tennessee, Nashville: Five Points Pizza
  • Texas, Austin: Pizza al taglio casalingo

Per guardare le foto dall'elenco completo delle migliori pizzerie in ogni stato, clicca sulla galleria fotografica sopra.


La migliore pizza in ogni stato: le pizzerie più votate su TripAdvisor

1 di 84 6 di 84 13 di 84 41 di 84 45 di 84 48 di 84 64 di 84 67 di 84 72 di 84 79 di 84

Il vincitore in Delaware: Mr P Pizzeria a Lewes

“Ogni visita ha prodotto un'ottima pizza indipendentemente dai condimenti che abbiamo ordinato. Il loro segreto è il forno a legna che usano per cuocere la pizza. L'esterno della crosta esce croccante e croccante mentre la pizza stessa è cotta alla perfezione", ha detto un commensale di TripAdvisor. (Foto: TripAdvisor)

C'è sempre stato un dibattito su quale fosse l'origine della pizza country, ma una cosa è certa: la pizza è diventata un alimento base della dieta americana.

Utilizzando le decine di migliaia di valutazioni aggiunte ogni giorno dai commensali sul suo sito di recensioni, TripAdvisor ha nominato le pizzerie più votate in ogni stato.

L'elenco si basa sulle opinioni dei clienti di TripAdvisor. Tiene conto del rapporto e della qualità delle recensioni della pizzeria rispetto alle valutazioni complessive, insieme alla qualità e alla quantità delle recensioni ricevute nell'ultimo anno (fino a settembre 2018). I ristoranti in primo piano hanno un minimo di 4 punti su 5, 100 recensioni e 10 località o meno a settembre.

Alcune città degli Stati Uniti sono note per alcuni tipi di stili di pizza. C'è la fetta di crosta sottile di New York City, il piatto profondo di Chicago, la pizza in teglia quadrata di Detroit, la pizza con crosta croccante di New Haven e la torta di pomodoro del New Jersey con condimenti cotti sotto i pomodori.

Ma ci sono pizzerie in tutti i 50 stati, e a Washington, D.C., e ognuna dà il suo tocco personale.

Le migliori pizzerie vanno da Outrigger Pizza Company a Kihei, Hawaii ("Una bontà appetitosa proprio lì", ha detto un commensale) a Mother Bear's Pizza a Bloomington, Indiana ("La crosta non è troppo spessa, non troppo sottile, è giusta") a Tommy's Pizza a Gettysburg, in Pennsylvania ("Non lesinano sui condimenti o sul sapore.").

La pizzeria di Boston è la numero 1 di TripAdvisor (non a New York)

Delle 51 pizzerie, TripAdvisor ha anche evidenziato le pizzerie che sono tra le prime 10 del Paese nel complesso), in base alle recensioni. Sono, in ordine alfabetico:

  • Alaska, Anchorage: Moose's Tooth Pub e Pizzeria
  • Connecticut, New Haven: Apizza moderna
  • Florida, Key West: Duetto Pizza e Gelato
  • Massachusetts, Boston: Regina Pizzeria
  • New York, New York City: Bleecker Street Pizza
  • Oklahoma, Tulsa: Pizzeria Andolini
  • Tennessee, Nashville: Five Points Pizza
  • Texas, Austin: Pizza al taglio casalingo

Per guardare le foto dall'elenco completo delle migliori pizzerie in ogni stato, clicca sulla galleria fotografica sopra.