Nuove ricette

Gli autisti di autobus hanno mangiato per sbaglio brownies "speciali"

Gli autisti di autobus hanno mangiato per sbaglio brownies



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

I dipendenti di MTS dicono che non avevano idea che ci fosse marijuana in quei dolcetti

Wikimedia/Jeffreyw

Un trio di autisti di autobus di San Diego che potrebbero aver mangiato dei brownies alla marijuana prima del loro turno dicono che l'intera faccenda è stata un incidente, e non sapevano che i brownies fossero del tipo "speciale".

Secondo Gawker, i conducenti hanno interrotto le loro strade e si sono fermati dopo aver avuto "vertigini". I brownies sarebbero stati loro dati da un quarto dipendente di MTS, che nega anche ogni conoscenza delle speciali proprietà di alterazione mentale dei brownies.

La storia dello spacciatore di brownie è che il suo coinquilino ha cucinato i brownies, e pensava che fossero del tipo totalmente normale, senza pot-free. Se questa storia è vera, immaginiamo che il presunto coinquilino sia piuttosto incazzato. È già abbastanza fastidioso quando i coinquilini rubano il cibo normale.

Secondo la NBC, sono stati chiamati gli autisti sostitutivi e i tre mangiatori di brownie sono stati sottoposti a test antidroga. L'MTS dice che tutti i conducenti hanno risposto correttamente e hanno seguito la procedura accostando e facendo sapere ai loro capi che dovevano smettere di guidare perché hanno mangiato un sacco di erba.

Se tutto questo parlare di brownies ha ispirato un caso di fame chimica, prova alcune delle nostre migliori ricette di brownie.


Gli autisti di autobus potrebbero aver mangiato dei brownies prima del loro turno

Brownies via Shutterstock

Inizia la tua giornata con LAist

Tre autisti di autobus a San Diego hanno chiamato per le sostituzioni domenica scorsa dopo aver riferito di sentirsi "storditi". Una parola migliore per il loro stato d'animo, tuttavia, potrebbe essere "totalmente fiammeggiante". Questo perché un dipendente del Metropolitan Transit System della città sostiene che tutti e tre i conducenti abbiano mangiato dei brownies all'erba che sono stati dati loro da un altro dipendente, secondo il San Diego's 10 Notizie. Quei dipendenti sono stati messi in congedo mentre l'agenzia di trasporti indaga sull'accaduto.

L'impiegato che ha distribuito i presunti brownies sdolcinati ha incolpato dell'intera faccenda il suo coinquilino.

Il vicepresidente di MTS Ron Roberts non ha trovato affatto divertente la storia: "Questo avrebbe potuto essere un grave disastro. Non è divertente. Non è divertente ed è irresponsabile ai massimi livelli".

Il lato positivo è che l'agenzia è stata felice di segnalare che tutti i dipendenti hanno fatto la cosa giusta chiamando e chiedendo un sostituto quando hanno notato che si sentivano "storditi".


Ciambellone di pane dell'amicizia Amish al caramello salato

Ingredienti

  • 2 bastoncini di burro morbido (temperatura ambiente)
  • 1 tazza di zucchero
  • 4 uova grandi
  • 3 cucchiaini di vaniglia
  • 1 tazza di yogurt greco
  • 1 tazza di Pane dell'Amicizia Amish
  • 3 tazze di farina
  • ½ cucchiaini di lievito in polvere
  • ½ cucchiaini di bicarbonato di sodio
  • ½ cucchiaino di sale
  • 1 scatola di budino istantaneo al caramello
  • Glassa al caramello o topping gelato al caramello opzionale
  • pizzico di sale marino

Istruzioni

>> Hai provato questa ricetta? Condividi la tua foto migliore con noi o lascia un commento qui sotto e facci sapere come ha funzionato per te!

Condividi i tuoi pensieri cancella risposta

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.


Mi è stato dato un antipasto più di 20 anni fa e ho fatto un sacco di pane per i miei figli, gli insegnanti e gli autisti di autobus, i miei figli ora hanno 31 e 35 anni, volevo ricominciare e ho dovuto cercare una ricetta per fare la mia starter e ho trovato questo sito Web e sono contento di averlo fatto. Ora cuocio ogni 10 giorni, l'unica cosa che non faccio è aggiungere lo zucchero e la cannella in più perché lo rendono ancora più dolce ma anche senza non toglie affatto il gusto, per favore mantieni il ricette in arrivo


Che formato di scatola di budino al caramello istantaneo usiamo ….piccolo o grande?

In entrambe le dimensioni, Trudy # 8212 la dimensione più grande lo rende più umido, ma alcuni preferiscono una singola piccola scatola in modo che il sapore della caramella al burro non sia troppo travolgente.

Penso che questa torta sarebbe così bella da regalare con la mia nuova vicina che sembra un po' stanca dopo il suo trasferimento, ovviamente risparmiando solo un po' da condividere con la famiglia di mia sorella la mattina di Natale con il caffè pressato.

Devo fare questo. Adoro il dolce e il salato. Adoro l'idea di Tom dei pezzi di caramello.


Come tutti sappiamo, Internet è una fonte di idee a cui intendiamo applicare la nostra inclinazione, ma ho seguito questa ricetta abbastanza da vicino e ho adorato il risultato. Le uniche modifiche che ho apportato sono state aggiungere 3/4 di tazza di pezzetti di caramello e sostituire lo zucchero allo zenzero (macinato di zenzero candito nella cucina) come spolverata al posto dello sciroppo di caramello e del sale marino.
Metà della torta è diventata l'introduzione dei miei vicini alla torta dell'amicizia Amish, insieme al loro nuovo antipasto. Vedremo cosa torna!

La ricetta per il mio antipasto Amish Bread dice di mescolare con un cucchiaio di legno ogni giorno e quando lo si alimenta. Va bene usare lo sbattitore elettrico per fare il pane o devo usare il cucchiaio di legno? Qual è il motivo del cucchiaio di legno?

Nei "vecchi" giorni il metallo (come lo stagno) non era rivestito e reagiva con l'antipasto. Finché il tuo metallo è rivestito, stai bene, Trudy!

Pensavo di avere un budino al caramello, ma era crema di cocco, quindi aggiungeremo cocco tostato sopra con una glassa di zucchero a velo

Ehilà!

Ciao, sono Darien! Cosa farai con la tua tazza di antipasto Amish Friendship Bread? Scegli tra oltre 200 ricette e tutorial AFB. È fantastico averti qui!


19 migliori cibi da mettere in valigia per un viaggio su strada

Il giorno di viaggio più impegnativo dell'anno potrebbe essere passato, ma quest'estate hai ancora più avventure in auto davanti a te. Se hai mai provato a fare uno spuntino in viaggio, sai che guidare e mangiare non è sempre facile. Siamo qui per cambiarlo perché crediamo che non dovresti abbassare i tuoi standard alimentari solo perché sei in viaggio. Questi 19 snack sono i cibi migliori in cui immergersi durante il tuo prossimo viaggio su strada o il pendolarismo mattutino. Buon pranzo e guida!

I popcorn sono un'ottima scelta per l'auto: puoi prenderne una manciata e concentrarti sulla strada senza troppi problemi. Questa ricetta con Parmigiano-Reggiano e olio extravergine di oliva aromatico con pepe nero macinato al momento è molto più deliziosa della classica versione in busta stantia che trovi al distributore di benzina.

2. MINI BURRITO DI VERDURE ARROSTITE

Prepara un burrito per la strada! Facile da tenere con una mano e piena di gustose verdure arrostite, questa ricetta ha peperoni arrostiti rossi e verdi, formaggio cheddar, panna acida e cumino, per un sapore extra. Usa piccole tortillas di farina da sei pollici per fare mini burritos che puoi facilmente confezionare in uno Ziploc o in un foglio di carta stagnola.
Foto e ricetta da Food Republic

Prova le nostre torte di zucca e formaggio di capra per un ottimo spuntino facile da portare in viaggio. Con cumino, zucca, coriandolo e formaggio di capra, sono piccoli, gustosi e autonomi veicoli di prelibatezza.

4. MIX SENTIERO DI TAMARIND

Questo mix di trail è ricco di proteine ​​ed è molto più interessante del normale mix di arachidi e uvetta. Il pepe di Caienna, il cumino, il coriandolo, la pasta di tamarindo e il concentrato di pomodoro aggiungono una tonnellata di sapori interessanti e il mango secco tritato grossolanamente è un'aggiunta deliziosamente inaspettata.
Ricetta e foto da Kitchen Konfidence

5. CRACKERS AL FORMAGGIO

Questi cracker al formaggio fatti in casa sono così buoni che ti chiederai perché hai mai mangiato Cheez-Its o Goldfish sulla strada invece. Puoi sostituire la farina integrale o di farro per renderli ancora più nutrienti e la polvere di cipolla aggiunge un bel condimento insieme al cheddar grattugiato.
Foto e ricetta da Leite's Culinaria

6. SALATINI

Non raggiungerai la borsa di Rold Gold dopo aver provato questi fantastici salatini morbidi (anche se le salse non sono consigliate durante la guida). I pretzel sono molto più facili da realizzare di quanto la maggior parte delle persone pensi e hanno pochissimi ingredienti, cose che probabilmente hai già a portata di mano: farina, acqua, lievito, sale, burro e zucchero. Puoi creare la tradizionale forma di pretzel o essere creativo e creare qualsiasi forma che si adatti alla tua fantasia.
Foto e ricetta di Catch My Party

La nostra ricetta per questo preferito stagionale è infallibile e a volte vuoi fare uno spuntino con qualcosa di dolce mentre sei in viaggio. Questi sono molto meglio per te di qualsiasi biscotti confezionati (senza conservanti, meno sale, senza aromi artificiali) quindi non devi sentirti in colpa se ne prepari alcuni e li metti nel vano portaoggetti.

8. CHIPS DI VERDURE FATTE IN CASA

Le patatine vegetariane fatte in casa sono un'ottima alternativa salutare alle patatine e, se ne fai una grande quantità, puoi tenerle in giro per uno spuntino in movimento. Usa una mandolina per fare fette di verdura sottili e uniformi e puoi provare qualsiasi cosa, dalle rape alle pastinache, alle carote e alle barbabietole.
Foto e ricetta da A Beautiful Mess

9. MINI CALZONI

Questi mini calzoni da Cibo e vino sono ripieni di peperoni, pesto e ricotta. La pizza è uno degli alimenti da strada più amati ma anche il più difficile da mangiare in sicurezza tenendo le mani sul volante. Sono la soluzione perfetta per la tua voglia di pizza quando mangi di corsa.
Ricetta e foto da Food & Wine

10. CHIPS DI BANANA

Le patatine salate speziate alla banana sono facili da confezionare e molto più sicure da mangiare che provare a sbucciare una banana con una mano mentre si manovra nel traffico. Prova ad aggiungere spezie diverse e ad aumentare la quantità di calore (cayenna, fiocchi di peperoncino, curry in polvere) fino a trovare la miscela perfetta.
Ricetta e foto da Taste Junction

Il tuo snack preferito per la tua infanzia è perfetto da mettere in valigia per il tuo viaggio. Puoi usare qualsiasi tipo di frutta, fresca o congelata, e aggiungere succo di limone o lime per regolare i sapori. Crea un grande lotto e taglialo a strisce sottili: è come se avessi creato il tuo Fruit by the Foot!

L'uva non è solo portatile ma facile da afferrare da un contenitore mantenendo gli occhi sulla strada, un must quando si mangia durante la guida.
Foto da HI-Drate H20

Cosa è facile da tenere in mano, farcito con ciliegie e salutare per l'avvio? Barrette di cereali fatte in casa! Dai un'occhiata a questa ricetta altamente personalizzabile di Chowhound e prova ad aggiungere pezzi di cioccolato fondente per renderla ancora più deliziosa.

Vuoi mangiare il tuo panino preferito in macchina senza dare l'impressione di aver litigato con un'insalata? Metti il ​​tuo ripieno preferito in un involucro di tortilla! Chowhound può iniziare con questo involucro farcito con hummus di lenticchie, zucca e melassa di melograno.

I muffin sono un ottimo cibo da strada per la loro minima disordine e portabilità. Questi deliziosi muffin alle zucchine speziati di Chowhound forniscono un po' di dolce e un po' di sano.

16. BASTONCINI DI FORMAGGIO

I bastoncini di formaggio sono piccoli, facili da mangiare e possono essere fatti con qualsiasi varietà di formaggio semiduro che puoi acquistare, che si tratti di mozzarella, Colby o pepper jack. Acquistali preconfezionati dal negozio o affettali e avvolgili all'inizio della settimana in modo da poterli prendere e andare prima di mettersi in viaggio.
Foto da The Todd & Erin Favorite Five

I cracker sono ottimi da mangiare sulla strada, aggiungendo una bella croccantezza alla tua guida quotidiana. Prova questi croccanti cracker di segale di Chowhound per lo spuntino perfetto in movimento.

Sgranocchiare patatine durante la guida è un gioco da ragazzi. Dai un calcio al tuo gioco da strada creando il tuo. Chowhound ha un'ottima ricetta croccante di patate dolci che utilizza la paprika affumicata per giocare con la dolcezza delle patate.

Non puoi sbagliare a fare uno spuntino con questo classico mix di noci, frutta secca e uvetta. Ottieni la nostra ricetta di Mix Trail di noci.

Video correlato: snack da viaggio che non faranno disordine nella tua auto

Immagine dell'intestazione di Gigabiting / Tutte le altre immagini di Chris Rochelle/Chowhound se non diversamente specificato.


Storie correlate

Il CBD ha un altro demografico: gli animali

Chiedi a un fumatore: cosa c'è di diverso tra il mio olio di CBD e quello del mio cane?

Chiedi a un fumatore: il CBD tratta allo stesso modo cani e umani?

Mantieni gli edibili conservati in luoghi alti
La regola "Tenere fuori dalla portata dei bambini" viene spesso applicata anche ai cani. Gli edibili posizionati sul retro del bancone della cucina o al centro del tavolo da pranzo potrebbero tenere a bada gli edibili dei cani più piccoli, ma probabilmente non saranno abbastanza lontani per i cani più grandi e affamati.

"Un armadietto superiore rende più facile conservare i tuoi edibili", afferma Gaynor. &ldquoNé un cane piccolo o grande sarebbe in grado di entrarci e cercare di ingerirli.&rdquo

È anche importante ricordare di mettere via gli eventuali commestibili avanzati subito dopo averli mangiati e prima che gli effetti si manifestino perché sappiamo tutti quanto alle persone sballate piace pulire.

Se il tuo cane mangia un commestibile
Se noti subito che il tuo cane ha mangiato un commestibile, chiama il veterinario per determinare il modo migliore per aiutare il cane a vomitare ed evitare ulteriori problemi. Il perossido di idrogeno è un modo per indurre il vomito per il tuo cane, assicurati di calcolare quanto ti serve in base al peso del tuo cane.

Se è troppo tardi e il tuo cane mostra segni di ingestione di marijuana e esaurimento, gambe traballanti o incontinenza urinaria, contatta un veterinario in modo che possa fornire cure di supporto. Non c'è inversione per il THC nel sistema del cane, ma un veterinario può assicurarsi che i cani cavalchino gli effetti con le cure mediche di cui hanno bisogno.

Prendersi cura di un cane alto
Una volta che i cani hanno ingerito marijuana, le loro funzioni corporee potrebbero essere compromesse per più di un giorno. Monitorali mentre camminano, soprattutto se la tua casa ha le scale o a loro piace saltare sui mobili, è meglio tenerli in un luogo sicuro fino all'appuntamento con il veterinario. Chiudere alcune aree è utile per evitare che si feriscano, ma il modo migliore per assicurarsi che siano al sicuro è una supervisione costante. Dovrai anche monitorare e possibilmente aiutarli ad andare in bagno e assicurarti che non entrino in casa.

"La supervisione diretta è il modo migliore per assicurarsi che siano al sicuro", afferma Gaynor. &ldquoNon sai mai in cosa può entrare il tuo cane nei due minuti in cui sei andato a prendere un bicchiere d'acqua.&rdquo

Tenere i cani in aree più piccole e ristrette dove possono farsi del male, come una lavanderia, rende più facile assicurarsi che sconfiggano se stessi, aggiunge Gaynor.

Mantieni Westword libero. Da quando abbiamo iniziato Westword, è stata definita la voce libera e indipendente di Denver, e vorremmo mantenerla tale. Offrendo ai nostri lettori l'accesso gratuito a una copertura incisiva di notizie, cibo e cultura locali. Producendo storie su tutto, dagli scandali politici alle nuove band più in voga, con reportage coraggiosi, scrittura elegante e membri dello staff che hanno vinto di tutto, dal premio Sigma Delta Chi della Society of Professional Journalists per la scrittura di opere alla Casey Medal for Meritorious Journalism. Ma con l'esistenza del giornalismo locale sotto assedio e le battute d'arresto delle entrate pubblicitarie che hanno un impatto maggiore, è importante ora più che mai per noi raccogliere il sostegno dietro il finanziamento del nostro giornalismo locale. Puoi aiutare partecipando al nostro programma di abbonamento "I Support", che ci consente di continuare a coprire Denver senza paywall.


Gli autisti di autobus hanno mangiato accidentalmente brownies "speciali" - Ricette

La tecnologia è una cosa volubile, i frigoriferi non fanno eccezione. A volte, quando si cerca di mantenere tutto il cibo in frigorifero, la temperatura non si disperde in modo uniforme e quindi potresti essere nei guai.
Più di una volta, il mio frigorifero è riuscito a congelare cibi che non avevo intenzione di congelare, portandomi a scuotere la testa incredulo per tutto il bene potenzialmente rovinato. Una volta che gli alimenti sono stati congelati, raramente saranno di nuovo gli stessi.

La scienza dietro i cibi rovinati dal congelatore

Non sono molto bravo a scrivere scienze sul mio blog, perché, da quello che vedo, le persone sono meno interessate al come e al perché delle cose che al fatto che il loro cibo costoso si sia appena rovinato, ma in questo caso, un po' la biologia e la chimica ti aiuteranno a capire che quel cibo non ha bisogno di andare nella spazzatura.

Quando l'acqua si congela, a causa della sua struttura molecolare unica, si espande. Tutti gli esseri viventi sono costituiti da cellule, ciascuna costituita da una parete cellulare e da un citoplasma, tra le altre cose. Il citoplasma è a base d'acqua, quindi quando le cose composte da cellule si congelano, il citoplasma si espande e rompe le pareti cellulari, proprio come accade quando si mette una bottiglia d'acqua di vetro nel congelatore: scoppia.
Poiché le verdure e la frutta sono costituite da cellule, quando sono state congelate e le loro membrane cellulari si rompono, finiscono con una consistenza nettamente diversa. In sostanza, perdono la loro croccantezza e appassiscono.

Quando le verdure crude vengono congelate, accidentalmente o di proposito, non saranno mai come erano in origine. I cetrioli diventeranno mollicci, la lattuga diventerà avvizzita e le carote diventeranno morbide.

Recupero di cibi congelati accidentalmente

  • Mais
  • Cavolfiore
  • Carote
  • Fagioli verdi
  • Piselli
  • Broccoli
  • Fragole
  • lamponi
  • Cipolle
  • Sedano

Fondamentalmente la consistenza di una verdura cruda congelata sarà solitamente simile a quella di una verdura cotta.


Cosa non portare in un viaggio in autobus charter

Quando fai un viaggio in autobus charter, vuoi tutti i comfort di casa, giusto? E non vuoi fare qualche centinaio di chilometri da casa e scoprire di aver dimenticato qualcosa di cui hai veramente bisogno (per una lista di cose che renderanno il tuo viaggio un buon viaggio, consulta il nostro blog sul le dieci cose migliori da portare in un viaggio in autobus charter).

Ma ci sono alcune cose che vorresti lasciare a casa, che renderanno la tua vacanza più una sfida, ti renderanno impopolare con i tuoi compagni di autobus o metteranno a rischio te e gli altri. Ecco una lista di cose che dovrebbero semplicemente stare fuori dall'autobus—

  • Griglie o fornelli per barbecue—Che ci crediate o no, è successo davvero... alcune persone hanno pensato di cucinare del pollo e delle costolette sul retro del Non solo è un notevole rischio di incendio, ma una fiamma aperta consuma ossigeno e produce monossido di carbonio, quindi è 8217 è un ottimo modo per far ammalare i tuoi compagni di viaggio o addirittura rischiare l'avvelenamento da monossido di carbonio. Anche se sei su un autobus per feste che ha spazio per una griglia, l'autobus è in movimento e non sarai mai in grado di stabilizzarlo. Cuocere il cibo in anticipo e portarlo sull'autobus ben caldo. Oppure lascia che ti portiamo in un ristorante barbecue!
  • Fuochi d'artificio e materiali infiammabili—In realtà, potrebbe trattarsi di qualsiasi cosa con una fiamma aperta o con materiali combustibili: candele, incenso, torce, liquido per accendini e benzina possono anche essere pericolosi in uno spazio chiuso.
  • Sostanze controllate—Le droghe illegali sono sempre una cattiva idea su un autobus, anche (o forse soprattutto) quando sono mascherate. Un piccolo gruppo su un party bus diretto a un concerto aveva una padella di brownies speciali con un'insolita tonalità verde. Quando non stavano guardando, qualcuno ha passato la padella intorno all'autobus... ci sono volute ore per rintracciare tutti dopo il concerto.
  • La maggior parte dei tipi di animali domestici— È difficile immaginare qualcosa di peggio di un serpente sciolto su un autobus in movimento, ma è successo!! Potrebbe essere stata l'unica volta nella storia in cui un autobus è sceso lungo la strada con tutti in piedi, sui loro sedili! Un cane da assistenza generalmente va bene, a condizione che ci sia spazio per il cane per essere fuori dai piedi di tutti. La maggior parte degli altri tipi di animali domestici - gatti, uccelli, criceti, maiali panciuti, ecc. - non si godranno il viaggio e probabilmente ti faranno venire gli occhi puzzolenti da tutti gli altri sull'autobus.
  • Tutto ciò che sta per puzzare l'autobus—Un panino al tonno potrebbe non essere la scelta migliore per il pranzo su un autobus affollato. Non portare nemmeno formaggio puzzolente su un autobus: limburger, gorgonzola e altre varietà pungenti si libreranno nell'aria per chilometri. Fai un favore ai tuoi amici e alla tua famiglia e mangia cibi aromatici quando arrivi a destinazione. Questo vale anche per le colonie e i profumi. Sarai in uno spazio chiuso. Se applichi troppa fragranza, le persone intorno a te probabilmente saranno infastidite.
  • Oggetti di valore affettivo personale o di estremo valore finanziario—Anche se un autobus charter è uno dei modi più sicuri per viaggiare, non è proprio una buona idea portare cose che sono insostituibili o che hanno un notevole valore materiale. Quando viaggi con un gruppo numeroso di amici, non è raro smarrire oggetti o avere qualcosa che si danneggia accidentalmente. Non portare il Martin da 10.000 dollari o il filo di perle e lasciare a casa il servizio da tè in argento.

Un autobus charter: il modo migliore di viaggiare!

Quando stai esaminando le opzioni per i viaggi di gruppo, non c'è niente che sia paragonabile a un autobus charter. Ecco solo alcuni dei vantaggi di un pullman di BusRental.com:

  • Un viaggio sicuro e protetto: disponiamo degli autisti più qualificati e altamente qualificati del settore. Inoltre, poiché c'è un accesso limitato al tuo autobus, tu e i tuoi oggetti personali sarete al sicuro.
  • Affidabilità e flessibilità–I ritardi o le cancellazioni sono praticamente inesistenti con un autobus charter. E non rimarrai bloccato in un viaggio preconfezionato. Tu dicci dove vuoi andare e noi ti porteremo lì!
  • Efficacia dei costi: il viaggio in autobus è senza dubbio il modo più conveniente di viaggiare. Con i soldi che risparmi, puoi portare a casa alcuni preziosi souvenir del tuo viaggio.
  • Spazio per respirare! Non sarai stipato in un minuscolo sedile su un autobus charter. Invece, godrai di sedili lussuosi e corridoi spaziosi. E puoi alzarti quando vuoi!
  • Un veicolo adatto alle tue esigenze: grande o piccolo, il tuo gruppo troverà l'autobus perfetto per il tuo viaggio, con tutte le opzioni di cui hai bisogno.

Come è morto Chris McCandless?

Ventuno anni fa questo mese, il 6 settembre 1992, il corpo decomposto di Christopher McCandless fu scoperto dai cacciatori di alci appena fuori dal confine settentrionale del Parco Nazionale di Denali. Era morto all'interno di un autobus arrugginito che fungeva da rifugio improvvisato per cacciatori di pellicce, musher di cani e altri visitatori dell'entroterra. Attaccato alla porta c'era una nota scarabocchiata su una pagina strappata da un romanzo di Nikolai Gogol:

ATTENZIONE POSSIBILI VISITATORI.
SOS.
HO BISOGNO DEL TUO AIUTO. SONO FERITO, VICINO ALLA MORTE, E TROPPO DEBOLE PER USCIRE DA QUI. SONO TUTTO SOLO, QUESTO NON È UNO SCHERZO. IN NOME DI DIO, PER FAVORE RIMANI A SALVARMI. SONO FUORI A RACCOGLIERE FRUTTI DI BOSCO VICINO E TORNER QUESTA SERA. GRAZIE,
CHRIS McCANDLESS
AGOSTO ?

Da un criptico diario trovato tra i suoi averi, risultava che McCandless era morto da diciannove giorni. Una patente di guida rilasciata otto mesi prima di morire indicava che aveva ventiquattro anni e pesava centoquaranta libbre. Dopo che il suo corpo è stato portato fuori dal deserto, un'autopsia ha stabilito che pesava sessantasette libbre e mancava di grasso sottocutaneo riconoscibile. La probabile causa della morte, secondo il rapporto del medico legale, era la fame.

In "Into the Wild", il libro che ho scritto sulla breve e sconcertante vita di McCandless, sono giunto a una conclusione diversa. Ho ipotizzato che si fosse inavvertitamente avvelenato mangiando semi di una pianta comunemente chiamata patata selvatica, nota ai botanici come Hedysarum alpinum. Secondo la mia ipotesi, un alcaloide tossico nei semi ha indebolito McCandless a tal punto che gli è diventato impossibile camminare fino all'autostrada o cacciare in modo efficace, portandolo alla fame. Perché Hedysarum alpinum è descritta come una specie non tossica sia nella letteratura scientifica che nei libri popolari sulle piante commestibili, la mia congettura è stata accolta con non poca derisione, specialmente in Alaska.

Ho ricevuto migliaia di lettere da persone che ammirano McCandless per il suo rifiuto del conformismo e del materialismo per scoprire cosa era autentico e cosa non lo era, per mettersi alla prova, per sperimentare il fremito crudo della vita senza una rete di sicurezza. Ma ho anche ricevuto un sacco di posta da persone che pensano che fosse un idiota che si è afflitto perché era arrogante, tristemente impreparato, mentalmente squilibrato e forse suicida. La maggior parte di questi detrattori crede che il mio libro glorifichi una morte insensata. Come ha scritto l'editorialista Craig Medred sull'Anchorage Notizie del giorno nel 2007,

"Into the Wild" è un travisamento, una farsa, una frode. Ecco, ho finalmente detto quello che qualcuno aveva bisogno di dire da molto tempo…. Krakauer ha preso un povero sfortunato incline alla paranoia, qualcuno che ha lasciato un biglietto parlando del suo desiderio di uccidere il "falso essere interiore", qualcuno che è riuscito a morire di fame in un autobus deserto non lontano dalla George Parks Highway, e ha fatto il ragazzo in una celebrità. Perché l'autore lo ha fatto dovrebbe essere ovvio. Voleva scrivere una storia che avrebbe venduto.

Il dibattito sul motivo per cui McCandless è morto, e la relativa domanda se sia degno di ammirazione, sta covando, e occasionalmente divampando, da più di due decenni. Ma lo scorso dicembre, uno scrittore di nome Ronald Hamilton ha pubblicato un articolo su Internet che introduce nuovi fatti affascinanti nella discussione. Hamilton, si scopre, ha scoperto prove finora sconosciute che sembrano chiudere il libro sulla causa della morte di McCandless.

Per apprezzare la brillantezza del lavoro investigativo di Hamilton, è utile un po' di retroscena. Il diario e le fotografie recuperate con il corpo di McCandless indicavano che, a partire dal 24 giugno 1992, le radici della Hedysarum alpinum pianta divenne un alimento base della sua dieta quotidiana. Il 14 luglio ha iniziato a raccogliere e mangiare Hedysarum alpinum anche i semi. Una delle sue foto ritrae una borsa Ziploc da un gallone piena di questi semi. Quando ho visitato l'autobus nel luglio 1993, piante di patate selvatiche crescevano ovunque guardassi nella taiga circostante. Ho riempito un sacchetto da un gallone con più di mezzo chilo di semi in meno di trenta minuti.

Il 30 luglio, McCandless scrisse nel suo diario: “ESTREMAMENTE DEBOLE. COLPA DEL SEME DI POT[ATO]. TANTI PROBLEMI SOLO PER ALZARSI IN ALTO. AFFAMATO. GRANDE PERICOLO."Prima di questa voce, non c'era nulla nel diario che suggerisse che fosse in gravi difficoltà, anche se le sue foto mostrano che era diventato spaventosamente magro. Dopo essere sopravvissuto per tre mesi con una dieta marginale di scoiattoli, istrici, piccoli uccelli, funghi, radici e bacche, aveva accumulato un enorme deficit calorico ed era sull'orlo dell'orlo. Aggiungendo i semi di patata al menu, a quanto pare ha commesso l'errore che lo ha abbattuto. Dopo il 30 luglio, le sue condizioni fisiche andarono a rotoli, e tre settimane dopo era morto.

Quando il corpo di McCandless fu trovato nella boscaglia dell'Alaska, Al di fuori rivista mi ha chiesto di scrivere sulle circostanze sconcertanti della sua scomparsa. Lavorando con una scadenza ravvicinata, ho studiato e scritto un pezzo di ottantaquattrocento parole, pubblicato nel gennaio 1993. Poiché la patata selvatica era universalmente ritenuta sicura da mangiare, in questo articolo ho ipotizzato che McCandless avesse erroneamente consumato la semi del pisello dolce selvatico, Hedysarum mackenzii—una pianta ritenuta tossica e dalla quale è difficile distinguerla Hedysarum alpinum. Ho attribuito la sua morte a questo errore.

Quando ho iniziato a espandere il mio articolo in un libro e ho avuto più tempo per riflettere sulle prove, tuttavia, mi è sembrato estremamente improbabile che non fosse riuscito a distinguere le due specie. Ha scritto il suo diario su pagine bianche sul retro di una guida sul campo esaurientemente ricercata sulle piante commestibili della regione, "Tanaina Plantlore / Dena'ina K'et'una: An Ethnobotany of the Dena'ina Indians of Southcentral Alaska", di Priscilla Russel Kari. Nel libro, Kari avverte esplicitamente che poiché il pisello dolce selvatico ricorda da vicino la patata selvatica e "si dice che sia velenoso, occorre prestare attenzione a identificarli accuratamente prima di tentare di utilizzare la patata selvatica come cibo". E poi spiega proprio come distinguere le due piante l'una dall'altra.

Sembrava più plausibile che McCandless avesse davvero mangiato le radici ei semi della patata selvatica presumibilmente non tossica piuttosto che il pisello selvatico. Così ho inviato alcuni Hedysarum alpinum semi che avevo raccolto vicino all'autobus per il dottor Thomas Clausen, professore nel dipartimento di biochimica dell'Università dell'Alaska Fairbanks, per l'analisi.

Poco prima della pubblicazione del mio libro, Clausen e uno dei suoi studenti laureati, Edward Treadwell, hanno condotto un test preliminare che ha indicato che i semi contenevano un alcaloide non identificato. Facendo un balzo intuitivo avventato, nella prima edizione di "Into the Wild", pubblicata nel gennaio 1996, ho scritto che questo alcaloide era forse swainsonina, un agente tossico noto per inibire il metabolismo della glicoproteina negli animali, portando alla fame. Quando Clausen e Treadwell completarono la loro analisi dei semi di patate selvatiche, tuttavia, non trovarono alcuna traccia di swainsonine o altri alcaloidi. "Ho fatto a pezzi quella pianta", ha spiegato il dottor Clausen a Diario maschile nel 2007, dopo aver testato i semi anche per composti non alcaloidi. “Non c'erano tossine. Niente alcaloidi. Lo mangerei io stesso".

ero perplesso. Clausen era uno stimato chimico organico ei risultati della sua analisi sembravano inconfutabili. Ma la voce di diario di McCandless del 30 luglio non avrebbe potuto essere più esplicita: “ESTREMAMENTE DEBOLE. COLPA DEL SEME DI POT[ATO].La sua certezza sulla causa della sua salute cagionevole mi rodeva. Ho iniziato a setacciare la letteratura scientifica, alla ricerca di informazioni che mi permettessero di riconciliare l'affermazione categoricamente inequivocabile di McCandless con i risultati del test altrettanto inequivocabili di Clausen.

Avanti veloce fino a un paio di mesi fa, quando mi sono imbattuto nell'articolo di Ronald Hamilton "The Silent Fire: ODAP and the Death of Christopher McCandless", che Hamilton aveva pubblicato su un sito Web che pubblica saggi e articoli su McCandless. Il saggio di Hamilton offriva nuove e convincenti prove che la pianta di patate selvatiche è altamente tossica in sé e per sé, contrariamente alle assicurazioni di Thomas Clausen e di ogni altro esperto che si sia mai soffermato sull'argomento. L'agente tossico in Hedysarum alpinum risulta non essere un alcaloide ma, piuttosto, un amminoacido, e secondo Hamilton fu la causa principale della morte di McCandless. La sua teoria convalida la mia convinzione che McCandless non fosse così all'oscuro e incompetente come i suoi detrattori lo hanno fatto credere.

Hamilton non è né un botanico né un chimico, è uno scrittore che fino a poco tempo fa ha lavorato come rilegatore presso la biblioteca dell'Indiana University of Pennsylvania. Come spiega Hamilton, conobbe la storia di McCandless nel 2002, quando si imbatté in una copia di "Into the Wild", ne sfogliò le pagine e improvvisamente pensò tra sé e sé, so perché questo ragazzo è morto. La sua impressione derivava dalla sua conoscenza di Vapniarca, un campo di concentramento della Seconda Guerra Mondiale poco conosciuto in quella che allora era l'Ucraina occupata dai tedeschi.

"Ho appreso per la prima volta di Vapniarca attraverso un libro il cui titolo ho dimenticato da tempo", mi ha detto Hamilton. “Solo il resoconto più scarno di Vapniarca è apparso in uno dei suoi capitoli…. Ma dopo aver letto "Into the Wild", sono stato in grado di rintracciare un manoscritto su Vapniarca che è stato pubblicato online". Più tardi, in Romania, trovò il figlio di un uomo che prestava servizio come funzionario amministrativo nel campo, che inviò a Hamilton una serie di documenti.

Nel 1942, come macabro esperimento, un ufficiale di Vapniarca iniziò a dare da mangiare ai detenuti ebrei pane fatto con i semi della cicerchia, Lathyrus sativus, un legume comune noto fin dai tempi di Ippocrate per essere tossico. "Molto rapidamente", scrive Hamilton in "The Silent Fire",

a Jewish doctor and inmate at the camp, Dr. Arthur Kessler, understood what this implied, particularly when within months, hundreds of the young male inmates of the camp began limping, and had begun to use sticks as crutches to propel themselves about. In some cases inmates had been rapidly reduced to crawling on their backsides to make their ways through the compound …. Once the inmates had ingested enough of the culprit plant, it was as if a silent fire had been lit within their bodies. There was no turning back from this fire—once kindled, it would burn until the person who had eaten the grasspea would ultimately be crippled …. The more they’d eaten, the worse the consequences—but in any case, once the effects had begun, there was simply no way to reverse them …. The disease is called, simply, neurolathyrism, or more commonly, “lathyrism.”…

Kessler, who … initially recognized the sinister experiment that had been undertaken at Vapniarca, was one of those who escaped death during those terrible times. He retired to Israel once the war had ended and there established a clinic to care for, study, and attempt to treat the numerous victims of lathyrism from Vapniarca, many of whom had also relocated in Israel.

It’s been estimated that, in the twentieth century, more than a hundred thousand people worldwide were permanently paralyzed from eating grass pea. The injurious substance in the plant turned out to be a neurotoxin, beta-N-oxalyl-L-alpha-beta diaminoproprionic acid, a compound commonly referred to as beta-ODAP or, more often, just ODAP. Curiously, Hamilton reports, ODAP

affects different people, different sexes, and even different age groups in different ways. It even affects people within those age groups differently …. The one constant about ODAP poisoning, however, very simply put, is this: those who will be hit the hardest are always young men between the ages of 15 and 25 and who are essentially starving or ingesting very limited calories, who have been engaged in heavy physical activity, and who suffer trace-element shortages from meager, unvaried diets.

ODAP was identified in 1964. It brings about paralysis by over-stimulating nerve receptors, causing them to die. As Hamilton explains,

It isn’t clear why, but the most vulnerable neurons to this catastrophic breakdown are the ones that regulate leg movement…. And when sufficient neurons die, paralysis sets in…. [The condition] never gets better it always gets worse. The signals get weaker and weaker until they simply cease altogether. The victim experiences “much trouble just to stand up.” Many become rapidly too weak to walk. The only thing left for them to do at that point is to crawl….

After Hamilton read “Into the Wild” and became convinced that ODAP was responsible for McCandless’s sad end, he approached Dr. Jonathan Southard, the assistant chair of the chemistry department at Indiana University of Pennsylvania, and persuaded Southard to have one of his students, Wendy Gruber, test the seeds of both Hedysarum alpinum e Hedysarum mackenzii per ODAP. Upon completion of her tests, in 2004, Gruber determined that ODAP appeared to be present in both species of Hedysarum, but her results were less than conclusive. “To be able to say that ODAP is definitely present in the seeds,” she reported, “we would need to use another dimension of analysis, probably by H.P.L.C.-M.S.”—high-pressure liquid chromatography. But Gruber possessed neither the expertise nor the resources to analyze the seeds with H.P.L.C., so Hamilton’s hypothesis remained unproven.

To establish once and for all whether Hedysarum alpinum is toxic, last month I sent a hundred and fifty grams of freshly collected wild-potato seeds to Avomeen Analytical Services, in Ann Arbor, Michigan, for H.P.L.C. analysis. Dr. Craig Larner, the chemist who conducted the test, determined that the seeds contained .394 per cent beta-ODAP by weight, a concentration well within the levels known to cause lathyrism in humans.

According to Dr. Fernand Lambein, a Belgian scientist who coördinates the Cassava Cyanide Diseases and Neurolathyrism Network, occasional consumption of foodstuffs containing ODAP “as one component of an otherwise balanced diet, bears not any risk of toxicity.” Lambein and other experts warn, however, that individuals suffering from malnutrition, stress, and acute hunger are especially sensitive to ODAP, and are thus highly susceptible to the incapacitating effects of lathyrism after ingesting the neurotoxin.

Considering that potentially crippling levels of ODAP are found in wild-potato seeds, and given the symptoms McCandless described and attributed to the wild-potato seeds he ate, there is ample reason to believe that McCandless contracted lathyrism from eating those seeds. As Ronald Hamilton observed, McCandless exactly matched the profile of those most susceptible to ODAP poisoning:

He was a young, thin man in his early 20s, experiencing an extremely meager diet who was hunting, hiking, climbing, leading life at its physical extremes, and who had begun to eat massive amounts of seeds containing a toxic [amino acid]. A toxin that targets persons exhibiting and experiencing precisely those characteristics and conditions ….

It might be said that Christopher McCandless did indeed starve to death in the Alaskan wild, but this only because he’d been poisoned, and the poison had rendered him too weak to move about, to hunt or forage, and, toward the end, “extremely weak,” “too weak to walk out,” and, having “much trouble just to stand up.” He wasn’t truly starving in the most technical sense of that condition. He’d simply become slowly paralyzed. And it wasn’t arrogance that had killed him, it was ignorance. Also, it was ignorance which must be forgiven, for the facts underlying his death were to remain unrecognized to all, scientists and lay people alike, literally for decades.

Hamilton’s discovery that McCandless perished because he ate toxic seeds is unlikely to persuade many Alaskans to regard McCandless in a more sympathetic light, but it may prevent other backcountry foragers from accidentally poisoning themselves. Had McCandless’s guidebook to edible plants warned that Hedysarum alpinum seeds contain a neurotoxin that can cause paralysis, he probably would have walked out of the wild in late August with no more difficulty than when he walked into the wild in April, and would still be alive today. If that were the case, Chris McCandless would now be forty-five years old.

Jon Krakauer’s most recent books are “Three Cups of Deceit,” “Where Men Win Glory,” and “Under the Banner of Heaven.”

Above: Chris McCandless’s final photo, a self-portrait holding his farewell note. Photographs courtesy the family of Chris McCandless.


Martha made Snoop drink

Snoop and Stewart might not be sharing spliffs, and they might not be sharing any plates of special brownies together, but that doesn't mean the two aren't celebrating their success — and come happy hour, Stewart is all about wetting her whistle. "[S]he forces me to drink alcohol everyday on the show with her," Snoop said in an interview with Jimmy Kimmel.

The rapper doesn't seem to be fudging the truth either. So far, fans have seen the pair enjoy drinks on the show ranging from beer to champagne to bloody marys.

The late night host asked if Snoop wasn't a big drinker and while the rapper admitted he's mostly given up the stuff, he obliges when he's offered a beverage from his co-host. "With her, I have to drink," said Snoop. "So Martha will get you a bit drunk, but it doesn't go the other way?" Kimmel asked, before Snoop quipped back, "We're working on that."


The Ohio legislature has designated the first Monday in May as School Bus Driver Appreciation Day. The day gives Ohioans an opportunity to reflect on the outstanding job performance of more than 15,000 school bus drivers who transport students to and from school and school-related events throughout the year. http://education.ohio.gov

Please take a moment to thank the men and women working in your transportation department for the work they do to keep Ohio&rsquos children safe each day.

Waynesville High School Student Council, along with the entire staff and student body, would like to recognize ALL of the Support Staff for our schools.

The Bus Driver DepartmentThe Cafeteria StaffThe Maintenance/Janitorial Staff

These groups are especially important to the whole of our business, and today, we give them special thanks. and pans of DOUBLE CHOCOLATE BROWNIES. --- THANK YOU !!


Can I Freeze These Brownies?

Back to the beginning of this post, when I was telling you how our freezer is filling up with baked goods…

Sì. These gingerbread brownies freeze extremely well.

The only thing I would suggest, if you are planning to freeze them, is to hold off on the powdered sugar sprinkle until after they thaw from the freezer. Otherwise you risk smudging the dusting of powdered sugar during freezer storage.

Just cut the cooled brownies and place in a single layer in an airtight container. Separate any layers with wax paper or parchment paper. They’ll keep well for up to two months.


Guarda il video: Lautista di un pullman si distrae, un furgoncino passa con il rosso e... (Agosto 2022).