Nuove ricette

Top 8 2010 Borgogna

Top 8 2010 Borgogna


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Pinot nero che esprime la migliore espressione del terroir della Borgogna

I bordeaux 2010 stanno arrivando sugli scaffali, o in alcuni casi per il connubio tra quantità limitate e valutazioni elevate, stanno scivolando attraverso i canali della vendita al dettaglio senza aver mai visto uno scaffale. Sì, questa è la tempesta perfetta: un'ottima annata, rendimenti inferiori alla media e un ritrovato apprezzamento del bordeaux nei mercati emergenti, rendendo il valore del bordeaux più relativo che mai.

Tuttavia, questa è un'annata straordinariamente buona, e ci sono vini che battono molto al di sopra del loro grado di paga anche oggi, anche se mi aspetto che questi valori reali faranno presto la fine del dodo. La Borgogna non è mai stata economica, ovviamente, ma puoi ancora trovare esempi eccezionali e degni di invecchiamento per meno di $ 40 a bottiglia, il che li rende i valori migliori nel mio libro. Ecco otto esempi di una recente degustazione alla cieca. Pagare di più ha sempre senso? Non credo.

Questi vini sono stati degustati in due voli di quattro con il punteggio che riflette i nostri risultati per ogni volo.

Clicca qui per trovare i migliori bordeaux 2010.

— Gregory Del Piaz, snooth


Come bollire il pollo

Molte ricette richiedono "pollo cotto" nell'elenco degli ingredienti, che sia a cubetti, a fette o a pezzetti. Anche se usare un pollo allo spiedo è un buon modo per aggiungere pollo cotto a qualsiasi pasto, se hai del pollo crudo extra a portata di mano puoi facilmente bollirlo e aggiungerlo a una varietà di piatti.

Puoi anche bollire il pollo in anticipo e conservarlo per usarlo durante la settimana. È perfetto da aggiungere a insalate, zuppe, quesadillas e molto altro ancora. Risparmiati un viaggio al negozio e impara a bollire il pollo in pochi semplici passaggi.


Riepilogo della ricetta

  • 4 costolette con osso (2 pollici di spessore, 2 libbre in totale)
  • Sale grosso e pepe appena macinato
  • 2 cucchiaini di amido di mais
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 8 once di funghi champignon bianchi, in quarti
  • 3 carote, 2 tritate finemente e 1 tagliata a cubetti da 3/4 di pollice
  • 3 scalogni, tritati
  • 2 gambi di sedano, tritati grossolanamente
  • 2 strisce di pancetta, affettata finemente trasversalmente
  • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
  • 2 rametti di timo
  • 1 foglia di alloro essiccata
  • 1 bicchiere di vino rosso secco, come la Borgogna
  • 8 tazze di brodo di manzo a basso contenuto di sodio fatto in casa o acquistato in negozio
  • 2 tazze d'acqua
  • Tagliatelle all'uovo alle erbe, per servire
  • Pane all'erba cipollina al rafano, per servire

Condire le costolette con 1/2 cucchiaino di sale e un po' di pepe. Ricoprire con amido di mais. Scaldare l'olio in una pentola grande e pesante (preferibilmente in ghisa smaltata) a fuoco medio-alto. Costine leggermente dorate su tutti i lati, circa 6 minuti. Trasferire su un piatto.

Aggiungi i funghi alla pentola. Cuocere fino a doratura, circa 4 minuti. Trasferire in una ciotola aggiungere la carota a cubetti.

Aggiungi scalogno, sedano, pancetta e carote tritate nella pentola. Cuocere fino a caramellare, circa 6 minuti. Mescolare in concentrato di pomodoro.

Riportare le costole con i succhi del piatto nella pentola. Addtimo e alloro. Alzare la fiamma al massimo. Aggiungere il vino. Cuocere, raschiando i pezzi marroni con un cucchiaio di legno, fino a quando non si è leggermente ridotto, circa 1 minuto. Aggiungere brodo e acqua. Portare ad ebollizione. Ridurre il fuoco e cuocere a fuoco lento, parzialmente coperto, fino a quando la carne è tenera, da 2 a 2 ore e mezza.

Rimuovere le costole. Separare la carne dalle ossa scartare. Tagliare la carne a bocconcini e tornare nella pentola. Aggiungi la miscela di funghi e carote riservata. Portare a bollore finché le carote tagliate a cubetti non sono tenere. Condire con sale. Versare la zuppa su ciotole di pasta all'uovo alle erbe e servire con pane all'erba cipollina al rafano a parte.


Wine Berserkers: social media internazionali sul vino, community online e discussioni

Il mio bianco GC preferito per $ è Jadot Corton Charlemagne.

Per 1er, sono d'accordo con Bouchard e aggiungerei Clos des Mouches Blanc di Drouhin. I bianchi Niellon 1er offrono ancora valore. Mi piace anche Labet Beaune Marconnets.

Curioso di sentire più opzioni.

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#3 Pubblicato da B. Buzzini » 9 maggio 2020, 19:58

Walter Scott. qualcuno doveva dirlo! 18 Anne Cuvée n bicchiere.

Buona lista. Anche Louis Michel Chablis.

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#4 Inserito da [email protected] [email protected] » 9 maggio 2020, 20:06

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#5 Pubblicato da Ron Erickson » 9 maggio 2020, 20:16

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#6 Pubblicato da Sean S y d n e y » 9 maggio 2020, 20:17

Il Montagny di Drouhin che ho avuto poche settimane fa era assolutamente meraviglioso e costava circa $ 25 USD, se non è troppo proletariato.

edit: vedo che sono stato battuto appena sopra

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#7 Pubblicato da Kris Patten » 9 maggio 2020, 20:44

Sean S y d n e y ha scritto: ↑ 9 maggio 2020, 20:17 Il Montagny di Drouhin che ho avuto poche settimane fa è stato assolutamente meraviglioso e circa $ 25 USD, se non è troppo proletariato.

edit: vedo che sono stato battuto appena sopra

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#8 Pubblicato da Paolo Seah » 9 maggio 2020, 22:05

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#9 Pubblicato da Ian S » 9 maggio 2020, 22:14

Alan Eden - il "Crazy Uncle" Berserker e Master Pot Stirrer per sempre!

"Giuro su Dio, non ho mai visto così tante stronze piagnucolose in un posto in vita mia." - Steve Saxon, 30/01/18
"La superiorità morale può avere un sapore terribilmente buono per alcuni." - David Kantrowitz, 29/05/19

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#10 Inserito da dcornutt » 10 maggio 2020, 2:36 am

"Preoccupati di quello che pensano gli altri e sarai sempre loro prigioniero." - LAO TZU

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#11 Pubblicato da jason stein » 10 maggio 2020, 4:29 am

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#12 Invia da Howard Cooper » 10 maggio 2020, 5:06

Cominciamo con il Moreau:

Bernard Moreau Bourgogne Blanc (pagato $ 25 per il 2017), Chassagne-Montrachet e St. Aubin En Remilly
Christian Moreau - premier cru Chablis
Moreau Naudet - premier cru Chablis

Bouchard Meursault Perrières
Heitz-Lochardet Meursault En la Barre e Meursault Les Gruyaches
Domaine des Moirots - Mi piacciono i suoi rossi più dei suoi bianchi, ma i suoi bianchi non sono male
Bianchi di Aubert de Villaine

Ho visto dei buoni prezzi ultimamente sui bianchi Jadot. Se premox esiste davvero è curato da DIAM, allora li metterei come ottimi valori.

Mi piacciono molto i bianchi di Drouhin, ma i prezzi sono aumentati un po' negli ultimi due anni. A volte possono essere buoni valori.

"Questo è quello che faccio. Bevo e so le cose." Tyrion Lannister

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#13 Pubblicato da Howard Cooper » 10 maggio 2020, 5:09

"Questo è quello che faccio. Bevo e so le cose." Tyrion Lannister

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#14 Pubblicato da [email protected] [email protected] » 10 maggio 2020, 5:26

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#15 Pubblicato da Howard Cooper » 10 maggio 2020, 5:49

L'ultima e-mail che ho ricevuto per i loro vini proveniva da Chambers Street:

Fare clic per visualizzare l'inventario aggiornato sul nostro sito Web →
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Bourgogne Blanc
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Bourgogne Blanc
| 12 in magazzino | $ 42,99
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Borgogna Aligoté
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Borgogna Aligoté
| 36 in magazzino | $ 32,99
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Saint-Aubin Le Banc
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Saint-Aubin Le Banc
| 36 in magazzino | $ 63,99
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Saint-Aubin 1er Cru En Remilly
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Saint-Aubin 1er Cru En Remilly
| 7 in magazzino | $ 89,99
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Saint-Aubin 1er Cru Hommage á Marguerite
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Saint-Aubin 1er Cru Hommage á Marguerite
| 24 in magazzino | $ 79,99
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Saint-Aubin 1er Cru Les Champlots
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Saint-Aubin 1er Cru Les Champlots
| 18 in magazzino | $ 79,99
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 St Aubin 1er Cru Chatenière
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 St Aubin 1er Cru Chatenière
| 9 in magazzino | $ 89,99

"Questo è quello che faccio. Bevo e so le cose." Tyrion Lannister

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#16 Pubblicato da [email protected] [email protected] » 10 maggio 2020, 5:55

Howard Cooper ha scritto: ↑ 10 maggio 2020, 5:49 L'ultima email che ho ricevuto per i loro vini proveniva da Chambers Street:

Fare clic per visualizzare l'inventario aggiornato sul nostro sito Web →
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Bourgogne Blanc
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Bourgogne Blanc
| 12 in magazzino | $ 42,99
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Borgogna Aligoté
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Borgogna Aligoté
| 36 in magazzino | $ 32,99
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Saint-Aubin Le Banc
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Saint-Aubin Le Banc
| 36 in magazzino | $ 63,99
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Saint-Aubin 1er Cru En Remilly
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Saint-Aubin 1er Cru En Remilly
| 7 in magazzino | $ 89,99
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Saint-Aubin 1er Cru Hommage á Marguerite
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Saint-Aubin 1er Cru Hommage á Marguerite
| 24 in magazzino | $ 79,99
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Saint-Aubin 1er Cru Les Champlots
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Saint-Aubin 1er Cru Les Champlots
| 18 in magazzino | $ 79,99
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 St Aubin 1er Cru Chatenière
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 St Aubin 1er Cru Chatenière
| 9 in magazzino | $ 89,99

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#17 Pubblicato da Brian S t o t te r » 10 maggio 2020, 5:56

Post obbligatorio in ogni thread su questo argomento

Ho un paio di X-Novo 2018 in arrivo da me. Come sta l'Anne Cuvee?

CT e IG: rieslinghoarder

Candidati WOTY 2021:
2019 Hofgut Falkenstein Niedermenniger Herrenberg Riesling Spätlese feinherb “Meyer Nepal” #11
2015 Kelley Fox Wines Pinot Nero Maresh Vineyard Red Barn Blocks
1997 Reichsgraf von Kesselstatt Scharzhofberger Riesling Auslese
2019 Emrich-Schönleber Halenberg Riesling Grosses Gewächs

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#18 Pubblicato da Howard Cooper » 10 maggio 2020, 7:58

B. Buzzini ha scritto: ↑ 9 maggio 2020, 19:58 Walter Scott. qualcuno doveva dirlo! 18 Anne Cuvée n bicchiere.

"Questo è quello che faccio. Bevo e so le cose." Tyrion Lannister

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#19 Pubblicato da R. Frankel » 10 maggio 2020, 8:16

Anche a me è piaciuto molto il BB '17 PYCM. Ho comprato un mezzo caso, volevo vedere come sono invecchiati. Ops, li ho bevuti!

Qualche altro Burgs bianco di valore aggiungerei?
- Moreau Nadeau - adorabile Chablis su e giù per la gamma
- Henri Prudhon - principalmente St. Aubin ed estremamente impressionante.
- Droin Chablis - gratta bene anche quel prurito
- Saumaize-Michelin Pouilly-Fuisse - vini più ricchi ma anche ben fatti.

Certo, sto comprando alcune cose di fascia più alta: Bernard Moreau, Henri Boillot, un po' di altri, ma penso che queste siano opzioni di "valore" meno buone. Sono rimasto davvero colpito da Lamy-Pillot al La Paulee del 2019, ma devo ancora trovarli sulla costa occidentale a prezzi che mi piacessero.

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#20 Pubblicato da Rick Allen » 10 maggio 2020, 9:30

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#21 Pubblicato da Josh Grossman » 10 maggio 2020, 10:05

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#22 Pubblicato da Chris Seiber » 10 maggio 2020, 10:26

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#23 Pubblicato da Chris Seiber » 10 maggio 2020, 10:30

I prezzi del PYCM sembrano essere aumentati del 20+% solo dalle annate 2017 a quelle 2018. Immagina cosa diremmo tutti se un produttore californiano lo facesse.

Oh beh, ho avuto modo di goderne alcune annate prima che i prezzi impazzissero. E non posso incolpare il ragazzo per aver fatto pagare ciò che la gente pagherà per loro. Sono ottimi vini.

Probabilmente ho 10 bottiglie o giù di lì, ora passo alla modalità "riluttante a berle perché non posso permettermi di sostituirle".

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#24 Pubblicato da Yao C » 10 maggio 2020, 10:36

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#25 Pubblicato da Yao C » 10 maggio 2020, 10:42

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#26 Pubblicato da alan weinberg » 10 maggio 2020, 10:45

ci sono alcune occasioni occasionali per trovare PYCM a prezzi inferiori, anche Boillot. Ho pagato 95 per 18 Moucheres. Ho pagato 85 per 17 PYCM Ancegniere. Penso che questi siano grandi valori, vini che giocano al di sopra della loro denominazione. Ho intitolato il thread best value, non più economico.

Ho quasi messo un po' di Moreau nella lista.

C'era Michel, Buzz.

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#27 Pubblicato da Josh Grossman » 10 maggio 2020, 10:59

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#28 Pubblicato da ykwon » 10 maggio 2020, 12:34

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#29 Pubblicato da [email protected] [email protected] » 10 maggio 2020, 12:41

Chris Seiber ha scritto: ↑ 10 maggio 2020, 10:30 I prezzi PYCM sembrano essere aumentati del 20+% solo dalle annate 2017 a quelle 2018. Immagina cosa diremmo tutti se lo facesse un produttore californiano.

Oh beh, ho avuto modo di goderne alcune annate prima che i prezzi impazzissero. E non posso incolpare il ragazzo per aver fatto pagare ciò che la gente pagherà per loro. Sono ottimi vini.

Probabilmente ho 10 bottiglie o giù di lì, ora passo alla modalità "riluttante a berle perché non posso permettermi di sostituirle".

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#30 Pubblicato da JLee » 10 maggio 2020, 12:49

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#31 Pubblicato da jason stein » 10 maggio 2020, 12:51

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#32 Pubblicato da Howard Cooper » 10 maggio 2020, 13:00

Chris Seiber ha scritto: ↑ 10 maggio 2020, 10:30 I prezzi PYCM sembrano essere aumentati del 20+% solo dalle annate 2017 a quelle 2018. Immagina cosa diremmo tutti se lo facesse un produttore californiano.

Oh beh, ho avuto modo di goderne alcune annate prima che i prezzi impazzissero. E non posso incolpare il ragazzo per aver fatto pagare ciò che la gente pagherà per loro. Sono ottimi vini.

Probabilmente ho 10 bottiglie o giù di lì, ora passo alla modalità "riluttante a berle perché non posso permettermi di sostituirle".

"Questo è quello che faccio. Bevo e so le cose." Tyrion Lannister

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#33 Pubblicato da Howard Cooper » 10 maggio 2020, 13:02

"Questo è quello che faccio. Bevo e so le cose." Tyrion Lannister

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#34 Pubblicato da JLee » 10 maggio 2020, 13:06

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#35 Pubblicato da Chris Seiber » 10 maggio 2020, 13:13

Chris Seiber ha scritto: ↑ 10 maggio 2020, 10:30 I prezzi PYCM sembrano essere aumentati del 20+% solo dalle annate 2017 a quelle 2018. Immagina cosa diremmo tutti se un produttore californiano lo facesse.

Oh beh, ho avuto modo di goderne alcune annate prima che i prezzi impazzissero. E non posso incolpare il ragazzo per aver fatto pagare ciò che la gente pagherà per loro. Sono ottimi vini.

Probabilmente ho 10 bottiglie o giù di lì, ora passo alla modalità "riluttante a berle perché non posso permettermi di sostituirle".

Se questo è tutto, allora tutti gli altri White Burgundies non avrebbero un picco di prezzo equivalente dalle 17 alle 18 annate? E se le tariffe scendono, i prezzi PYCM torneranno a un anno o due fa?

Ancora una volta, PYCM produce ottimi vini e inoltre è molto in voga tra gli acquirenti, quindi non sono sorpreso o turbato dal fatto che i prezzi stiano aumentando. Allo stesso modo in cui mi sento quando succede con un vino del nuovo mondo. Ma ogni volta che un produttore caldo di Burg o del Rodano settentrionale o del Piemonte vede il suo prezzo salire alle stelle, dobbiamo tutti fingere che sia solo a causa di qualche intermediario oscuro, tariffe, mercato grigio o qualcos'altro in gioco piuttosto che domanda e offerta regolari. Quando si tratta di un vino del nuovo mondo, allora si tratta di avidità, di puttane e così via. Sembra che si tratti più di persone che confermano i loro pregiudizi sui buoni e sui cattivi che di un'affermazione accurata su ciò che sta accadendo.

Forse mi sbaglio - lo sono stato sicuramente prima. Spiegamelo e ti ascolterò con mente aperta.

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#36 Pubblicato da Craig G » 10 maggio 2020, 13:26

I miei migliori valori attuali sono Domaine Renaud Macons (Charnay e Solutré) di K&L. Sono insolitamente buoni per $ 20. Ci sono un sacco di altri Burg bianchi in quella gamma, ma la maggior parte di quelli che ho provato sono stati deludenti.

Anche il Bize BB Perrières è davvero buono. È più simile a $ 35 o $ 40.

"Devi guardare lo scaffale in basso dove tengono il Gallo da combattimento" - Corey N.

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#37 Pubblicato da [email protected] [email protected] » 10 maggio 2020, 13:32

Chris Seiber ha scritto: ↑ 10 maggio 2020, 10:30 I prezzi PYCM sembrano essere aumentati del 20+% solo dalle annate 2017 a quelle 2018. Immagina cosa diremmo tutti se lo facesse un produttore californiano.

Oh beh, ho avuto modo di goderne alcune annate prima che i prezzi impazzissero. E non posso incolpare il ragazzo per aver fatto pagare ciò che la gente pagherà per loro. Sono ottimi vini.

Probabilmente ho 10 bottiglie o giù di lì, ora passo alla modalità "riluttante a berle perché non posso permettermi di sostituirle".

Se questo è tutto, allora tutti gli altri White Burgundies non avrebbero un picco di prezzo equivalente dalle 17 alle 18 annate? E se le tariffe scendono, i prezzi PYCM torneranno a un anno o due fa?

Ancora una volta, PYCM produce ottimi vini e inoltre è molto in voga tra gli acquirenti, quindi non sono sorpreso o turbato dal fatto che i prezzi stiano aumentando. Allo stesso modo in cui mi sento quando succede con un vino del nuovo mondo. Ma ogni volta che un produttore caldo di Burg o del Rodano settentrionale o del Piemonte vede il suo prezzo salire alle stelle, dobbiamo tutti fingere che sia solo a causa di qualche intermediario oscuro, tariffe, mercato grigio o qualcos'altro in gioco piuttosto che domanda e offerta regolari. Quando si tratta di un vino del nuovo mondo, allora si tratta di avidità, di puttane e così via. Sembra che si tratti più di persone che confermano i loro pregiudizi sui buoni e sui cattivi che di un'affermazione accurata su ciò che sta accadendo.

Forse mi sbaglio - lo sono stato sicuramente prima. Spiegamelo e ti ascolterò con mente aperta.

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#38 Pubblicato da Rick Allen » 10 maggio 2020, 13:38

Re: Borgogna bianca con il miglior rapporto qualità-prezzo attuale

#39 Pubblicato da Howard Cooper » 10 maggio 2020, 13:42

Chris Seiber ha scritto: ↑ 10 maggio 2020, 10:30 I prezzi PYCM sembrano essere aumentati del 20+% solo dalle annate 2017 a quelle 2018. Immagina cosa diremmo tutti se un produttore californiano lo facesse.

Oh beh, ho avuto modo di godermi alcune annate prima che i prezzi impazzissero. E non posso incolpare il ragazzo per aver fatto pagare ciò che la gente pagherà per loro. Sono ottimi vini.

Probabilmente ho 10 bottiglie o giù di lì, ora passo alla modalità "riluttante a berle perché non posso permettermi di sostituirle".

Se questo è tutto, allora tutti gli altri White Burgundies non avrebbero un picco di prezzo equivalente dalle 17 alle 18 annate? E se le tariffe scendono, i prezzi PYCM torneranno a un anno o due fa?

Ancora una volta, PYCM produce ottimi vini e inoltre è molto in voga tra gli acquirenti, quindi non sono sorpreso o turbato dal fatto che i prezzi stiano aumentando. Allo stesso modo mi sento quando succede con un vino del nuovo mondo. Ma ogni volta che un produttore caldo di Burg o del Rodano settentrionale o del Piemonte vede il suo prezzo salire alle stelle, dobbiamo tutti fingere che sia solo a causa di qualche intermediario oscuro, tariffe, mercato grigio o qualcos'altro in gioco piuttosto che domanda e offerta regolari. Quando si tratta di un vino del nuovo mondo, allora si tratta di avidità, di puttane e così via. Sembra che si tratti più di persone che confermano i loro pregiudizi sui buoni e sui cattivi che di un'affermazione accurata su ciò che sta accadendo.

Forse mi sbaglio - lo sono stato sicuramente prima. Spiegamelo e ti ascolterò con mente aperta.


Piccoli Borgogna da Grandi Negozianti

Occasioni in Borgogna? I négociant hanno aumentato la qualità e il risultato è un numero maggiore di vini ben fatti e convenienti.

Borgogna e di buon valore: i due sembrano una contraddizione in termini. Con i suoi vigneti patchwork che producono piccole quantità di vini rari e costosi, sicuramente non ci si può aspettare che la regione migliore della Francia per lo Chardonnay e il Pinot Nero trovi vini che si adattino al budget quotidiano.

Non è certamente facile trovare buoni Borgogna che si vendono a meno di $ 20, o anche meno di $ 25, a bottiglia. Qualsiasi amante del vino sa che comprare la Borgogna è come camminare in un campo minato. Ma è possibile fare il viaggio, e anche goderselo. Il segreto è cercare la giusta combinazione di denominazioni forti e produttori rispettabili.

Dopotutto, solo il nome di un vino non è una garanzia. Con ben 80 produttori in grado di produrre vini con lo stesso nome dalla stessa terra - il famoso Clos Vougeot è l'esempio più noto - la qualità della vinificazione diventa importante quanto la terra stessa. Il profilo dei produttori della Borgogna varia da negozianti moderni e su larga scala a piccoli agricoltori con appena dieci acri di vigneto, sparsi su diversi vigneti. Inevitabilmente, gli standard variano e variano enormemente.

Il cuore della Borgogna, i classici villaggi della Côte de Nuits e della Côte de Beaune, rappresenta in realtà solo una piccola parte del totale dei vigneti della Borgogna (circa il 17 percento). Lontano da questa zona centrale conosciuta come la Côte d’Or, ci sono villaggi e zone meno conosciute che possono produrre vini di buon valore e di buona qualità.

Le regioni periferiche, come la Côte Chalonnaise e il Mâconnais, hanno beneficiato del successo dei migliori vini della Côte d’Or. Investimenti e know-how sono arrivati ​​in quelle che un tempo erano denominazioni rustiche e fuori mano. E mentre i prezzi sono aumentati, sono certamente rimasti relativamente modesti rispetto ai grandi nomi lungo la Côte d’Or.

Al di là di queste aree, ci sono vigneti che producono vini di buon valore che rientrano nelle semplici denominazioni generiche di Bourgogne rouge e Bourgogne blanc, Borgogna rossa e bianca.

Il problema in queste denominazioni esterne, anzi in tutta la Borgogna, è la variazione della qualità. Mentre esiste uno stile di vino riconoscibile che deriva da ciascuna delle diverse denominazioni, è il modo in cui viene interpretato quello stile che diventa vitale. Sono tantissimi i produttori, tra cui alcuni nomi famosi, che producono ancora vini con sapori e aromi tradizionali dell'aia. Anthony Hanson, un esperto britannico di Borgogna, una volta paragonò l'odore dei vini rossi della regione alle foglie marce o al letame, ed è un odore che, una volta registrato, non viene mai dimenticato. Viene dalla vinificazione sporca, ma per molti anni si è pensato che fosse il vero sapore della Borgogna, e c'è ancora un po' di sentimentalismo ad esso legato. Anche i bianchi un tempo erano aromatizzati più con lo zolfo che con la frutta.

Oggi, qualunque sia la loro dimensione, le operazioni di vinificazione igieniche producono i migliori vini, con un focus sulla frutta. Il carattere della Borgogna, a qualunque prezzo, dovrebbe enfatizzare la succosità del frutto e l'acidità naturale dell'uva. I migliori esempi intrecciano note terrose o minerali espressive delle regioni da cui provengono. A causa delle loro risorse finanziarie, molti dei grandi negozianti sono stati in grado di ripulire i loro atti e ora producono serie impressionanti di vini economici. Certamente, a questo livello di prezzo, i loro sono i vini più diffusi negli Stati Uniti.

I negociants in Borgogna acquistano uva, mosto e vino sfuso da una vasta gamma di viticoltori e vignerons, ma molti possiedono anche vigneti. Sempre più spesso, i vecchi accordi verbali con i coltivatori privati ​​vengono sostituiti da contratti di locazione a lungo termine che danno ai négociant un maggiore controllo sulla gestione del vigneto e sui tempi di raccolta. Con una maggiore attenzione all'igiene della cantina e un maggiore controllo sull'intero processo di vinificazione, i négociant rossi Borgogna sono passati dai vini di fattoria e sovraccaricati dei primi anni '80 a vini essenzialmente puliti, freschi e profumati nella seconda metà degli anni '90.

Alcuni negozianti hanno fatto questa transizione meglio di altri. Penso a Louis Jadot, Joseph Drouhin, Bouchard Père et Fils, Jaffelin e, soprattutto, Faiveley, i cui vini a tutti i livelli sono oggi tra i migliori della Borgogna. Alcuni sono lì da più tempo: Georges Duboeuf (che ha ampliato la sua specialità del Beaujolais per includere i bianchi del sud della Borgogna) e Chartron et Trébuchet (specializzato anche in vini bianchi). Altri, altrettanto famosi, sembrano essere rimasti indietro a un'estremità dello spettro pur continuando a produrre vini stellari nella fascia alta. Louis Latour è il più importante di questi.

Per meno di $ 25 a bottiglia, questi Borgogna si confrontano favorevolmente con molti Pinot Noir e Chardonnay della California e dell'Oregon, anche se hanno un sapore molto diverso. I rossi della Borgogna sono più strutturati e tannici rispetto alle offerte del Nuovo Mondo, ma alla base di quei tannini ci sono gli stessi aromi di frutta setosi e vellutati che rendono il Pinot Nero un vino così seducente. I bianchi, soprattutto quelli fermentati e maturati in legno, sono più vicini nello stile al Nuovo Mondo, anche se non hanno mai la travolgente burrosità e grassezza, né l'alto grado alcolico, di alcuni Chardonnay californiani.

Ecco una carrellata dei vini e dei loro stili da alcune delle denominazioni di maggior valore della Borgogna, inclusi alcuni produttori—négociants e domaines—in ogni denominazione i cui vini vale la pena considerare, anche se alcuni dei vini Domaine sono un po' più caro. Sono vini per consumatori che amano il gusto della buona Borgogna, ma non possono sempre permettersi i cartellini dei prezzi.

Auxey-Coercizione
Fruttati, a volte eleganti, rossi e bianchi biscottati che si sviluppano rapidamente sono i tratti distintivi di questo villaggio appena a sud e ad ovest di Volnay nella Côte de Beaune.
Buoni produttori: Domaine Robert Ampeau, Domaine Comte Armand, Domaine Leroy, Louis Jadot (Domaine du Duc de Magenta).

Borgogna
In alternativa alle denominazioni del villaggio qui elencate, si consideri il semplice Bourgogne rouge e il Bourgogne blanc. A questo livello, con la loro capacità di selezionare uve e vino da tutta la Borgogna per la miscelazione, i négociant stanno producendo alcuni vini attraenti a prezzi ancora migliori.
Buoni produttori di Bourgogne Rouge: Bouchard Père et Fils, Joseph Drouhin, Faiveley, Jaffelin, Louis Jadot, Domaine Leroy.
Buoni produttori di Bourgogne blanc: Bouchard Père et Fils, Jean-Marc Brocard, Joseph Drouhin, Faiveley, Louis Jadot, Domaine Leroy.

Chorey-lès-Beaune
Vini leggeri provenienti da terreni sabbiosi della pianura ad est di Savigny-lès-Beaune. Alcuni produttori producono alcuni vini attraenti.
Buoni produttori: Château de Chorey-lès-Beaune, Joseph Drouhin, Domaine Tollot-Beaut et Fils.

Fixin
Proprio all'estremità settentrionale della Côte de Nuits. I rossi (quasi tutta la produzione è rossa) sono alquanto tannici da giovani e possono
essere rustico.
Buoni produttori: Domaine Bruno Clair, Louis Jadot, Domaine Mongeard-Mugneret, Domaine de la Perrière.

Givry
Rossi fragranti e morbidi e piccole quantità di bianchi ricchi e ricchi di noci del villaggio i cui vini un tempo erano conosciuti come i preferiti di Enrico IV di Francia dell'8217.
Buoni produttori: Antonin Rodet (Domaine de la Ferté), Domaine Joblot, Domaine Gérard et Laurent Parize.

Hautes-Côtes-de-Beaune
L'estensione meridionale delle Hautes-Côtes-de-Nuits, produce vini con uno stile simile, leggero e fruttato, ma a buoni prezzi.
Buoni produttori: Domaine du Château de Mandelot, Domaine Michel Serveau.

Hautes-Côtes-de-Nuits
I vini rossi e bianchi provengono dalle colline e dalle valli isolate a ovest della Côte de Nuits. Morbidi e fruttati, questi vini maturano prima dei loro omologhi più famosi.
Buoni produttori: Domaine Bertagna, Domaine Guy Dufouleur, Domaine Michel Gros, Dominique Guyon.

Mercurey
I rossi potenti provengono dalla più grande denominazione della Côte Chalonnaise (che in realtà era conosciuta come Région de Mercurey). I migliori produttori sono in grado di domare il potere, i peggiori lasciano che diventi goffo.
Buoni produttori: Antonin Rodet (Château de Chamirey), Bouchard Père et Fils, Chartron et Trébuchet (Clos Marcilly), Faiveley, Louis Max, Michel Juillot.

Montagny
Una denominazione interamente di vino bianco, che produce alcuni dei blanc più economici della Borgogna. Grassi e ricchi di stile, maturano in fretta.
Buoni produttori: Bouchard Père et Fils, Cave des Vignerons de Buxy, Faiveley.

Monthélie
Un vicino di casa di Volnay, che produce vini quasi interamente rossi, con qualcosa della stessa fragranza e profumo, ma una durata di vita più breve. Quando sono maturi, sono lisci e vellutati.
Buoni produttori: Bouchard Père et Fils, Jaffelin, Olivier Leflaive.

Pouilly-Loché
Il povero Pouilly-Fuissé, con parte del frutto e del grasso del vino più famoso, ma senza il cartellino del prezzo.
Buoni produttori: Cave des Vignerons de Buxy, Georges Duboeuf.

Rully
Il villaggio più settentrionale della Côte Chalonnaise. Vini prevalentemente bianchi, di carattere floreale e speziato, con frutti di bosco. I rossi sono Pinot puri e succosi.
Buoni produttori: Chartron et Trébuchet, Joseph Drouhin, Jaffelin, Olivier Leflaive, Vincent Girardin, Antonin Rodet (Château de Rully).

Saint-Aubin
Rossi freschi al gusto di fragola e bianchi delicatamente equilibrati provengono da questo piccolo villaggio a ovest di Puligny-Montrachet e Meursault. I vini hanno qualcosa del carattere di ciascuno di questi borghi più famosi.
Buoni produttori: Domaine Jean-Claude Bachelet, Domaine Roux Père et Fils, Louis Jadot, Jaffelin.

Saint-Véran
Questa è la denominazione più meridionale della Borgogna e i suoi rossi sono classificati come Beaujolais e prodotti da Gamay. I bianchi sono morbidi, freschi e fruttati e maturano rapidamente.
Buoni produttori: Georges Duboeuf, Domaine des Lalande, Mommessin, Domaine Saumaize-Michelin, J.J. Vincent et Fils (Domaine des Morats).

Santenay
Alcuni dei migliori valori della Côte de Beaune. Vini che possono essere fermi e tannici da giovani, ma che maturano un carattere squadrato e solido. Prevalentemente rossi, ma si producono anche piccole quantità di bianchi nocciolati.
Buoni produttori: Joseph Drouhin, Vincent Girardin, Louis Jadot, Olivier Leflaive, Prosper Maufoux.

Savigny-lès-Beaune
Savigny è il villaggio con la più grande superficie di Pinot Nero della Côte d’Or dopo Beaune e Santenay. I vini profumati sono pieni di lamponi e altri frutti rossi, con una fresca leggerezza al tatto. Questi vini possono incarnare la seduzione del Pinot Nero.
Buoni produttori: Domaine Simon Bize, Bouchard Père et Fils, Domaine Bruno Clair, Joseph Drouhin, Patriarche Père et Fils.

Viré-Clessé
Una denominazione nuova di zecca, che unisce due villaggi precedentemente sotto l'ombrello di Mâcon-Villages e precedentemente venduti come Mâcon-Viré e Mâcon-Clessé. I vini sono affumicati, muschiati e generalmente abbastanza freschi e leggeri.
Buoni produttori: Prosper Maufoux, Mommessin, Domaine Rijckaert l’Epinet.

COSA COMPRARE, COSA BERE, COSA CONTENERE

1999 È raro che sia i bianchi che i rossi della Borgogna raggiungano un'alta qualità nella stessa annata, ma il 1999 è stato un anno simile. Molti bianchi della Côte d’Or sono ricchi e opulenti. I bianchi di Chablis raccolti più tardi sono più freschi e freschi. I Pinot maturi non sono stati rovinati dalle piogge di settembre, e sono visti come migliori del 1998 o 1997, e più come i vini a lungo termine del 1996. Vale la pena acquistare i 󈨧 quando verranno rilasciati l'anno prossimo.

1998 Una storia di successo per lo Chardonnay, soprattutto a Chablis, dove gli acidi sono gli stessi del 1997, ma i vini hanno un peso maggiore. Alcuni bianchi voluttuosi sono stati prodotti sulla Côte d’Or, ma i vini hanno nel complesso meno successo nel Mâconnais. Tra i rossi, le piogge hanno reso questa vendemmia difficile, ma i vini mostrano già più struttura e tannino rispetto agli anni '97. Questi dovrebbero essere vini da conservare.

1997 Annata discontinua, con il Pinot Nero che talvolta matura prima dello Chardonnay. Sulla Côte d’Or, quei produttori che hanno aspettato hanno prodotto i migliori vini. La piccola produzione di rossi significa prezzi alti, nonostante risultati contrastanti. For the whites, 󈨥 is a fine year, especially in Chablis, where producers made rich, full-flavored wines with good acidity. Keep these wines over the next decade. The wines from the Mâconnais are lighter and should be drunk now.

1996 A vintage rescued by a warm September. Excellent color and promising fruit flavors make this a vintage of long-term aging potential among the reds, with some that won’t peak until 2005 or beyond. The whites have turned out somewhat lean, but should show better in a year or two.

White Wines
87 Faiveley 1997 Cuvée Georges Faiveley (Bourgogne) $17
One of the best basic white Burgundies in a long time. Nice toasty fruit, and a warm, ripe palate with lively flavors alongside some developing maturity. Good fresh finish.

87 Prosper Maufoux 1998 Domaine les Combelières $11 (Viré-Clessé) Ripe fruit, with rich acidity and citrus and green fruit- flavors. Clear, clean wine with a good structure.

86 Bouchard Père et Fils 1998 La Vignée Chardonnay $10 (Bourgogne) Plenty of green-apple fruit and a pleasing hint of butter. Quaffable, but structured like a pricier cru.

86 Georges Duboeuf 1999 Mâcon-Villages $10 Modern, upfront fresh fruit, with good citrus flavors. Balanced, lively palate, with green fruits and acidity at the end.

86 Mommessin 1998 Domaine l’Evêque (Saint-Véran) $13 Ripe, fleshy fruit, with some balancing citrus acidity and a hint of wood and toast. Still young and fresh, this is a wine that should develop well.

85 Henri de Villamont 1997 Prestige Chardonnay (Bourgogne) $13 Nice, ripe simple fruit with just a hint of wood, and good, open flavors. Well-made, attractive wine.

Red Wines
90 Faiveley 1998 Clos des Myglands (Mercurey Premier Cru) $32
A Faiveley monopole, which means the firm owns the whole vineyard. Good deep-purple color. Rich, firm tannins, with ripe, smoky fruit and concentrated ripe flavors. It’s a wine that needs time, but already shows great complexity.

88 Joseph Drouhin 1998 Savigny-lès-Beaune $29 Firm tannins along with sweet, ripe fruit. A structured wine with good aging ability. The finish is dry but there are also good strawberry flavors. Give this wine three or four years.

86 Joseph Drouhin 1998 Laforêt Pinot Noir (Bourgogne) $15 Concentrated red fruits with a fine structure of tannins and acidity. It has enough firmness to develop over two or three years, which is unusual for a wine in this class.

86 Louis Jadot 1998 Clos de Malte (Santenay) $22 Good deep color, with ripe sweet fruit. Good concentrated fruit flavors, with solid tannins and acidity. The big, chewy fruit needs time to soften.

86 Prosper Maufoux 1998 Santenay $22 Ripe fruit and firm, dry tannins. A well-structured wine that strikes a good balance between acidity and red-fruit flavors.


Find out why Anthony Bourdain’s boeuf bourguignon is one of our most popular recipes ever

We have more than 9,200 recipes in our Washington Post Recipe Finder, and we’re adding more every day. The new dishes are what tend to capture the most attention, but there are certain entries in the archives that keep trucking along, gathering a reliable stream of readers years after they were first published.

We don’t always know exactly why. Sometimes, it’s something very search-friendly. In one case, it’s a quirk of Internet indexing. In any event, Anthony Bourdain’s boeuf bourguignon is one of those entries, repeatedly breaking into our most-viewed recipes of the year. The secret sauce? I’m guessing some combination of a famous personality, a classic dish and, well, a darn good sauce, coaxed into rich, silken luxury over two-plus hours of cook time. At close to 200 ratings, with an average score of 4½ stars (out of 5), this is one of our highest- and most-rated recipes.

The recipe first appeared in the Food section in 2004 in a piece by former Post staffer Judith Weinraub about three cookbooks focused on French bistro cooking: Ina Garten’s “Barefoot in Paris,” Bourdain’s “Anthony Bourdain’s Les Halles Cookbook” and Thomas Keller’s “Bouchon.” “Garten’s book is a collection of accessible recipes for meals to serve family and friends. Bourdain’s is a thoughtful guide to classic dishes. And Keller’s is a daunting but inspirational road map to a higher culinary plane,” Weinraub wrote. She had the clever idea to examine the differences in each book’s approach through the lens of boeuf bourguignon, a classic dish featuring beef braised in red wine (i.e. burgundy) and often including onions and mushrooms.

Garten’s quicker version includes some home-cook-friendly shortcuts, while Keller’s requires more than two dozen ingredients, some prepared multiple ways. Bourdain’s falls neatly in the middle, with the shortest ingredient list, leaning more on time than excessive preparation. The emphasis is on the meat and the sauce — ideally served with some potatoes or bread to help you savor every last drop.

The brief intro at the top of the recipe is exactly the kind of summary you’d expect from Bourdain, the globetrotting and outspoken chef, TV host and author who took his own life in 2018. “This dish is much better the second day. Just cool the stew down in an ice bath, or on your countertop (the Health Department is unlikely to raid your kitchen). Refrigerare durante la notte. When time, heat and serve. Goes well with a few boiled potatoes. But goes really well with a bottle of Cote de Nuit Villages Pommard.” Informative, funny and a little snarky.

I’ll add a few more tips of my own. As far as the wine, don’t be turned off by the burgundy denomination. Burgundy (in this case red) refers to wine made in the Burgundy region of France. Red burgundy is made with pinot noir grapes, so feel free to grab a bottle labeled as pinot noir that fits within your price range. Make it something you will drink — only 1 cup is used in cooking, and you’ll want to sip the rest while you enjoy the dish. Pat your meat as dry as you can before cooking to limit the amount of splattering while you sear. You’ll want to stay within reach during the 2 to 2½ hours of braising time so that you can stir and scrape occasionally to prevent scorching on the bottom of the pot.


Wine Berserkers - international wine social media, online community, and discussion

My favorite GC white for the $ is Jadot Corton Charlemagne.

For 1er, I agree with Bouchard and would add Clos des Mouches Blanc from Drouhin. Niellon 1er whites still offer value. I do enjoy Labet Beaune Marconnets too.

Curious to hear more options.

Re: Current best value white Burgundies

#3 Post by B. Buzzini » May 9th, 2020, 7:58 pm

Walter Scott. someone had to say it! 18 Anne Cuvée n glass.

Good list. Louis Michel Chablis as well.

Re: Current best value white Burgundies

#4 Post by [email protected] [email protected] » May 9th, 2020, 8:06 pm

Re: Current best value white Burgundies

#5 Post by Ron Erickson » May 9th, 2020, 8:16 pm

Re: Current best value white Burgundies

#6 Post by Sean S y d n e y » May 9th, 2020, 8:17 pm

Drouhin's Montagny that I had a few weeks ago was absolutely wonderful and about $25 USD, if that's not too proletariat.

edit: I see I was beaten just above

Re: Current best value white Burgundies

#7 Post by Kris Patten » May 9th, 2020, 8:44 pm

Sean S y d n e y wrote: ↑ May 9th, 2020, 8:17 pm Drouhin's Montagny that I had a few weeks ago was absolutely wonderful and about $25 USD, if that's not too proletariat.

edit: I see I was beaten just above

Re: Current best value white Burgundies

#8 Post by Paul Seah » May 9th, 2020, 10:05 pm

Re: Current best value white Burgundies

#9 Post by Ian S » May 9th, 2020, 10:14 pm

Alan Eden - the "Crazy Uncle" Berserker and Master Pot Stirrer forever!

"I swear to god, I've never seen so many whiny bitches in one place in my life." - Steve Saxon, 01/30/18
"Moral superiority can taste awfully good to some." - David Kantrowitz, 05/29/19

Re: Current best value white Burgundies

#10 Post by dcornutt » May 10th, 2020, 2:36 am

" Care about what other people think and you will always be their prisoner." - LAO TZU

Re: Current best value white Burgundies

#11 Post by jason stein » May 10th, 2020, 4:29 am

Re: Current best value white Burgundies

#12 Post by Howard Cooper » May 10th, 2020, 5:06 am

Let us start with the Moreaus:

Bernard Moreau Bourgogne Blanc (paid $25 for the 2017), Chassagne-Montrachet and St. Aubin En Remilly
Christian Moreau - premier cru Chablis
Moreau Naudet - premier cru Chablis

Bouchard Meursault Perrieres
Heitz-Lochardet Meursault En la Barre and Meursault Les Gruyaches
Domaine des Moirots - I like his reds better than his whites, but his whites are not bad
Whites from Aubert de Villaine

I have seen some good prices lately on Jadot whites. If premox there really is cured by DIAM, then I would put these as excellent values.

I really like Drouhin's whites, but prices have gone up a good bit over the last couple of years. Can sometimes be good values.

"That's what I do. I drink and I know things." Tyrion Lannister

Re: Current best value white Burgundies

#13 Post by Howard Cooper » May 10th, 2020, 5:09 am

"That's what I do. I drink and I know things." Tyrion Lannister

Re: Current best value white Burgundies

#14 Post by [email protected] [email protected] » May 10th, 2020, 5:26 am

Re: Current best value white Burgundies

#15 Post by Howard Cooper » May 10th, 2020, 5:49 am

The last email I got for their wines was from Chambers Street:

Click to view up-to-date inventory on our website →
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Bourgogne Blanc
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Bourgogne Blanc
| 12 in stock | $42.99
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Bourgogne Aligoté
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Bourgogne Aligoté
| 36 in stock | $32.99
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Saint-Aubin Le Banc
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Saint-Aubin Le Banc
| 36 in stock | $63.99
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Saint-Aubin 1er Cru En Remilly
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Saint-Aubin 1er Cru En Remilly
| 7 in stock | $89.99
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Saint-Aubin 1er Cru Hommage á Marguerite
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Saint-Aubin 1er Cru Hommage á Marguerite
| 24 in stock | $79.99
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Saint-Aubin 1er Cru Les Champlots
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Saint-Aubin 1er Cru Les Champlots
| 18 in stock | $79.99
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 St Aubin 1er Cru Chatenière
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 St Aubin 1er Cru Chatenière
| 9 in stock | $89.99

"That's what I do. I drink and I know things." Tyrion Lannister

Re: Current best value white Burgundies

#16 Post by [email protected] [email protected] » May 10th, 2020, 5:55 am

Howard Cooper wrote: ↑ May 10th, 2020, 5:49 am The last email I got for their wines was from Chambers Street:

Click to view up-to-date inventory on our website →
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Bourgogne Blanc
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Bourgogne Blanc
| 12 in stock | $42.99
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Bourgogne Aligoté
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Bourgogne Aligoté
| 36 in stock | $32.99
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Saint-Aubin Le Banc
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Saint-Aubin Le Banc
| 36 in stock | $63.99
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Saint-Aubin 1er Cru En Remilly
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Saint-Aubin 1er Cru En Remilly
| 7 in stock | $89.99
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Saint-Aubin 1er Cru Hommage á Marguerite
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Saint-Aubin 1er Cru Hommage á Marguerite
| 24 in stock | $79.99
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Saint-Aubin 1er Cru Les Champlots
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 Saint-Aubin 1er Cru Les Champlots
| 18 in stock | $79.99
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 St Aubin 1er Cru Chatenière
Colin-Morey, Pierre-Yves 2018 St Aubin 1er Cru Chatenière
| 9 in stock | $89.99

Re: Current best value white Burgundies

#17 Post by Brian S t o t t e r » May 10th, 2020, 5:56 am

Obligatory post in each thread on this topic

I have a couple 2018 X-Novos on their way to me. How's the Anne Cuvee?

CT and IG: rieslinghoarder

2021 WOTY Candidates:
2019 Hofgut Falkenstein Niedermenniger Herrenberg Riesling Spätlese feinherb “Meyer Nepal” #11
2015 Kelley Fox Wines Pinot Noir Maresh Vineyard Red Barn Blocks
1997 Reichsgraf von Kesselstatt Scharzhofberger Riesling Auslese
2019 Emrich-Schönleber Halenberg Riesling Grosses Gewächs

Re: Current best value white Burgundies

#18 Post by Howard Cooper » May 10th, 2020, 7:58 am

B. Buzzini wrote: ↑ May 9th, 2020, 7:58 pm Walter Scott. someone had to say it! 18 Anne Cuvée n glass.

"That's what I do. I drink and I know things." Tyrion Lannister

Re: Current best value white Burgundies

#19 Post by R. Frankel » May 10th, 2020, 8:16 am

I too really liked the ‘17 PYCM BB. Bought a half case, wanted to see how they aged. Oops, drank them up!

Some more value white Burgs I would add
- Moreau Nadeau - lovely Chablis up and down the range
- Henri Prudhon - mostly St. Aubin and extremely impressive.
- Droin Chablis - also scratches that itch nicely
- Saumaize-Michelin Pouilly-Fuisse - richer wines but also well made.

Sure I’m buying some higher end things - Bernard Moreau, Henri Boillot, a little bit of others but those are less good ‘value’ options I think. I was really impressed by Lamy-Pillot at the 2019 La Paulee but have yet to find them on the west coast at prices I liked.

Re: Current best value white Burgundies

#20 Post by Rick Allen » May 10th, 2020, 9:30 am

Re: Current best value white Burgundies

#21 Post by Josh Grossman » May 10th, 2020, 10:05 am

Re: Current best value white Burgundies

#22 Post by Chris Seiber » May 10th, 2020, 10:26 am

Re: Current best value white Burgundies

#23 Post by Chris Seiber » May 10th, 2020, 10:30 am

PYCM prices seem to have gone up 20+% just from the 2017 to the 2018 vintages. Imagine what we’d all say if a California producer did that.

Oh well, I got to enjoy a few vintages of them before the prices went crazy. And I can’t blame the guy for charging what people will pay for them. They’re excellent wines.

I probably have 10 bottles or so, now I transition into the “reluctant to drink them because I can’t afford to replace them” mode.

Re: Current best value white Burgundies

#24 Post by Yao C » May 10th, 2020, 10:36 am

Re: Current best value white Burgundies

#25 Post by Yao C » May 10th, 2020, 10:42 am

Re: Current best value white Burgundies

#26 Post by alan weinberg » May 10th, 2020, 10:45 am

there are some occasional opportunities to find PYCM at lesser prices, also Boillot. I paid 95 for 18 Moucheres. I paid 85 for 17 PYCM Ancegnieres. I think those are great values, wines playing above their appellation. I titled the thread best value, not cheapest.

Almost put some of the Moreau on the list.

I had Michel on there, Buzz.

Re: Current best value white Burgundies

#27 Post by Josh Grossman » May 10th, 2020, 10:59 am

Re: Current best value white Burgundies

#28 Post by ykwon » May 10th, 2020, 12:34 pm

Re: Current best value white Burgundies

#29 Post by [email protected] [email protected] » May 10th, 2020, 12:41 pm

Chris Seiber wrote: ↑ May 10th, 2020, 10:30 am PYCM prices seem to have gone up 20+% just from the 2017 to the 2018 vintages. Imagine what we’d all say if a California producer did that.

Oh well, I got to enjoy a few vintages of them before the prices went crazy. And I can’t blame the guy for charging what people will pay for them. They’re excellent wines.

I probably have 10 bottles or so, now I transition into the “reluctant to drink them because I can’t afford to replace them” mode.

Re: Current best value white Burgundies

#30 Post by JLee » May 10th, 2020, 12:49 pm

Re: Current best value white Burgundies

#31 Post by jason stein » May 10th, 2020, 12:51 pm

Re: Current best value white Burgundies

#32 Post by Howard Cooper » May 10th, 2020, 1:00 pm

Chris Seiber wrote: ↑ May 10th, 2020, 10:30 am PYCM prices seem to have gone up 20+% just from the 2017 to the 2018 vintages. Imagine what we’d all say if a California producer did that.

Oh well, I got to enjoy a few vintages of them before the prices went crazy. And I can’t blame the guy for charging what people will pay for them. They’re excellent wines.

I probably have 10 bottles or so, now I transition into the “reluctant to drink them because I can’t afford to replace them” mode.

"That's what I do. I drink and I know things." Tyrion Lannister

Re: Current best value white Burgundies

#33 Post by Howard Cooper » May 10th, 2020, 1:02 pm

"That's what I do. I drink and I know things." Tyrion Lannister

Re: Current best value white Burgundies

#34 Post by JLee » May 10th, 2020, 1:06 pm

Re: Current best value white Burgundies

#35 Post by Chris Seiber » May 10th, 2020, 1:13 pm

Chris Seiber wrote: ↑ May 10th, 2020, 10:30 am PYCM prices seem to have gone up 20+% just from the 2017 to the 2018 vintages. Imagine what we’d all say if a California producer did that.

Oh well, I got to enjoy a few vintages of them before the prices went crazy. And I can’t blame the guy for charging what people will pay for them. They’re excellent wines.

I probably have 10 bottles or so, now I transition into the “reluctant to drink them because I can’t afford to replace them” mode.

If that is all it is, then wouldn't all other White Burgundies have an equivalent pricing spike from the 17 to 18 vintages? And if the tariffs go back down, PYCM pricing will return to a year or two ago?

Again, PYCM makes great wines, and additionally is very much in vogue with buyers, so I'm not surprised or upset that the prices are spiking up. Same way I feel when that happens with a new world wine. But every time a hot Burg or Northern Rhone or Piedmont producer has its price skyrocket, we all have to pretend that it's only because of some shadowy middlemen, tariffs, grey market, or something else at play rather than regular supply and demand. When it's a new world wine, then it's all about greed, score whores, and so forth. It feels like it's more about people confirming their biases about good guys and bad guys than it is an accurate statement about what is going on.

Maybe I'm wrong - I certainly have been before. Explain it to me and I'll listen with an open mind.

Re: Current best value white Burgundies

#36 Post by Craig G » May 10th, 2020, 1:26 pm

My current best values are the Domaine Renaud Macons (Charnay and Solutré) from K&L. They’re unusually good for $20. There are a bunch of other white Burgs in that range but most of those I’ve tried have been disappointing.

The Bize BB Perrières is really good too. It’s more like $35 or $40.

“You need to look down to the bottom shelf where they keep the Fighting Cock” — Corey N.

Re: Current best value white Burgundies

#37 Post by [email protected] [email protected] » May 10th, 2020, 1:32 pm

Chris Seiber wrote: ↑ May 10th, 2020, 10:30 am PYCM prices seem to have gone up 20+% just from the 2017 to the 2018 vintages. Imagine what we’d all say if a California producer did that.

Oh well, I got to enjoy a few vintages of them before the prices went crazy. And I can’t blame the guy for charging what people will pay for them. They’re excellent wines.

I probably have 10 bottles or so, now I transition into the “reluctant to drink them because I can’t afford to replace them” mode.

If that is all it is, then wouldn't all other White Burgundies have an equivalent pricing spike from the 17 to 18 vintages? And if the tariffs go back down, PYCM pricing will return to a year or two ago?

Again, PYCM makes great wines, and additionally is very much in vogue with buyers, so I'm not surprised or upset that the prices are spiking up. Same way I feel when that happens with a new world wine. But every time a hot Burg or Northern Rhone or Piedmont producer has its price skyrocket, we all have to pretend that it's only because of some shadowy middlemen, tariffs, grey market, or something else at play rather than regular supply and demand. When it's a new world wine, then it's all about greed, score whores, and so forth. It feels like it's more about people confirming their biases about good guys and bad guys than it is an accurate statement about what is going on.

Maybe I'm wrong - I certainly have been before. Explain it to me and I'll listen with an open mind.

Re: Current best value white Burgundies

#38 Post by Rick Allen » May 10th, 2020, 1:38 pm

Re: Current best value white Burgundies

#39 Post by Howard Cooper » May 10th, 2020, 1:42 pm

Chris Seiber wrote: ↑ May 10th, 2020, 10:30 am PYCM prices seem to have gone up 20+% just from the 2017 to the 2018 vintages. Imagine what we’d all say if a California producer did that.

Oh well, I got to enjoy a few vintages of them before the prices went crazy. And I can’t blame the guy for charging what people will pay for them. They’re excellent wines.

I probably have 10 bottles or so, now I transition into the “reluctant to drink them because I can’t afford to replace them” mode.

If that is all it is, then wouldn't all other White Burgundies have an equivalent pricing spike from the 17 to 18 vintages? And if the tariffs go back down, PYCM pricing will return to a year or two ago?

Again, PYCM makes great wines, and additionally is very much in vogue with buyers, so I'm not surprised or upset that the prices are spiking up. Same way I feel when that happens with a new world wine. But every time a hot Burg or Northern Rhone or Piedmont producer has its price skyrocket, we all have to pretend that it's only because of some shadowy middlemen, tariffs, grey market, or something else at play rather than regular supply and demand. When it's a new world wine, then it's all about greed, score whores, and so forth. It feels like it's more about people confirming their biases about good guys and bad guys than it is an accurate statement about what is going on.

Maybe I'm wrong - I certainly have been before. Explain it to me and I'll listen with an open mind.


Steak with Burgundy Mushroom Sauce

In a large skillet, melt butter over high heat. Throw in mushrooms, garlic, and green onions and cook, stirring occasionally until mushrooms are nice and golden. Pour in wine and stir, scraping bottoms of the pan. Allow to cook for several minutes or until liquid is reduced by at least half. At the end, add 1 tablespoon butter and stir into sauce. Add parsley and stir together. Don't be afraid to splash in a little more wine if needed.

Fry a steak in a separate skillet till medium rare.

Spoon mushrooms sauce over the top.

I am in love with heavy, ingredient-rich steak sauces.

Marlboro Man, on the other hand, believes a good steak should stand on its own.

We&rsquoll be seeking outside help for this fundamental life disagreement, but for today, I wanted to show you how to make this quick and easy mushroom sauce for whatever steak you feel like cooking tonight. A sirloin will work, or a skirt steak&hellipor a fillet or a ribeye or anything else you might have languishing in your fridge. Whatever steak you decide to use, just know that the sauce will make it better.


Julia Child’s Beef Bourguignon

This recipe is adapted from Mastering the Art of French Cooking by Julia Child. It’s somewhat of a long recipe, but no one ever said French cooking was easy. Have a glass of wine while preparing this wonderful dish, and the results will be rewarding.

Ingredienti:

  • 3 1/2 tablespoons olive oil
  • 3 pounds lean stewing beef, cut into 2-inch cubes
  • 1 cipolla, affettata
  • 1 carrot, sliced
  • One 6-ounce piece of chunk bacon
  • Sale e pepe
  • 2 cucchiai di farina
  • 3 cups red wine (burgundy)
  • 2 1/2 to 3 1/2 cups brown beef stock
  • 1 tablespoon tomato paste
  • 2 cloves mashed garlic
  • 1/2 teaspoon thyme
  • A crumbled bay leaf
  • 18 to 24 small peeled white onions (about 1″ in diameter)
  • 3 1/2 tablespoons butter
  • Herb bouquet (4 parsley sprigs, one-half bay leaf, one-quarter teaspoon thyme, tied in cheesecloth)
  • 1 pound mushrooms, fresh and quartered

Cooking Instructions:

Remove bacon rind and cut into lardons (sticks 1/4-inch thick and 1 1/2 inches long). Simmer rind and lardons for 10 minutes in 1 1/2 quarts water. Drain and dry.

Preheat oven to 450 degrees.

Sauté lardons in 1 tablespoon of the olive oil in a flameproof casserole over moderate heat for 2 to 3 minutes to brown lightly. Remove to a side dish with a slotted spoon.

Dry beef in paper towels it will not brown if it is damp. Heat fat in casserole until almost smoking. Add beef, a few pieces at a time, and sauté until nicely browned on all sides. Add it to the lardons.

In the same fat, brown the sliced vegetables. Pour out the excess fat.

Return the beef and bacon to the casserole and toss with 1/2 teaspoon salt and 1/4 teaspoon pepper.

Then sprinkle on the flour and toss again to coat the beef lightly. Set casserole uncovered in middle position of preheated oven for 4 minutes.

Toss the meat again and return to oven for 4 minutes (this browns the flour and coves the meat with a light crust).

Remove casserole and turn oven down to 325 degrees.

Stir in wine and 2 to 3 cups stock, just enough so that the meat is barely covered.

Add the tomato paste, garlic, herbs and bacon rind. Bring to a simmer on top of the stove.

Cover casserole and set in lower third of oven. Regulate heat so that liquid simmers very slowly for 3 to 4 hours. The meat is done when a fork pierces it easily.

While the beef is cooking, prepare the onions and mushrooms.

Heat 1 1/2 tablespoons butter with one and one-half tablespoons of the oil until bubbling in a skillet.

Add onions and sauté over moderate heat for about 10 minutes, rolling them so they will brown as evenly as possible. Be careful not to break their skins. You cannot expect them to brown uniformly.

Add 1/2 cup of the stock, salt and pepper to taste and the herb bouquet.

Cover and simmer slowly for 40 to 50 minutes until the onions are perfectly tender but hold their shape, and the liquid has evaporated. Remove herb bouquet and set onions aside.

Wipe out skillet and heat remaining oil and butter over high heat. As soon as you see butter has begun to subside, indicating it is hot enough, add mushrooms.

Toss and shake pan for 4 to 5 minutes. As soon as they have begun to brown lightly, remove from heat.

When the meat is tender, pour the contents of the casserole into a sieve set over a saucepan.

Wash out the casserole and return the beef and lardons to it. Distribute the cooked onions and mushrooms on top.

Skim fat off sauce in saucepan. Simmer sauce for a minute or 2, skimming off additional fat as it rises. You should have about 2 1/2 cups of sauce thick enough to coat a spoon lightly.

If too thin, boil it down rapidly. If too thick, mix in a few tablespoons stock. Taste carefully for seasoning.

Pour sauce over meat and vegetables. Cover and simmer 2 to 3 minutes, basting the meat and vegetables with the sauce several times.

Serve in casserole, or arrange stew on a platter surrounded with potatoes, noodles or rice, and decorated with parsley.

Please leave your experiences with this recipe in the comments section below.


Top 10 Hypnotic Liquor Drinks with Recipes and Prices

With the change in times, hypnotic liquor has become a famous drink for the celebrities. Since, its release into the market, it has become one of the most staple products in many bars. The alcoholic level in hypnotic liquor is 17% and it is distilled three times during the process.

(1) Green Bean recipe

The required items are 1 oz of orange juice and 3 oz hypnotic liquor. Serve the blend of these two and then garnish it with vegetables of your choice. This drink costs you about $26 dollars.

(2) Green machine recipe

5-6 oz mountain dew or any citrus soda and 1 oz of hypnotic liquor, Pour this mixture into a highball glass which is filled with the ice-cubes. Then fill it up with soda or mountain dew. Stir the mixture slowly and the drink will automatically turn into bright green. This bright green drink costs is $27 dollars.

(3) Hypnotic and 7 recipe

A blend of 1 splash of soda or 7 up and 2 oz hypnotic liquor, stir the ingredients thoroughly and serve it in a highball glass at an expense of $ 28 dollars.

(4) Hypno fusion recipe

A blend of 1 splash of grenadine, 5 oz sprite or soda or 1 oz hypnotic liquor, fills your highball glass along with ice cubes. Then add hypnotic liquor and sprite. At last add a splash of grenadine, stir it well and serve at $ 30 dollars.

(5) Chucktown crunk juice recipe

4 oz of hypnotic liquor and 8 oz red bull can or energy drink. Serve it in a tall glass without chilled at an expense of $30 dollars.

(6) Bloody passion #2 recipe

Thoroughly mix 2-3 oz of pineapple juice, 2 oz of hypnotic liquor and one dash of grenadine syrup. Pour the mixture into a tall glass either chilled or without chilled. Add some amount of pineapple juice and then it should be followed by splashes of grenadine. Stir it well and serve it at a cost of $ 25 dollars.

(7) H-Bomb #2 recipe

Make a blend of 3 oz of hypnotic liquor and 3 oz of Red Bull energy drink. Pour the content into a highball glass with ice cubes and half way filled with Red Bull, then fills the remaining half with hypnotic liquor and serve. This drink costs you about $26 dollars.

(8) Naughty monkey recipe

Combine 5 oz of either soda or 7 up or 1 ½ oz of hypnotic liquor and serve it in a highball glass and serve it chilled at a cost of $25 dollars.

(9) Hypnotic pussy recipe

Thoroughly mix 2 oz of hypnotic liquor and 2 oz of sour raspberry liquor and shake the ingredients thoroughly using a cocktail shaker and strain into a glass and serve it chilled. This sour raspberry liquor is available at $28 dollars.

(10) Jimmy’s Jet plane recipe

Required ingredients are ¼ oz of lime juice, 2 oz of pineapple juice, ½ melon liquor and apple liquor and 1 oz of hypnotic liquor. Thoroughly mix all the ingredients and strain it into a tall glass filled with ice. Then garnish it with an airplane shaped candy and a lemon wheel. This is a perfect candy, which comes in various colors at $ 27 dollars.

These are some of the most popular hypnotic liquor drinks in the world, which has attracted numbers of people to follow the dink trend.


Guarda il video: What makes the 33 Grand Crus of Burgundy Unique? Best Bourgogne Wines Explained (Potrebbe 2022).