Nuove ricette

10 drink che non dovresti mai bere dopo cena e perché?

10 drink che non dovresti mai bere dopo cena e perché?


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Evitali a tarda notte e dormirai come un bambino

Bere questi drink dopo cena è una cattiva idea.

Per fortuna, molti bere miti sono stati messi a tacere e i consumatori stanno migliorando nel sapere quali bevande sono salutari. Che si tratti del tuo acquisto preferito in negozio succo di frutta o un gustosa lattina di cola, la ricerca ha dimostrato che è meglio evitare molte bevande.

Clicca qui per 10 drink che non dovresti mai bere dopo cena (slideshow)

È stato concluso che se sei non bere acqua oppure un'altra completamente naturale liquido, non stai facendo alcun favore al tuo corpo. Che tu ci creda o no, anche se lo è non è mai bello bere qualcosa di malsano, c'è un momento della giornata che è il momento peggiore in assoluto per farlo: dopo cena.

A volte, alzare i piedi e sorseggiare una bella bevanda fredda dopo un pasto serale sembra assolutamente appetitoso. Ma hai mai pensato a come? bere una bevanda zuccherata ti influenzerà prima di andare a letto? Sfortunatamente, ci sono molti liquidi che lo faranno danneggia il tuo corpo e allarga letteralmente la tua vita durante la notte.

Dai un'occhiata alla nostra carrellata di drink che secondo noi non dovresti mai bere dopo cena.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato il 10 agosto 2015.


La tua guida per diventare elegante con un drink dopo cena

Chiunque non risparmi spazio per un drink dopo cena sta praticamente barando. E no, non solo perché è un'opportunità in più per prenotare una notte di piacevole ebbrezza con un po' più di piacevole intossicazione. Le bevande dopo cena sono spesso utili per aiutare, ehm, il processo digestivo e/o calmare eventuali calamità di vino più cibo più cibo più torta gelato che sta succedendo nel tuo stomaco.

Ma quali sono i tuoi drink preferiti dopo cena? Sicuramente qualche immagine viene in mente di te seduto di fronte alla tua enorme collezione di libri rilegati in pelle (o rilegati in pelle, ehm, PETA), con in mano un bicchierino. Già, un bicchierino, che dobbiamo supporre sia chiamato per l'atto di annusare? In quel bicchierino, qualcosa di ricco e caldo e possibilmente speziato - il tipo di bevanda con cui puoi "ritirarti in salotto" per discutere di politica, o The Bachelorette.

Fortunatamente c'è un canone di base - e classico - di opzioni di drink dopo cena praticamente garantito per soddisfare la diversità dei palati là fuori. Non tutti vogliono un amaro agrodolce, e solo pochi selezionati e coraggiosi possono bere Ouzo in compagnia senza che le cose vadano vero strano.

36 regali e gadget per chi ama le bevande

Liquore

Questa è una categoria difficile, solo perché è gigante. I liquori sono fondamentalmente liquori zuccherati, spesso a basso contenuto alcolico, ma per il resto è una terra di sapori di caramelle. Potresti avere Midori, o Chartreuse, o qualcosa come Galliano (il liquore italiano dolce al gusto di vaniglia che va nell'Harvey Wallbanger). Non tutti i liquori sono adatti al dopo cena. Midori, per esempio, o qualsiasi liquore al melone, sembrerà una giornata in spiaggia (la spiaggia di Atlantic City). Ma Chartreuse, in particolare la variante gialla, dovrebbe andar bene per qualche sorso dopo cena.

Amaro

Abbiamo esaminato a lungo l'amaro altrove, ma tutto ciò che devi sapere qui è che gli amari sono fondamentalmente liquori italiani agrodolci (vedi sopra) destinati ad aiutare la digestione. Beh, alcuni lo fanno. Molti amari contengono spezie e corteccia e scorza di agrumi, creando sapori ricchi, scuri e persino di menta che in qualche modo si uniscono al tuo stomaco testardo e inducono la digestione. Ma puoi anche ottenere amari più amari e agrumati come Campari, che è un aperitivo perfetto. In generale, però, gli amari danno il meglio di sé quando sono cola-scuri, freschi, piccanti e sorseggiabili.

Vermut

Vermut. Vino aromatizzato, fortificato. Sì, niente di tutto questo ha un senso intuitivo per un bevitore abituale, ma il vermouth avrebbe – e dovrebbe – avere senso nella tua routine di drink dopo cena. I vermouth in realtà sono più forti dei vini (la parte "rinforzata"), ma l'aromatizzazione è ciò che stai cercando nel tuo drink dopo cena: qualcosa di complesso, pieno di spezie e aromi di cola rinfrescanti ma anche di agrumi e, nel vermouth bianco , più fiori ed erbe. Fondamentalmente, ottime cose da sorseggiare lentamente mentre pensi a come dire al tuo partner che le sue lasagne erano banali.

Sherry

Sì, quindi dovresti essere terrorizzato o infatuato o fortemente indifferente a Sherry. Tranne, vuole assolutamente essere tuo amico. Sherry è il nuovo tipo di ragazzo che sta in piedi in lontananza, indossando un berretto Flor (scherzo sullo sherry zoppo), promettendo una complessità ricca di noci ma anche un ronzio accessibile e adatto al cibo, con una salinità che disseta che non manca mai di attirarti indietro per un altro sorso. Per il dopo cena, ti consigliamo di andare Pedro Ximenez, la variante dolce ma ancora incredibilmente complessa.

Grappa

La grappa ha una brutta reputazione, certo, ma è assolutamente un drink dopo cena ideale. Soprattutto, è forte, ovunque tra il 40 e il 50% di alcol. In realtà fanno piccoli bicchieri per assicurarsi che stiamo sorseggiando, non deglutendo. Ma forza non significa che la grappa manchi di sfumature. È fatto di vinacce (i solidi avanzi della fermentazione del vino), quindi deve avere carattere - sapore d'uva morbido, a volte "crudo", più pronunciato soprattutto ora che i venditori di grappa stanno diventando monovarietali.

Brandy

Questo è ciò che tutti pensiamo di dover bere dopo cena, ed è forse per questo che non lo facciamo? C'è un certo fattore di intimidazione con il brandy che ha davvero bisogno di andare via, quindi possiamo semplicemente goderci le cose. È un prodotto semplice: vino distillato, vale a dire, si fa fermentare qualsiasi tipo di frutta nel vino, quindi si prende quel vino e lo si distilla in un liquore più forte. Il brandy potrebbe passare un po' di tempo in rovere, anche se ci sono anche acquavite di frutta giovane (grappa austriaca) che sono incredibilmente fresche e floreali senza richiedere troppo tempo. Se non l'hai ancora fatto, concediti il ​​lusso di una bottiglia di Cognac o Armagnac, il suo cugino leggermente più turbolento.

Ouzo

Se non sei un fan della liquirizia, non sarai un fan dell'ouzo. Non che la potente sostanza chiara sia proprio come la liquirizia nera liquefatta. In realtà c'è una varietà di spezie, tra cui finocchio, coriandolo e cannella oltre alla star dello spettacolo, l'anice stellato. È potente e rinfrescante, non diversamente da un amaro, anche se sì, con un profilo aromatico completamente diverso. Aggiungi una goccia d'acqua per renderlo opaco, bianco latte, siediti e rifletti su quanto fosse stupefacente quel pasto.


La tua guida per diventare elegante con un drink dopo cena

Chiunque non risparmi spazio per un drink dopo cena sta fondamentalmente ingannando se stesso. E no, non solo perché è un'opportunità in più per prenotare una notte di piacevole ebbrezza con un po' più di piacevole intossicazione. Le bevande dopo cena sono spesso utili per aiutare, ehm, il processo digestivo e/o calmare eventuali calamità di vino più cibo più cibo più torta gelato che sta succedendo nel tuo stomaco.

Ma quali sono i tuoi drink preferiti dopo cena? Sicuramente qualche immagine viene in mente di te seduto di fronte alla tua enorme collezione di libri rilegati in pelle (o rilegati in pelle, ehm, PETA), con in mano un bicchierino. Già, un bicchierino, che dobbiamo supporre sia chiamato per l'atto di annusare? In quel bicchierino, qualcosa di ricco e caldo e possibilmente speziato - il tipo di bevanda con cui puoi "ritirarti in salotto" per discutere di politica, o The Bachelorette.

Fortunatamente c'è un canone di base - e classico - di opzioni di drink dopo cena praticamente garantito per soddisfare la diversità dei palati là fuori. Non tutti vogliono un amaro agrodolce, e solo pochi selezionati e coraggiosi possono bere Ouzo in compagnia senza che le cose vadano vero strano.

36 regali e gadget per chi ama le bevande

Liquore

Questa è una categoria difficile, solo perché è gigante. I liquori sono fondamentalmente liquori zuccherati, spesso a basso contenuto alcolico, ma per il resto è una terra di sapori di caramelle. Potresti avere Midori, o Chartreuse, o qualcosa come Galliano (il liquore italiano dolce al gusto di vaniglia che va nell'Harvey Wallbanger). Non tutti i liquori sono adatti al dopo cena. Midori, per esempio, o qualsiasi liquore al melone, sembrerà una giornata in spiaggia (la spiaggia di Atlantic City). Ma Chartreuse, in particolare la variante gialla, dovrebbe andar bene per qualche sorso dopo cena.

Amaro

Abbiamo esaminato a lungo l'amaro altrove, ma tutto ciò che devi sapere qui è che gli amari sono fondamentalmente liquori italiani agrodolci (vedi sopra) destinati ad aiutare la digestione. Beh, alcuni lo fanno. Molti amari contengono spezie e corteccia e scorza di agrumi, creando sapori ricchi, scuri e persino di menta che in qualche modo si uniscono al tuo stomaco testardo e inducono la digestione. Ma puoi anche ottenere amari più amari e agrumati come Campari, che è un aperitivo perfetto. In generale, però, gli amari danno il meglio di sé quando sono cola-scuri, freschi, piccanti e sorseggiabili.

Vermut

Vermut. Vino aromatizzato, fortificato. Sì, niente di tutto questo ha un senso intuitivo per un bevitore abituale, ma il vermouth avrebbe – e dovrebbe – avere un senso nella tua routine di drink dopo cena. I vermouth in realtà sono più forti dei vini (la parte "rinforzata"), ma l'aromatizzazione è ciò che stai cercando nel tuo drink dopo cena - qualcosa di complesso, pieno di spezie e aromi di cola rinfrescanti ma anche di agrumi e, nel vermouth bianco , più fiori ed erbe. Fondamentalmente, ottime cose da sorseggiare lentamente mentre pensi a come dire al tuo partner che le sue lasagne erano banali.

Sherry

Sì, quindi dovresti essere terrorizzato o infatuato o fortemente indifferente a Sherry. Tranne, vuole assolutamente essere tuo amico. Sherry è il nuovo ragazzo che sta in piedi in lontananza, indossando un berretto Flor (scherzo sullo sherry zoppo), promettendo una complessità ricca di noci ma anche un ronzio accessibile e adatto al cibo, con una salinità dissetante che non manca mai di attirarti indietro per un altro sorso. Per il dopo cena, ti consigliamo di andare Pedro Ximenez, la variante dolce ma ancora incredibilmente complessa.

Grappa

La grappa ha una brutta reputazione, certo, ma è assolutamente un drink dopo cena ideale. Soprattutto, è forte, ovunque tra il 40 e il 50% di alcol. In realtà fanno piccoli bicchieri per assicurarsi che stiamo sorseggiando, non deglutendo. Ma forza non significa che la grappa manchi di sfumature. È fatto di vinacce (i solidi avanzi della fermentazione del vino), quindi deve avere carattere - sapore d'uva morbido, a volte "crudo", più pronunciato soprattutto ora che i venditori di grappa stanno diventando monovarietali.

Brandy

Questo è ciò che tutti pensiamo di dover bere dopo cena, ed è forse per questo che non lo facciamo? C'è un certo fattore di intimidazione con il brandy che ha davvero bisogno di andare via, quindi possiamo semplicemente goderci le cose. È un prodotto semplice: vino distillato, vale a dire, si fa fermentare qualsiasi tipo di frutta nel vino, quindi si prende quel vino e lo si distilla in un liquore più forte. Il brandy potrebbe passare un po' di tempo in rovere, anche se ci sono anche acquavite di frutta giovane (grappa austriaca) che sono incredibilmente fresche e floreali senza richiedere troppo tempo. Se non l'hai ancora fatto, concediti il ​​lusso di una bottiglia di Cognac o Armagnac, il suo cugino leggermente più turbolento.

Ouzo

Se non sei un fan della liquirizia, non sarai un fan dell'ouzo. Non che la potente sostanza chiara sia proprio come la liquirizia nera liquefatta. In realtà c'è una varietà di spezie, tra cui finocchio, coriandolo e cannella oltre alla star dello spettacolo, l'anice stellato. È potente e rinfrescante, non diversamente da un amaro, anche se sì, con un profilo aromatico completamente diverso. Aggiungi una goccia d'acqua per renderlo opaco, bianco lattiginoso, siediti e rifletti su quanto fosse stupefacente quel pasto.


La tua guida per diventare elegante con un drink dopo cena

Chiunque non risparmi spazio per un drink dopo cena sta fondamentalmente ingannando se stesso. E no, non solo perché è un'opportunità in più per prenotare una notte di piacevole ebbrezza con un po' più di piacevole intossicazione. Le bevande dopo cena sono spesso utili per aiutare, ehm, il processo digestivo e/o calmare eventuali calamità di vino più cibo più cibo più torta gelato che sta succedendo nel tuo stomaco.

Ma quali sono i tuoi drink preferiti dopo cena? Sicuramente qualche immagine viene in mente di te seduto di fronte alla tua enorme collezione di libri rilegati in pelle (o rilegati in pelle, ehm, PETA), con in mano un bicchierino. Già, un bicchierino, che dobbiamo supporre sia chiamato per l'atto di annusare? In quel bicchierino, qualcosa di ricco e caldo e possibilmente speziato - il tipo di bevanda con cui puoi "ritirarti in salotto" per discutere di politica, o The Bachelorette.

Fortunatamente c'è un canone di base - e classico - di opzioni di drink dopo cena praticamente garantito per soddisfare la diversità dei palati là fuori. Non tutti vogliono un amaro agrodolce, e solo pochi selezionati e coraggiosi possono bere Ouzo in compagnia senza che le cose vadano vero strano.

36 regali e gadget per chi ama le bevande

Liquore

Questa è una categoria difficile, solo perché è gigante. I liquori sono fondamentalmente liquori zuccherati, spesso a basso contenuto alcolico, ma per il resto è una terra di sapori di caramelle. Potresti avere Midori, o Chartreuse, o qualcosa come Galliano (il liquore italiano dolce al gusto di vaniglia che va nell'Harvey Wallbanger). Non tutti i liquori sono adatti al dopo cena. Midori, per esempio, o qualsiasi liquore al melone, sembrerà una giornata in spiaggia (la spiaggia di Atlantic City). Ma Chartreuse, in particolare la variante gialla, dovrebbe andar bene per qualche sorso dopo cena.

Amaro

Abbiamo esaminato a lungo l'amaro altrove, ma tutto ciò che devi sapere qui è che gli amari sono fondamentalmente liquori italiani agrodolci (vedi sopra) destinati ad aiutare la digestione. Beh, alcuni lo fanno. Molti amari contengono spezie e corteccia e scorza di agrumi, creando sapori ricchi, scuri e persino di menta che in qualche modo si uniscono al tuo stomaco testardo e inducono la digestione. Ma puoi anche ottenere amari più amari e agrumati come Campari, che è un aperitivo perfetto. In generale, però, gli amari danno il meglio di sé quando sono cola-scuri, freschi, piccanti e sorseggiabili.

Vermut

Vermut. Vino aromatizzato, fortificato. Sì, niente di tutto questo ha un senso intuitivo per un bevitore abituale, ma il vermouth avrebbe – e dovrebbe – avere un senso nella tua routine di drink dopo cena. I vermouth in realtà sono più forti dei vini (la parte "rinforzata"), ma l'aromatizzazione è ciò che stai cercando nel tuo drink dopo cena - qualcosa di complesso, pieno di spezie e aromi di cola rinfrescanti ma anche di agrumi e, nel vermouth bianco , più fiori ed erbe. Fondamentalmente, ottime cose da sorseggiare lentamente mentre pensi a come dire al tuo partner che le sue lasagne erano banali.

Sherry

Sì, quindi dovresti essere terrorizzato o infatuato o fortemente indifferente a Sherry. Tranne, vuole assolutamente essere tuo amico. Sherry è il nuovo ragazzo che sta in piedi in lontananza, indossando un berretto Flor (scherzo sullo sherry zoppo), promettendo una complessità ricca di noci ma anche un ronzio accessibile e adatto al cibo, con una salinità dissetante che non manca mai di attirarti indietro per un altro sorso. Per il dopo cena, ti consigliamo di andare Pedro Ximenez, la variante dolce ma ancora incredibilmente complessa.

Grappa

La grappa ha una brutta reputazione, certo, ma è assolutamente un drink dopo cena ideale. Soprattutto, è forte, ovunque tra il 40 e il 50% di alcol. In realtà fanno piccoli bicchieri per assicurarsi che stiamo sorseggiando, non deglutendo. Ma forza non significa che la grappa manchi di sfumature. È fatto di vinacce (i solidi avanzi della fermentazione del vino), quindi deve avere carattere - sapore d'uva morbido, a volte "crudo", più pronunciato soprattutto ora che i venditori di grappa stanno diventando monovarietali.

Brandy

Questo è ciò che tutti pensiamo di dover bere dopo cena, ed è forse per questo che non lo facciamo? C'è un certo fattore di intimidazione con il brandy che ha davvero bisogno di andare via, quindi possiamo semplicemente goderci le cose. È un prodotto semplice: vino distillato, vale a dire, si fa fermentare qualsiasi tipo di frutta nel vino, quindi si prende quel vino e lo si distilla in un liquore più forte. Il brandy potrebbe passare un po' di tempo in rovere, anche se ci sono anche acquavite di frutta giovane (grappa austriaca) che sono incredibilmente fresche e floreali senza richiedere troppo tempo. Se non l'hai ancora fatto, concediti il ​​lusso di una bottiglia di Cognac o Armagnac, il suo cugino leggermente più turbolento.

Ouzo

Se non sei un fan della liquirizia, non sarai un fan dell'ouzo. Non che la potente sostanza chiara sia proprio come la liquirizia nera liquefatta. In realtà c'è una varietà di spezie, tra cui finocchio, coriandolo e cannella oltre alla star dello spettacolo, l'anice stellato. È potente e rinfrescante, non diversamente da un amaro, anche se sì, con un profilo aromatico completamente diverso. Aggiungi una goccia d'acqua per renderlo opaco, bianco lattiginoso, siediti e rifletti su quanto fosse stupefacente quel pasto.


La tua guida per diventare elegante con un drink dopo cena

Chiunque non risparmi spazio per un drink dopo cena sta fondamentalmente ingannando se stesso. E no, non solo perché è un'opportunità in più per prenotare una notte di piacevole ebbrezza con un po' più di piacevole intossicazione. Le bevande dopo cena sono spesso utili per aiutare, ehm, il processo digestivo e/o calmare eventuali calamità di vino più cibo più cibo più torta gelato che sta succedendo nel tuo stomaco.

Ma quali sono i tuoi drink preferiti dopo cena? Sicuramente qualche immagine viene in mente di te seduto di fronte alla tua enorme collezione di libri rilegati in pelle (o rilegati in pelle, ehm, PETA), con in mano un bicchierino. Già, un bicchierino, che dobbiamo supporre sia chiamato per l'atto di annusare? In quel bicchierino, qualcosa di ricco e caldo e possibilmente speziato - il tipo di bevanda con cui puoi "ritirarti in salotto" per discutere di politica, o The Bachelorette.

Fortunatamente c'è un canone di base - e classico - di opzioni di drink dopo cena praticamente garantito per soddisfare la diversità dei palati là fuori. Non tutti vogliono un amaro agrodolce, e solo pochi selezionati e coraggiosi possono bere Ouzo in compagnia senza che le cose vadano vero strano.

36 regali e gadget per chi ama le bevande

Liquore

Questa è una categoria difficile, solo perché è gigante. I liquori sono fondamentalmente liquori zuccherati, spesso a basso contenuto alcolico, ma per il resto è una terra di sapori di caramelle. Potresti avere Midori, o Chartreuse, o qualcosa come Galliano (il liquore italiano dolce al gusto di vaniglia che va nell'Harvey Wallbanger). Non tutti i liquori sono adatti al dopo cena. Midori, per esempio, o qualsiasi liquore al melone, sembrerà una giornata in spiaggia (la spiaggia di Atlantic City). Ma Chartreuse, in particolare la variante gialla, dovrebbe andar bene per qualche sorso dopo cena.

Amaro

Abbiamo esaminato a lungo l'amaro altrove, ma tutto ciò che devi sapere qui è che gli amari sono fondamentalmente liquori italiani agrodolci (vedi sopra) destinati ad aiutare la digestione. Beh, alcuni lo fanno. Molti amari contengono spezie e corteccia e scorza di agrumi, creando sapori ricchi, scuri e persino di menta che in qualche modo si uniscono al tuo stomaco testardo e inducono la digestione. Ma puoi anche ottenere amari più amari e agrumati come Campari, che è un aperitivo perfetto. In generale, però, gli amari danno il meglio di sé quando sono cola-scuri, freschi, piccanti e sorseggiabili.

Vermut

Vermut. Vino aromatizzato, fortificato. Sì, niente di tutto questo ha un senso intuitivo per un bevitore abituale, ma il vermouth avrebbe – e dovrebbe – avere un senso nella tua routine di drink dopo cena. I vermouth in realtà sono più forti dei vini (la parte "rinforzata"), ma l'aromatizzazione è ciò che stai cercando nel tuo drink dopo cena: qualcosa di complesso, pieno di spezie e aromi di cola rinfrescanti ma anche di agrumi e, nel vermouth bianco , più fiori ed erbe. Fondamentalmente, ottime cose da sorseggiare lentamente mentre pensi a come dire al tuo partner che le sue lasagne erano banali.

Sherry

Sì, quindi dovresti essere terrorizzato o infatuato o fortemente indifferente a Sherry. Tranne, vuole assolutamente essere tuo amico. Sherry è il nuovo ragazzo che sta in piedi in lontananza, indossando un berretto Flor (scherzo sullo sherry zoppo), promettendo una complessità ricca di noci ma anche un ronzio accessibile e adatto al cibo, con una salinità dissetante che non manca mai di attirarti indietro per un altro sorso. Per il dopo cena, ti consigliamo di andare Pedro Ximenez, la variante dolce ma ancora incredibilmente complessa.

Grappa

La grappa ha una brutta reputazione, certo, ma è assolutamente un drink dopo cena ideale. Soprattutto, è forte, ovunque tra il 40 e il 50% di alcol. In realtà fanno piccoli bicchieri per assicurarsi che stiamo sorseggiando, non deglutendo. Ma forza non significa che la grappa manchi di sfumature. È fatto di vinacce (i solidi avanzi della fermentazione del vino), quindi deve avere carattere - sapore d'uva morbido, a volte "crudo", più pronunciato soprattutto ora che i venditori di grappa stanno diventando monovarietali.

Brandy

Questo è ciò che tutti pensiamo di dover bere dopo cena, ed è forse per questo che non lo facciamo? C'è un certo fattore di intimidazione con il brandy che ha davvero bisogno di andare via, quindi possiamo semplicemente goderci le cose. È un prodotto semplice: vino distillato, vale a dire, si fa fermentare qualsiasi tipo di frutta nel vino, quindi si prende quel vino e lo si distilla in un liquore più forte. Il brandy potrebbe passare un po' di tempo in rovere, anche se ci sono anche acquavite di frutta giovane (grappa austriaca) che sono incredibilmente fresche e floreali senza richiedere troppo tempo. Se non l'hai ancora fatto, concediti il ​​lusso di una bottiglia di Cognac o Armagnac, il suo cugino leggermente più turbolento.

Ouzo

Se non sei un fan della liquirizia, non sarai un fan dell'ouzo. Non che la potente sostanza chiara sia proprio come la liquirizia nera liquefatta. In realtà c'è una varietà di spezie, tra cui finocchio, coriandolo e cannella oltre alla star dello spettacolo, l'anice stellato. È potente e rinfrescante, non diversamente da un amaro, anche se sì, con un profilo aromatico completamente diverso. Aggiungi una goccia d'acqua per renderlo opaco, bianco latte, siediti e rifletti su quanto fosse stupefacente quel pasto.


La tua guida per diventare elegante con un drink dopo cena

Chiunque non risparmi spazio per un drink dopo cena sta praticamente barando. E no, non solo perché è un'opportunità in più per prenotare una notte di piacevole ebbrezza con un po' più di piacevole intossicazione. Le bevande dopo cena sono spesso utili per aiutare, ehm, il processo digestivo e/o calmare eventuali calamità di vino più cibo più cibo più torta gelato che sta succedendo nel tuo stomaco.

Ma quali sono i tuoi drink preferiti dopo cena? Sicuramente qualche immagine viene in mente di te seduto di fronte alla tua enorme collezione di libri rilegati in pelle (o rilegati in pelle, ehm, PETA), con in mano un bicchierino. Già, un bicchierino, che dobbiamo supporre sia chiamato per l'atto di annusare? In quel bicchierino, qualcosa di ricco e caldo e possibilmente speziato - il tipo di bevanda con cui puoi "ritirarti in salotto" per discutere di politica, o The Bachelorette.

Fortunatamente c'è un canone di base - e classico - di opzioni di drink dopo cena praticamente garantito per soddisfare la diversità dei palati là fuori. Non tutti vogliono un amaro agrodolce, e solo pochi selezionati e coraggiosi possono bere Ouzo in compagnia senza che le cose vadano vero strano.

36 regali e gadget per chi ama le bevande

Liquore

Questa è una categoria difficile, solo perché è gigante. I liquori sono fondamentalmente liquori zuccherati, spesso a basso contenuto alcolico, ma per il resto è una terra di sapori di caramelle. Potresti avere Midori, o Chartreuse, o qualcosa come Galliano (il liquore italiano dolce al gusto di vaniglia che va nell'Harvey Wallbanger). Non tutti i liquori sono adatti al dopo cena. Midori, per esempio, o qualsiasi liquore al melone, sembrerà una giornata in spiaggia (la spiaggia di Atlantic City). Ma Chartreuse, in particolare la variante gialla, dovrebbe andar bene per qualche sorso dopo cena.

Amaro

Abbiamo esaminato a lungo l'amaro altrove, ma tutto ciò che devi sapere qui è che gli amari sono fondamentalmente liquori italiani agrodolci (vedi sopra) destinati ad aiutare la digestione. Beh, alcuni lo fanno. Molti amari contengono spezie e corteccia e scorza di agrumi, creando sapori ricchi, scuri e persino di menta che in qualche modo si uniscono al tuo stomaco testardo e inducono la digestione. Ma puoi anche ottenere amari più amari e agrumati come Campari, che è un aperitivo perfetto. In generale, però, gli amari danno il meglio di sé quando sono cola-scuri, freschi, piccanti e sorseggiabili.

Vermut

Vermut. Vino aromatizzato e fortificato. Sì, niente di tutto questo ha un senso intuitivo per un bevitore abituale, ma il vermouth avrebbe – e dovrebbe – avere un senso nella tua routine di drink dopo cena. I vermouth in realtà sono più forti dei vini (la parte "rinforzata"), ma l'aromatizzazione è ciò che stai cercando nel tuo drink dopo cena - qualcosa di complesso, pieno di spezie e aromi di cola rinfrescanti ma anche di agrumi e, nel vermouth bianco , più fiori ed erbe. Fondamentalmente, ottime cose da sorseggiare lentamente mentre pensi a come dire al tuo partner che le sue lasagne erano banali.

Sherry

Sì, quindi dovresti essere terrorizzato o infatuato o fortemente indifferente a Sherry. Tranne, vuole assolutamente essere tuo amico. Sherry è il nuovo tipo di ragazzo che sta in piedi in lontananza, indossando un berretto Flor (scherzo sullo sherry zoppo), promettendo una complessità ricca di noci ma anche un ronzio accessibile e adatto al cibo, con una salinità che disseta che non manca mai di attirarti indietro per un altro sorso. Per il dopo cena, ti consigliamo di andare Pedro Ximenez, la variante dolce ma ancora incredibilmente complessa.

Grappa

La grappa ha una brutta reputazione, certo, ma è assolutamente un drink dopo cena ideale. Soprattutto, è forte, ovunque tra il 40 e il 50% di alcol. In realtà fanno piccoli bicchieri per assicurarsi che stiamo sorseggiando, non deglutendo. Ma forza non significa che la grappa manchi di sfumature. È fatto di vinacce (i solidi avanzi della fermentazione del vino), quindi deve avere carattere - sapore d'uva morbido, a volte "crudo", più pronunciato soprattutto ora che i venditori di grappa stanno diventando monovarietali.

Brandy

Questo è ciò che tutti pensiamo di dover bere dopo cena, ed è forse per questo che non lo facciamo? C'è un certo fattore di intimidazione con il brandy che ha davvero bisogno di andare via, quindi possiamo semplicemente goderci le cose. È un prodotto semplice: vino distillato, vale a dire, si fa fermentare qualsiasi tipo di frutta nel vino, quindi si prende quel vino e lo si distilla in un liquore più forte. Il brandy potrebbe passare un po' di tempo in rovere, anche se ci sono anche acquavite di frutta giovane (grappa austriaca) che sono incredibilmente fresche e floreali senza richiedere troppo tempo. Se non l'hai ancora fatto, concediti il ​​lusso di una bottiglia di Cognac o Armagnac, il suo cugino leggermente più turbolento.

Ouzo

Se non sei un fan della liquirizia, non sarai un fan dell'ouzo. Non che la potente sostanza chiara sia proprio come la liquirizia nera liquefatta. In realtà c'è una varietà di spezie, tra cui finocchio, coriandolo e cannella oltre alla star dello spettacolo, l'anice stellato. È potente e rinfrescante, non diversamente da un amaro, anche se sì, con un profilo aromatico completamente diverso. Aggiungi una goccia d'acqua per renderlo opaco, bianco lattiginoso, siediti e rifletti su quanto fosse stupefacente quel pasto.


La tua guida per diventare elegante con un drink dopo cena

Chiunque non risparmi spazio per un drink dopo cena sta fondamentalmente ingannando se stesso. E no, non solo perché è un'opportunità in più per prenotare una notte di piacevole ebbrezza con un po' più di piacevole intossicazione. Le bevande dopo cena sono spesso utili per aiutare, ehm, il processo digestivo e/o calmare eventuali calamità di vino più cibo più cibo più torta gelato che sta succedendo nel tuo stomaco.

Ma quali sono i tuoi drink preferiti dopo cena? Sicuramente qualche immagine viene in mente di te seduto di fronte alla tua enorme collezione di libri rilegati in pelle (o rilegati in pelle, ehm, PETA), con in mano un bicchierino. Già, un bicchierino, che dobbiamo supporre sia chiamato per l'atto di annusare? In quel bicchierino, qualcosa di ricco e caldo e possibilmente speziato - il tipo di bevanda con cui puoi "ritirarti in salotto" per discutere di politica, o The Bachelorette.

Fortunatamente c'è un canone di base - e classico - di opzioni di drink dopo cena praticamente garantito per soddisfare la diversità dei palati là fuori. Non tutti vogliono un amaro agrodolce, e solo pochi selezionati e coraggiosi possono bere Ouzo in compagnia senza che le cose vadano vero strano.

36 regali e gadget per chi ama le bevande

Liquore

Questa è una categoria difficile, solo perché è gigante. I liquori sono fondamentalmente liquori zuccherati, spesso a basso contenuto alcolico, ma per il resto è una terra di sapori di caramelle. Potresti avere Midori, o Chartreuse, o qualcosa come Galliano (il liquore italiano dolce al gusto di vaniglia che va nell'Harvey Wallbanger). Non tutti i liquori sono adatti al dopo cena. Midori, per esempio, o qualsiasi liquore al melone, sembrerà una giornata in spiaggia (la spiaggia di Atlantic City). Ma Chartreuse, in particolare la variante gialla, dovrebbe andar bene per qualche sorso dopo cena.

Amaro

Abbiamo esaminato a lungo l'amaro altrove, ma tutto ciò che devi sapere qui è che gli amari sono fondamentalmente liquori italiani agrodolci (vedi sopra) destinati ad aiutare la digestione. Beh, alcuni lo fanno. Molti amari contengono spezie e corteccia e scorza di agrumi, creando sapori ricchi, scuri e persino di menta che in qualche modo si uniscono al tuo stomaco testardo e inducono la digestione. Ma puoi anche ottenere amari più amari e agrumati come Campari, che è un aperitivo perfetto. In generale, però, gli amari danno il meglio di sé quando sono cola-scuri, freschi, speziati e bevibili.

Vermut

Vermut. Vino aromatizzato, fortificato. Sì, niente di tutto questo ha un senso intuitivo per un bevitore abituale, ma il vermouth avrebbe – e dovrebbe – avere un senso nella tua routine di drink dopo cena. I vermouth in realtà sono più forti dei vini (la parte "rinforzata"), ma l'aromatizzazione è ciò che stai cercando nel tuo drink dopo cena - qualcosa di complesso, pieno di spezie e aromi di cola rinfrescanti ma anche di agrumi e, nel vermouth bianco , più fiori ed erbe. Fondamentalmente, ottime cose da sorseggiare lentamente mentre pensi a come dire al tuo partner che le sue lasagne erano banali.

Sherry

Sì, quindi dovresti essere terrorizzato o infatuato o fortemente indifferente a Sherry. Tranne, vuole assolutamente essere tuo amico. Sherry è il nuovo tipo di ragazzo che sta in piedi in lontananza, indossando un berretto Flor (scherzo sullo sherry zoppo), promettendo una complessità ricca di noci ma anche un ronzio accessibile e adatto al cibo, con una salinità che disseta che non manca mai di attirarti indietro per un altro sorso. Per il dopo cena, ti consigliamo di andare Pedro Ximenez, la variante dolce ma ancora incredibilmente complessa.

Grappa

La grappa ha una brutta reputazione, certo, ma è assolutamente un drink dopo cena ideale. Soprattutto, è forte, ovunque tra il 40 e il 50 percento di alcol. They they actually make tiny glasses for it to ensure we’re sipping, not gulping. But strength doesn’t mean grappa lacks nuance. It’s made from pomace (the solid leftovers of wine fermentation), so it’s gotta have character — smooth, sometimes “raw” grape flavor, more pronounced especially now that grappa sellers are going single varietal.

Brandy

This is what we all think we’re supposed to drink after dinner, which is maybe why we don’t? There’s a certain intimidation factor with brandy that really needs to go away, so we can all just enjoy the stuff. It’s a simple product: distilled wine, which is to say, you ferment any kind of fruit into wine, then take that wine and distill it into a stronger liquor. Brandy might see some time in oak, though there are also young fruit brandies (Austrian schnapps) that are incredibly fresh and floral without requiring too much time. If you haven’t yet, splurge on a bottle of Cognac or Armagnac, its slightly rowdier cousin.

Ouzo

If you’re not a licorice fan, you won’t be an ouzo fan. Not that the potent clear stuff is just like liquefied black licorice. There’s actually a variety of spices, including fennel, coriander, and cinnamon in addition to the star of the show, star anise. It’s potent and cooling, not unlike an amaro, although yeah, with an entirely different flavor profile. Add a drop of water to turn it opaque, milky white, sit back, and reflect on how dope that meal was.


Your Guide To Getting All Classy With After Dinner Drinks

Anyone who doesn’t save room for a drink after dinner is basically cheating themselves. And no, not just because it’s an extra opportunity to bookend a night of pleasant intoxication with just a bit more pleasant intoxication. After-dinner drinks are often useful to help, er, goose the digestive process and/or calm any calamities of wine plus food plus more food plus ice cream cake currently going on in your stomach.

But what are your basic after-dinner drink go-tos? Surely some image comes to mind of you sitting in front of your massive leather-bound (or pleather-bound, ahem, PETA) book collection, holding a snifter. Yeah, a snifter, which we have to assume is named for the act of sniffing? In that snifter, something rich and warming and possibly spiced — the kind of drink you can “retire to the drawing room” with to discuss politics, or The Bachelorette.

Fortunately there’s a basic — and classic — canon of after dinner drink options pretty much guaranteed to satisfy the diversity of palates out there. Not everyone wants a bittersweet amaro, and only a select, brave few can down Ouzo in company without things getting vero weird.

36 Gifts and Gadgets For Anyone Who Loves Drinks

Liqueur

This one’s a tough category, only because it’s giant. Liqueurs are basically sweetened liquors, often lower alcohol, but otherwise it’s a candy land of flavors. You might have Midori, or Chartreuse, or something like Galliano (the sweet vanilla-flavored Italian liqueur that goes into the Harvey Wallbanger). Not every liqueur is right for after dinner. Midori, for instance, or any melon liqueur, will feel like a day at the beach (the Atlantic City beach). But Chartreuse, especially the yellow variant, should do you just fine for some post-supper sipping.

Amaro

We’ve gone over amaro at length elsewhere, but all you need to know here is that amari are basically bittersweet Italian liqueuers (see above) intended to help aid digestion. Well, some do. Many amari contain spices and bark and citrus peel, creating rich, dark, and even minty flavors that somehow gang up on your stubborn stomach and induce digestion. But you can also get more citrus-bitter focused amari like Campari, which is a perfect aperitivo. Generally speaking, though, amari are at their best when they’re cola-dark, cool, spicy, and sippable.

Vermut

Vermouth. Aromatized, fortified wine. Yeah, none of that makes any intuitive sense to a regular drinker, but vermouth would — and should — make sense in your after-dinner drink routine. Vermouths actually are stronger than wines (the “fortified” part), but the aromatization is what you’re looking for in your after-dinner drink — something complex, full of spice and cooling cola flavors but also pert citrus and, in white vermouth, more florals and herbs. Basically, great stuff to slowly sip while you think about how to tell your partner her lasagna was pedestrian.

Sherry

Yeah, so you’re supposed to be terrified or infatuated with, or powerfully indifferent to, Sherry. Except, it absolutely wants to be friends with you. Sherry is the new kid kind of standing off in the distance, wearing a Flor cap (lame sherry joke), promising nutty-rich complexity but also an approachable and food-friendly buzz, with a thirst-slaking salinity that never fails to draw you back for another sip. For after dinner, you’ll want to go Pedro Ximenez, the sweet but still incredibly complex, variant.

Grappa

Grappa gets a bad rap, sure, but it’s absolutely an ideal after dinner drink. Above all, it’s strong, anywhere between 40 to 50 percent alcohol. They they actually make tiny glasses for it to ensure we’re sipping, not gulping. But strength doesn’t mean grappa lacks nuance. It’s made from pomace (the solid leftovers of wine fermentation), so it’s gotta have character — smooth, sometimes “raw” grape flavor, more pronounced especially now that grappa sellers are going single varietal.

Brandy

This is what we all think we’re supposed to drink after dinner, which is maybe why we don’t? There’s a certain intimidation factor with brandy that really needs to go away, so we can all just enjoy the stuff. It’s a simple product: distilled wine, which is to say, you ferment any kind of fruit into wine, then take that wine and distill it into a stronger liquor. Brandy might see some time in oak, though there are also young fruit brandies (Austrian schnapps) that are incredibly fresh and floral without requiring too much time. If you haven’t yet, splurge on a bottle of Cognac or Armagnac, its slightly rowdier cousin.

Ouzo

If you’re not a licorice fan, you won’t be an ouzo fan. Not that the potent clear stuff is just like liquefied black licorice. There’s actually a variety of spices, including fennel, coriander, and cinnamon in addition to the star of the show, star anise. It’s potent and cooling, not unlike an amaro, although yeah, with an entirely different flavor profile. Add a drop of water to turn it opaque, milky white, sit back, and reflect on how dope that meal was.


Your Guide To Getting All Classy With After Dinner Drinks

Anyone who doesn’t save room for a drink after dinner is basically cheating themselves. And no, not just because it’s an extra opportunity to bookend a night of pleasant intoxication with just a bit more pleasant intoxication. After-dinner drinks are often useful to help, er, goose the digestive process and/or calm any calamities of wine plus food plus more food plus ice cream cake currently going on in your stomach.

But what are your basic after-dinner drink go-tos? Surely some image comes to mind of you sitting in front of your massive leather-bound (or pleather-bound, ahem, PETA) book collection, holding a snifter. Yeah, a snifter, which we have to assume is named for the act of sniffing? In that snifter, something rich and warming and possibly spiced — the kind of drink you can “retire to the drawing room” with to discuss politics, or The Bachelorette.

Fortunately there’s a basic — and classic — canon of after dinner drink options pretty much guaranteed to satisfy the diversity of palates out there. Not everyone wants a bittersweet amaro, and only a select, brave few can down Ouzo in company without things getting vero weird.

36 Gifts and Gadgets For Anyone Who Loves Drinks

Liqueur

This one’s a tough category, only because it’s giant. Liqueurs are basically sweetened liquors, often lower alcohol, but otherwise it’s a candy land of flavors. You might have Midori, or Chartreuse, or something like Galliano (the sweet vanilla-flavored Italian liqueur that goes into the Harvey Wallbanger). Not every liqueur is right for after dinner. Midori, for instance, or any melon liqueur, will feel like a day at the beach (the Atlantic City beach). But Chartreuse, especially the yellow variant, should do you just fine for some post-supper sipping.

Amaro

We’ve gone over amaro at length elsewhere, but all you need to know here is that amari are basically bittersweet Italian liqueuers (see above) intended to help aid digestion. Well, some do. Many amari contain spices and bark and citrus peel, creating rich, dark, and even minty flavors that somehow gang up on your stubborn stomach and induce digestion. But you can also get more citrus-bitter focused amari like Campari, which is a perfect aperitivo. Generally speaking, though, amari are at their best when they’re cola-dark, cool, spicy, and sippable.

Vermut

Vermouth. Aromatized, fortified wine. Yeah, none of that makes any intuitive sense to a regular drinker, but vermouth would — and should — make sense in your after-dinner drink routine. Vermouths actually are stronger than wines (the “fortified” part), but the aromatization is what you’re looking for in your after-dinner drink — something complex, full of spice and cooling cola flavors but also pert citrus and, in white vermouth, more florals and herbs. Basically, great stuff to slowly sip while you think about how to tell your partner her lasagna was pedestrian.

Sherry

Yeah, so you’re supposed to be terrified or infatuated with, or powerfully indifferent to, Sherry. Except, it absolutely wants to be friends with you. Sherry is the new kid kind of standing off in the distance, wearing a Flor cap (lame sherry joke), promising nutty-rich complexity but also an approachable and food-friendly buzz, with a thirst-slaking salinity that never fails to draw you back for another sip. For after dinner, you’ll want to go Pedro Ximenez, the sweet but still incredibly complex, variant.

Grappa

Grappa gets a bad rap, sure, but it’s absolutely an ideal after dinner drink. Above all, it’s strong, anywhere between 40 to 50 percent alcohol. They they actually make tiny glasses for it to ensure we’re sipping, not gulping. But strength doesn’t mean grappa lacks nuance. It’s made from pomace (the solid leftovers of wine fermentation), so it’s gotta have character — smooth, sometimes “raw” grape flavor, more pronounced especially now that grappa sellers are going single varietal.

Brandy

This is what we all think we’re supposed to drink after dinner, which is maybe why we don’t? There’s a certain intimidation factor with brandy that really needs to go away, so we can all just enjoy the stuff. It’s a simple product: distilled wine, which is to say, you ferment any kind of fruit into wine, then take that wine and distill it into a stronger liquor. Brandy might see some time in oak, though there are also young fruit brandies (Austrian schnapps) that are incredibly fresh and floral without requiring too much time. If you haven’t yet, splurge on a bottle of Cognac or Armagnac, its slightly rowdier cousin.

Ouzo

If you’re not a licorice fan, you won’t be an ouzo fan. Not that the potent clear stuff is just like liquefied black licorice. There’s actually a variety of spices, including fennel, coriander, and cinnamon in addition to the star of the show, star anise. It’s potent and cooling, not unlike an amaro, although yeah, with an entirely different flavor profile. Add a drop of water to turn it opaque, milky white, sit back, and reflect on how dope that meal was.


Your Guide To Getting All Classy With After Dinner Drinks

Anyone who doesn’t save room for a drink after dinner is basically cheating themselves. And no, not just because it’s an extra opportunity to bookend a night of pleasant intoxication with just a bit more pleasant intoxication. After-dinner drinks are often useful to help, er, goose the digestive process and/or calm any calamities of wine plus food plus more food plus ice cream cake currently going on in your stomach.

But what are your basic after-dinner drink go-tos? Surely some image comes to mind of you sitting in front of your massive leather-bound (or pleather-bound, ahem, PETA) book collection, holding a snifter. Yeah, a snifter, which we have to assume is named for the act of sniffing? In that snifter, something rich and warming and possibly spiced — the kind of drink you can “retire to the drawing room” with to discuss politics, or The Bachelorette.

Fortunately there’s a basic — and classic — canon of after dinner drink options pretty much guaranteed to satisfy the diversity of palates out there. Not everyone wants a bittersweet amaro, and only a select, brave few can down Ouzo in company without things getting vero weird.

36 Gifts and Gadgets For Anyone Who Loves Drinks

Liqueur

This one’s a tough category, only because it’s giant. Liqueurs are basically sweetened liquors, often lower alcohol, but otherwise it’s a candy land of flavors. You might have Midori, or Chartreuse, or something like Galliano (the sweet vanilla-flavored Italian liqueur that goes into the Harvey Wallbanger). Not every liqueur is right for after dinner. Midori, for instance, or any melon liqueur, will feel like a day at the beach (the Atlantic City beach). But Chartreuse, especially the yellow variant, should do you just fine for some post-supper sipping.

Amaro

We’ve gone over amaro at length elsewhere, but all you need to know here is that amari are basically bittersweet Italian liqueuers (see above) intended to help aid digestion. Well, some do. Many amari contain spices and bark and citrus peel, creating rich, dark, and even minty flavors that somehow gang up on your stubborn stomach and induce digestion. But you can also get more citrus-bitter focused amari like Campari, which is a perfect aperitivo. Generally speaking, though, amari are at their best when they’re cola-dark, cool, spicy, and sippable.

Vermut

Vermouth. Aromatized, fortified wine. Yeah, none of that makes any intuitive sense to a regular drinker, but vermouth would — and should — make sense in your after-dinner drink routine. Vermouths actually are stronger than wines (the “fortified” part), but the aromatization is what you’re looking for in your after-dinner drink — something complex, full of spice and cooling cola flavors but also pert citrus and, in white vermouth, more florals and herbs. Basically, great stuff to slowly sip while you think about how to tell your partner her lasagna was pedestrian.

Sherry

Yeah, so you’re supposed to be terrified or infatuated with, or powerfully indifferent to, Sherry. Except, it absolutely wants to be friends with you. Sherry is the new kid kind of standing off in the distance, wearing a Flor cap (lame sherry joke), promising nutty-rich complexity but also an approachable and food-friendly buzz, with a thirst-slaking salinity that never fails to draw you back for another sip. For after dinner, you’ll want to go Pedro Ximenez, the sweet but still incredibly complex, variant.

Grappa

Grappa gets a bad rap, sure, but it’s absolutely an ideal after dinner drink. Above all, it’s strong, anywhere between 40 to 50 percent alcohol. They they actually make tiny glasses for it to ensure we’re sipping, not gulping. But strength doesn’t mean grappa lacks nuance. It’s made from pomace (the solid leftovers of wine fermentation), so it’s gotta have character — smooth, sometimes “raw” grape flavor, more pronounced especially now that grappa sellers are going single varietal.

Brandy

This is what we all think we’re supposed to drink after dinner, which is maybe why we don’t? There’s a certain intimidation factor with brandy that really needs to go away, so we can all just enjoy the stuff. It’s a simple product: distilled wine, which is to say, you ferment any kind of fruit into wine, then take that wine and distill it into a stronger liquor. Brandy might see some time in oak, though there are also young fruit brandies (Austrian schnapps) that are incredibly fresh and floral without requiring too much time. If you haven’t yet, splurge on a bottle of Cognac or Armagnac, its slightly rowdier cousin.

Ouzo

If you’re not a licorice fan, you won’t be an ouzo fan. Not that the potent clear stuff is just like liquefied black licorice. There’s actually a variety of spices, including fennel, coriander, and cinnamon in addition to the star of the show, star anise. It’s potent and cooling, not unlike an amaro, although yeah, with an entirely different flavor profile. Add a drop of water to turn it opaque, milky white, sit back, and reflect on how dope that meal was.


Your Guide To Getting All Classy With After Dinner Drinks

Anyone who doesn’t save room for a drink after dinner is basically cheating themselves. And no, not just because it’s an extra opportunity to bookend a night of pleasant intoxication with just a bit more pleasant intoxication. After-dinner drinks are often useful to help, er, goose the digestive process and/or calm any calamities of wine plus food plus more food plus ice cream cake currently going on in your stomach.

But what are your basic after-dinner drink go-tos? Surely some image comes to mind of you sitting in front of your massive leather-bound (or pleather-bound, ahem, PETA) book collection, holding a snifter. Yeah, a snifter, which we have to assume is named for the act of sniffing? In that snifter, something rich and warming and possibly spiced — the kind of drink you can “retire to the drawing room” with to discuss politics, or The Bachelorette.

Fortunately there’s a basic — and classic — canon of after dinner drink options pretty much guaranteed to satisfy the diversity of palates out there. Not everyone wants a bittersweet amaro, and only a select, brave few can down Ouzo in company without things getting vero weird.

36 Gifts and Gadgets For Anyone Who Loves Drinks

Liqueur

This one’s a tough category, only because it’s giant. Liqueurs are basically sweetened liquors, often lower alcohol, but otherwise it’s a candy land of flavors. You might have Midori, or Chartreuse, or something like Galliano (the sweet vanilla-flavored Italian liqueur that goes into the Harvey Wallbanger). Not every liqueur is right for after dinner. Midori, for instance, or any melon liqueur, will feel like a day at the beach (the Atlantic City beach). But Chartreuse, especially the yellow variant, should do you just fine for some post-supper sipping.

Amaro

We’ve gone over amaro at length elsewhere, but all you need to know here is that amari are basically bittersweet Italian liqueuers (see above) intended to help aid digestion. Well, some do. Many amari contain spices and bark and citrus peel, creating rich, dark, and even minty flavors that somehow gang up on your stubborn stomach and induce digestion. But you can also get more citrus-bitter focused amari like Campari, which is a perfect aperitivo. Generally speaking, though, amari are at their best when they’re cola-dark, cool, spicy, and sippable.

Vermut

Vermouth. Aromatized, fortified wine. Yeah, none of that makes any intuitive sense to a regular drinker, but vermouth would — and should — make sense in your after-dinner drink routine. Vermouths actually are stronger than wines (the “fortified” part), but the aromatization is what you’re looking for in your after-dinner drink — something complex, full of spice and cooling cola flavors but also pert citrus and, in white vermouth, more florals and herbs. Basically, great stuff to slowly sip while you think about how to tell your partner her lasagna was pedestrian.

Sherry

Yeah, so you’re supposed to be terrified or infatuated with, or powerfully indifferent to, Sherry. Except, it absolutely wants to be friends with you. Sherry is the new kid kind of standing off in the distance, wearing a Flor cap (lame sherry joke), promising nutty-rich complexity but also an approachable and food-friendly buzz, with a thirst-slaking salinity that never fails to draw you back for another sip. For after dinner, you’ll want to go Pedro Ximenez, the sweet but still incredibly complex, variant.

Grappa

Grappa gets a bad rap, sure, but it’s absolutely an ideal after dinner drink. Above all, it’s strong, anywhere between 40 to 50 percent alcohol. They they actually make tiny glasses for it to ensure we’re sipping, not gulping. But strength doesn’t mean grappa lacks nuance. It’s made from pomace (the solid leftovers of wine fermentation), so it’s gotta have character — smooth, sometimes “raw” grape flavor, more pronounced especially now that grappa sellers are going single varietal.

Brandy

This is what we all think we’re supposed to drink after dinner, which is maybe why we don’t? There’s a certain intimidation factor with brandy that really needs to go away, so we can all just enjoy the stuff. It’s a simple product: distilled wine, which is to say, you ferment any kind of fruit into wine, then take that wine and distill it into a stronger liquor. Brandy might see some time in oak, though there are also young fruit brandies (Austrian schnapps) that are incredibly fresh and floral without requiring too much time. If you haven’t yet, splurge on a bottle of Cognac or Armagnac, its slightly rowdier cousin.

Ouzo

If you’re not a licorice fan, you won’t be an ouzo fan. Not that the potent clear stuff is just like liquefied black licorice. There’s actually a variety of spices, including fennel, coriander, and cinnamon in addition to the star of the show, star anise. It’s potent and cooling, not unlike an amaro, although yeah, with an entirely different flavor profile. Add a drop of water to turn it opaque, milky white, sit back, and reflect on how dope that meal was.